Stai in contatto

Beni Culturali

La Procura contro il Comune di Napoli: sequestrata Villa Ebe. “Rischio crollo”

Pubblicato

il

Devastata dall’incuria del Comune, Villa Ebe, sulla quale su queste pagine lanciamo l’allarme da anni, è finita ieri sotto sequestro preventivo del gip Rosamaria De Lellis, insieme al cimitero dei Colerosi, danneggiato da lavori abusivi di privati. Le indagini coordinate dal procuratore aggiunto Vincenzo Piscitelli e dal sostituto Ludovica Giugni, sono state delegate ai carabinieri del Nucleo Tutela patrimonio culturale.

Nel decreto il gip dice che il Comune doveva tutelare l’edificio

Il castello di Pizzofalcone, sottoposto a vincolo paesaggistico, rischia il crollo. Da qui il secreto per scongiurare anche pericoli contro la pubblica incolumità. Palazzo San Giacomo, secondo il gip, era «pienamente consapevole del pregio dell’immobile, di interesse particolarmente importante, aveva l’obbligo di tutelare l’edificio in modo omnicomprensivo, cioè da fattori naturali ovvero umani».

A nulla sono serviti nè la nota del 16 settembre scorso firmata dal Servizio valorizzazione città storica del Comune che aveva lanciato l’allarme sulle «precarie condizioni statiche» della struttura nè le numerosissime riunioni della commissione cultura guidata da Elena Coccia, ignorata puntualmente dalla giunta, che in questi ultimi due anni ha lanciato molte volte l’allarme sul castelletto di Lamont Young. Tutto inutile, anche se è grazie a questa battaglia in commissione che a settembre era stata annunciata poi la delibera che ha restituito – perché negli anni scorsi era stata pure resa alienabile – la villa alla città. Poi il nulla.

Le ipotesi di reato sono di “danneggiamento al patrimonio archeologico, storico o artistico” e “omissioni di lavori in edifici che minacciano rovina».

Cosa è accaduto in questi anni per Villa Ebe

Nel 1990, gli eredi di Lamont Young alienarono il Castello e le rampe di accesso allo stesso ad una Società Immobiliare poi fallita nel 1997 e nello stesso anno il Comune di Napoli acquistò il tutto per circa 2,8 milioni di euro. Da allora, purtroppo, la Villa, anziché essere recuperata e ricondotta all’antico splendore per essere utilizzata dai cittadini e dai tanti turisti, è diventata uno dei numerosi monumenti della città di Napoli colpevolmente abbandonati, devastata poi da un incendio doloso nel 2000, rimasto senza colpevole.

Nel 2006 il progetto esecutivo per il recupero

Nel 2006, dopo 9 anni dall’acquisto, il Comune approva il progetto esecutivo per il recupero e il restauro dell’edificio che destinava Villa Ebe a polo di attrazione turistica quale centro informativo e documentativo dei beni e delle attività cittadine e regionali, attrezzato con tutti i necessari servizi e munito di un grande periscopio sulla terrazza panoramica con spettacolare vista sul golfo. All’interno della Villa era prevista anche la realizzazione di un bar/ristorante e di un museo interattivo dedicato all’architettura liberty.

Nel 2020 l’adeguamento della progettazione esecutiva e l’assegnazione ai Brancaccio

20 anni dopo l’acquisto e molti anni dopo l’approvazione del progetto,il Comune si decide a dare avvio all’appalto per la “revisione e adeguamento della progettazione esecutiva” approvata nel dicembre 2006, appalto finanziato con le risorse del “Fondo di rotazione POC Campania 2014-2020″ per un importo dei lavori di € 3.019.551,26.

Alla suddetta gara di appalto per tale servizio partecipano alcuni fra i più importanti studi di ingegneria e architettura e, nella seduta pubblica del 16/10/2017, risulta aggiudicatario il Raggruppamento Temporaneo di Professionisti (RTP) con capogruppo la società di ingegneria B5 srl di Napoli di Francesca e Ugo Brancaccio, società che, tra l’altro, ha redatto il progetto esecutivo del restauro del Colosseo e di atti importanti beni culturali.

Dopo di che il caos

L’anno dopo il Comune revoca l’aggiudicazione dell’appalto per la pretesa insussistenza dei requisiti per la partecipazione alla gara in capo ad uno dei suddetti mandanti del Raggruppamento. Con ricorso notificato in data 09/11/2018, la società B5 s.r.l. impugna innanzi al TAR Campania il suddetto provvedimento di revoca dell’aggiudicazione ma, con Sentenza n. 7365/2018, pubblicata il 28/12/2018, il TAR Campania definitivamente pronunciandosi sul ricorso, lo accoglie e per l’effetto annulla la determinazione di revoca.

Il Comune di Napoli con apposita delibera di Giunta comunale n. 101 del 21/03/2019 accetta la suddetta Sentenza del TAR Campania, comunicando, a fine luglio 2019, che “I’aggiudicazione in favore del raggruppamento temporaneo composto da B5 srl (mandatario) … è divenuta efficace a seguito della positiva verifica del possesso dei requisiti …”.

Con nota del 08/08/2019, il Comune di Napoli richiede di “voler produrre – ai fini della stipula del contratto in oggetto – tutta la documentazione utile …”.

Nel 2020 il Comune fa rientrare Villa Ebe tra i beni alienabili

Dopo che il RTP vi aveva provveduto, incredibilmente, con nota del 19/02/2020, gli Uffici Comunali si ricordano che “Villa Ebe rientra nell’elenco degli immobili che l’Ente ha intenzione di dismettere”, come deliberato ben DUE anni prima dal Consiglio Comunale (con delibera n. 28 del 23/04/2018) e comunicano “l’avvio del procedimento diretto alla revoca dell’aggiudicazione dell’appalto e di annullamento dell’intera procedura di gara”.

Con nota del 25 aprile u.s. viene trasmessa al RTP con B5 srl capogruppo la ulteriore Determinazione Dirigenziale n. 6 del 07/04/2020 che revoca nuovamente l’aggiudicazione dell’appalto relativo al servizio di progettazione revocando inoltre l’intera procedura di gara per l’affidamento del suddetto servizio.

Nel 2020 il cambiamento di destinazione ma nessuna documentazione per procedere con i lavori

Con l’approvazione del nuovo bilancio previsionale è stata esclusa Villa Ebe dal piano dismissione beni. Sarebbe stato a questo punto necessario l’annullamento e/o alla revoca della Determinazione Dirigenziale. Anche perché questo cambio ulteriore avrebbe aperto un inutile e costoso contenzioso . Cosa è accaduto da allora non è dato però sapere.

Lo scorso 25 febbraio il Vicesindaco Carmine Piscopo aveva firmato un’ordinanza su Villa Ebe. L’Unità operativa tutela patrimonio della Polizia Municipale, il Servizio valorizzazione dei beni culturali del Comune e i Servizi Sociali della Prima Municipalità avevano effettuato alcune operazioni, tra cui lo sgombero della coppia che vi viveva ormai da tempo. «L’aggiudicazione al gruppo dei progettisti, con cui abbiamo già avuto una riunione, è già formulata. Ora sono in atto alcune verifiche”  aveva dichiarato Piscopo, sottolinando che “dopo l’eventuale ok ci sarà un sopralluogo per poi adeguare la progettazione definitiva”.

Sequestrato per lavori abusivi anche il Cimitero dei Colerosi

Per quanto riguarda il Cimitero dei colerosi si è trattato, invece, di un sequestro probatorio disposto d’urgenza dalla Procura: la struttura, realizzata per seppellire le vittime dell’epidemia di colera del 1836 alle spalle del Cimitero delle 366 fosse, è stata stravolta dai lavori, “senza autorizzazione” scrive il gip, realizzati in una vicina officina meccanica, il cui titolare è indagato.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *