Stai in contatto

Imprese

L’INTERVISTA / Giuseppe Zeno, un Re Vesuvio che ha esportato l’eccellenza del sud nel mondo

Pubblicato

il

Vive all’estero, opera nei mercati internazionali, e porta Napoli con sè esportando prodotti di eccellenza grazie a marchi come Re Vesuvio e Campi di Zeus. Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Giuseppe Zeno, della Giuseppe Zeno Family Group, un imprenditore napoletano di successo che dall’estero guarda Napoli con occhi più obiettivi, ma soprattutto con quella pragmaticità che molti media ignorano. Soprattutto nel contesto storico attuale, le sue indicazioni, in merito alla “napoletanità nel mondo” ci risultano essere quanto mai preziose, al fine di individuare quelle potenzialità non sempre intercettate da un sistema mediatico miope e poco aggiornato.

Giuseppe, Come nasci lavorativamente parlando?

“Fin dall’anno 1985 ho iniziato l’attività di gestione patrimoniale dapprima come consulente e successivamente con una mia prima società di gestione patrimoniale alla quale in seguito ne sono seguite molte altre”.

Quando hai deciso di spostare all’estero il tuo raggio di azione? E cosa ti ha spinto a farlo?

“Nel 1992, quando ho ceduto la mia società di gestione patrimoniale a un gruppo finanziario internazionale, i miei continui viaggi all’estero, atti a concludere detta transazione, mi hanno offerto l’occasione di prendere accordi con banche e società di assicurazione internazionali e quindi ho preso coscienza di come le banche internazionali mi offrissero più ampie opportunità per meglio fidelizzare i miei clienti e offrire inediti servizi a nuova potenziale clientela. Dal 1994 in poi ho abbandonato definitivamente il mercato finanziario italiano per dedicarmi esclusivamente ai mercati internazionali trasferendomi dapprima in Svizzera, poi successivamente dal 1998 a Londra, poi nuovamente in Svizzera dal 2007, quindi dal 2011 a Montecarlo ed infine dal 2017 in poi alle Bahamas dove attualmente vivo”.

Che problemi ancora trovi in Italia, in particolare nel Meridione, ai fini della implementazione imprenditoriale di iniziative eventuali del tuo gruppo?

“In primo luogo non trovo alcuna differenza tra il Meridione e il resto d’Italia, e questo non solo in virtù delle mie origini meridionali. È pleonastico ribadire i concetti già rappresentati da altri ma, senza alcuna ombra di dubbio, l’estrema burocrazia e le lungaggini dei processi civili allontano gli investitori internazionali, e anche quelli, che come me, hanno ormai da anni stabilito i loro interessi fuori dall’Italia, pur restando orgogliosi di essere italiani. L’entrata in Italia all’interno della Comunità Europea ha poi altresì reso molto Paesi della UE più competitivi sotto tutti i profili”.

È vero che all’estero Napoli e la napoletanità è più rispettata che in Italia?

“Certamente sì! Credo dipenda dal fatto che nel mondo vi sono molti più imprenditori di successo e comunità, di prima o seconda generazione, di origine napoletana o comunque meridionale rispetto ad altre regioni italiane. Inoltre i concetti di Napoli e di napoletanità sono percepiti all’estero valutando le eccellenze sia culturali che paesaggistiche che realmente esistono. Chi invece vive in Italia, in particolare in quelle località, avverte la difficoltà del quotidiano che deriva da situazioni/servizi realmente poco funzionanti. Inoltre negli ultimi decenni la professionalità degli imprenditori, dei professionisti e degli operatori in ogni settore, che si spostano all’estero definivamente o per viaggi di lavoro, si è fortemente elevata, portando all’estero una rappresentazione del Meridione d’Italia di altissimo livello. Napoli e il Sud non esportano più manovalanza ma cervelli”!

Quanta fatica in più hai dovuto fare per affermarti e sopperire alla cattiva e spesso faziosa pubblicità che gli stessi media nazionali attribuiscono a Napoli?

“In realtà non ho dovuto “faticare” molto, anche perchè mi sono trasferito all’estero già professionalmente e patrimonialmente consolidato, ma certo alcuni articoli di giornali italiani ripresi, qualche volta in maniera non corretta, sono stati spesso oggetto di conversazioni con gli stranieri talvolta accese e talvolta spiritose. Per fare un esempio, ricordo che molti anni fa durante alcune manifestazioni che si stavano tenendo a Napoli, l’allora governo inviò l’esercito a supporto logistico delle forze dell’ordine ed un quotidiano italiano mise in prima pagina un titolo che diceva che l’aver inviato dei soldati non sarebbe stato sufficiente, intendendo ovviamente che non era questo il modo di affrontare il problema. Ma alcuni giornali internazionali ripresero il titolo scrivendo a caratteri cubitali “Naples: the army it’s not enough”, e ciò, letto così singolarmente, faceva intendere che neanche l’esercito sarebbe bastato per sedare le sommosse. Ricordo altresì che un banchiere internazionale desiderava un figlio che non arrivava e la moglie era fortemente determinata a venire a Napoli per sedersi sulla “sedia della fertilità” nella Chiesa di Santa Maria Francesca. Il mio amico banchiere mi chiese se per contentare la moglie avesse dovuto noleggiare una macchina blindata e portare con sé delle guardie del corpo. Ovviamente io scoppiai in una fragorosa risata ed ancora oggi quando ricordo quella circostanza mi viene da ridere. A tal proposito sarebbe auspicabile che i giornali meridionali traducessero in varie lingue straniere i loro articoli in modo che tutti nel mondo possano realmente capire la maestosità culturale di Napoli. Viene da dire inoltre, e lo dico con cognizione di causa, che negli ultimi anni quando atterro a Capodichino per motivi personali, mi rendo conto che l’aeroporto di Capodichino è senza dubbio il migliore aeroporto d’Italia. Per cui direi che la piccola ​difficoltà incontrata si è verificata soprattutto agli inizi della mia carriera, in quanto ritengo che da almeno un paio di decenni Napoli ha riconquistato stima all’estero e la pubblicità che se ne fa è soprattutto positiva”.

Cosa manca e perché manca agli imprenditori napoletani affinché godano delle stesse agevolazioni sociali e fiscali di cui spesso godono imprenditori del Nord?

“Ritengo che dal punto di vista delle agevolazioni fiscali e sociali, degli iter burocratici non vi sia alcuna differenza tra gli imprenditori del Nord e quelli del Sud. Le difficoltà di questi ultimi sono di carattere storico-culturale e logistico. Storico-culturale perchè anni di cattiva pubblicità su Napoli non si cancellano con pochi decenni ed è proprio compito delle testate napoletane sponsorizzare la nuova Napoli all’estero mediante articoli in lingua straniera, ancor di più oggi che il web permette di raggiungere lettori lontani. Logistico perchè dagli anni ‘50 in poi molte più aziende sono nate nel Nord Italia e pertanto imprenditori internazionali che vogliono visitare le aziende italiane trovano più comodo atterrare in un aeroporto del Nord ottimizzando il loro viaggio. Prova di ciò è che anche le grandi aziende napoletane, in modo particolare quelle della moda sartoriale, una riconosciuta eccellenza nel mondo, sono da sempre state costrette ad aprire una vetrina a Milano pur, per fortuna, mantenendo la produzione sartoriale a Napoli. Non vivo più in Italia da oltre trenta anni ma i miei vestiti, le camicie, le cravatte e le scarpe sono tutte di fattura napoletana. Ovviamente se si individuasse nel Sud-Italia un’area a bassa fiscalità o con incentivazioni fiscali, molti imprenditori del Nord e stranieri si trasferirebbero al Sud-Italia. D’altronde l’Europa è piena di queste aree (Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Paesi Bassi, Irlanda e Lussemburgo)! Anche l’apertura di un porto franco, simile a quello più grande d’Europa, sito in Lussemburgo, potrebbe aiutare”.

Infine quali sono i tuoi obiettivi nell’immediato, in termini di investimenti qui dalle nostre parti e quali sono gli ostacoli che devi superare?

“Sfortunatamente, proprio per quanto già esposto, sia l’aspetto fiscale e sia l’aspetto logistico non mi inducono ad immaginare nessun investimento in Italia in generale, ma è certo che se dovessi mai decidere di investire in Italia lo farei in Campania perché a mio parere, Napoli e la Campania stanno accrescendo molto nel mondo la loro immagine ed inoltre per le motivazioni logistiche indicate precedentemente, questo territorio consente spazi per nuove attività imprenditoriali che nel Nord- Italia sono più limitati. Non ultimo da considerare l’aspetto climatico, paesaggistico, monumentale e lo stile di vita che nel Sud-Italia incontra meglio le mie esigenze. Permettimi di puntualizzare che tutti, nessuno escluso, dei miei amici stranieri venuti a Napoli e/o in Campania, sono ritornati nei loro Paesi con un ricordo meraviglioso. Non vorrei sembrare banale ma semmai dovessi decidere di investire in Italia lo farei solo nel settore turistico-ricettivo ed esclusivamente in Campania ed a quel punto nessun ostacolo sarebbe per me insormontabile perché credo fortemente nella vocazione turistica della nostra terra”.

Il 2021 forse ci consentirà di lasciarci alle spalle una pandemia a cui nessuno della nostra generazione era abituato, con tutte le limitazioni che non avremmo mai sognato di poter vivere sulla nostra pelle, in un’epoca globalizzata. Le potenzialità della nostra terra non le scopriamo certo adesso, ma la considerazione di cui godono i nostri territori nel mondo, può sicuramente incoraggiarci, ma soprattutto può incoraggiarci la certezza di vedere Napoli e la napoletanità in genere, apprezzata anche dal punto di vista della capacità imprenditoriale, una capacità che in Italia, risulta essere fortemente limitata da una burocrazia ed una fiscalità, talvolta imbarazzanti, come appunto Giuseppe Zeno ci ha testimoniato.

Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.