Stai in contatto

Attualità

CAMORRA / Ordigno esploso a Casoria, il virus che non ha vaccino colpisce ancora

Pubblicato

il

L’ordigno che ha distrutto i negozi della Galleria Marconi di Casoria nella notte tra domenica e lunedì grida ancora vendetta dopo aver scosso l’intera comunità. Il forte boato deflagrato intorno all’una meno dieci si è esteso fino alle province limitrofe mentre la nube di fumo si allargava rapidamente per qualche chilometro sulla periferia napoletana. 

La bomba carta non ha procurato nessun ferito ma ha danneggiato saracinesche e automobili che si trovavano nelle vicinanze. Sono intervenuti subito carabinieri e pompieri e sul posto sono giunti anche alcuni proprietari dei negozi colpiti dall’esplosione, assistendo atterriti e in preda alla disperazione allo scenario di guerra che gli si parava davanti agli occhi.

C’è che sei proprietario di un umile negozio, arriva un virus globale e ti mette in ginocchio economicamente. C’è che finalmente passata la restrizione della zona rossa puoi riaprire e avere la dignità di vivere un sereno Natale. C’è che arriva un altro virus, chiamato Camorra, che rade al suolo ogni tua speranza. Alla malavita non c’è vaccino, nessuna restrizione e nessuna quarantena.

Una provincia flagellato dalla camorra

E’ l’ennesimo episodio di una provincia colpita dalla malavita. Il 19 giugno scorso, in via Lecce, è stata fatta esplodere un’altra bomba davanti al portone di un condominio. E a Ottobre dello scorso anno, un altro ordigno ha devastato le serrande di un negozio di abbigliamento sempre a Via Marconi.

Queste le parole del sindaco Raffaele Bene: “L’esplosione che stanotte ha devastato la Galleria Marconi, nel pieno centro di Casoria, è la conferma della vigliaccheria della malavita che continua a vessare commercianti e tenta di impaurire i cittadini. Siamo tutti provati da questa pandemia, siamo tutti stanchi ed indignati per come la criminalità offende e mortifica il nostro territorio. Siamo ovviamente vicini ai commercianti e a tutti i cittadini colpiti e ci faremo interpreti, anche presso il Prefetto di Napoli del crescente senso di insicurezza generato da questi episodi nonché della necessità sempre più urgente di intensificare il controllo e la presenza delle Forze dell’Ordine.”

La solidarietà

Colpisce le persone per bene e la povera gente ma questo virus non li contagia, perché la camorra non conosce dignità. E c’è che quella gente per bene si rialza e ricomincia da zero, con una forza più potente di una bomba. Casoria trema, i casoriani e tutti noi no: già è avviata una raccolta fondi per Progress Luxury, negozio epicentro dell’attentato. Qui il link.

Luigi Pellegrino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *