Stai in contatto

News

Castel Volturno. I parroci alle istituzioni: “Basta promesse”

Castel Volturno è stanca dei soliti clichè, dei soliti impegni non mantenuti, dei continui silenzi. E, attraverso i parroci della comunità, prova a far sentire la propria voce. In un documento diffuso in queste ore dai sacerdoti, si chiede la fine delle generalizzazioni, delle chiacchiere e l’inizio, una volta per tutte, di concretezza istituzionale verso […]

Pubblicato

il

Castel Volturno è stanca dei soliti clichè, dei soliti impegni non mantenuti, dei continui silenzi. E, attraverso i parroci della comunità, prova a far sentire la propria voce.

In un documento diffuso in queste ore dai sacerdoti, si chiede la fine delle generalizzazioni, delle chiacchiere e l’inizio, una volta per tutte, di concretezza istituzionale verso questo martoriato comune in provincia di Caserta: “Dura condanna all’assalto mediatico, che salvo rare eccezioni, non si ferma alla osservazione del male, ma spesso lo amplifica dando un’immagine distorta della realtà.

Alla mafia nigeriana che gestisce, in concorrenza o combutta con le camorre locali, lo spaccio di droga e la tratta delle donne, corrispondono migliaia di immigrati che vivono onestamente e alacremente spesso sfruttati sui luoghi di lavoro e nelle abitazioni abusive.

Il risultato è una generalizzazione che genera pregiudizi e paure ingiustificate, alimentando il disagio, spianando la strada a rassicuranti scorciatoie militaristiche e creando facili giustificazioni alla mancanza di interventi sociali, vera emergenza del territorio”.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *