Stai in contatto

DueSicilieOggi

COLONIZZAZIONE / Una risposta a Paolo Savona sulle analogie tra Grecia e Sud Italia

Pubblicato

il

paolo savona
È di qualche giorno fa una lunga ed articolata intervista all’illustre economista Paolo Savona, rilasciata al giornale dell’Umbria. Il professor Savona, tra i vari argomenti in ambito di UE ed euro, affronta la “questione Grecia” ed un’eventuale implosione dell’Unione europea, spiegandoci che:”gli Usa hanno il terrore che l’Europa vada in crisi perché hanno problemi geopolitici gravissimi in tutto il mondo (…) Quindi, dal punto di vista della possibilità che l’euro deflagri, cioè finisca di esistere e che l’Europa si dissolva, in questo momento non c’è una probabilità che si realizzi un tale evento. Se però, unilateralmente, la Grecia dovesse ottenere delle concessioni, e questo è il problema che impedisce che gliele diano, probabilmente chi entra in agitazione è l’elettorato tedesco, che non vuole dividere le proprie sorti con gli altri popoli europei. In altre parole, l’elettorato tedesco nega lo scopo dell’Unione europea di cui abbiamo parlato prima. Per cui, se ci fossero delle concessioni tali, di cui potrebbero poi beneficare l’Italia, la Spagna e altri Paesi, la probabilità che sia la Germania ad uscire dall’Europa diventa forte. (…) Un Paese deve avere un piano B, perché così com’è l’Europa non regge. Sono convinto che la Germania abbia un piano B”.
Noi che siamo abituati a guardare le cose dalla “prospettiva Sud”, non possiamo non cogliere l’occasione per alcune riflessioni che ci riguardano da vicino. Intanto, dal punto di vista commerciale, non è azzardato sostenere che se il sud Italia è la Grecia “italica”, il nord Italia è la nostra Berlino. E lo spieghiamo con le parole dello stesso Savona.
Il quale, nel 2010, pubblicò uno studio sui rapporti commerciali tra nord e sud italia, di cui riportiamo qualche passaggio di nostro interesse:” Il Mezzogiorno non è assistito ma partecipa a un sistema economico che mantiene alto il potere d’acquisto delle regioni settentrionali”. Savona, infatti, spiega i meccanismi che permettono il deflusso del potere d’acquisto dei consumatori meridionali a beneficio delle imprese del centro-nord e del mondo. Inoltre, lo studio poneva l’accento sull’importanza dello sviluppo di un’autonomia economica locale, in particolare nel settore alimentare, per il quale il sud dipende quasi interamente dal nord ma potrebbe, in realtà, ottenere grossi vantaggi se si attuasse una politica maggiormente incentrata sulla produzione locale e l’eaportazione. L’economista, nel presentare lo studio, infine, faceva notare l’impossibilità del sud Italia di riprendersi economicamente, in un quadro italiano nel quale serve da mercato di sbocco per le merci nordiche. In sostanza, finché il sud servirà al nord Italia come bancomat, all’interno di un mercato protetto e praticamente privo di concorrenza, non ci sarà mai sviluppo possibile. Quindi, con un occhio alla “madre Grecia”, sarebbe forse il caso di rivedere anche la posizione del Sud Italia, all’interno dell’Italia stessa, ancor prima che dell’Europa e, magari, riscriverne completamente il destino. Se l’Europa unita non è un dogma, ancora meno lo è l’Italia unita. E, alla fine, ancora una volta, saremo noi a pagare per tutti.
 
Drusiana Vetrano
Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.