Stai in contatto

Speciale 8 marzo

8 MARZO / Drusiana Vetrano ricorda Elvira Notari, la prima cineasta

Pubblicato

il

elvira notari regista

Il cinema ha le sue stelle e le sue leggende, qualcuna dimenticata troppo presto, come Elvira Notari, nome d’arte di Elvira Coda, la prima cineasta italiana ed una delle prime in ambito mondiale.

Salernitana, classe 1875, la sua attivita è a pieno titolo considerata pionieristica. Donna forte, dinamica, lungimirante, fu cineasta a 360 gradi. Dopo le scuole superiori, si trasferì a Napoli, e proprio a Napoli fece l’incontro della vita: il fotografo napoletano Nicola Notari, ex pittore esperto nella “coloritura” di pellicole fotografiche con aniline.

Dopo il matrimonio nel 1902, fondarono una delle primissime case di produzione italiane, la “Film Dora”. Tra i soggetti preferiti della Notari c’erano le storie dei vicoli partenopei, la realtà dei bassi, i volti di donne e scugnizzi, un’attenzione particolare alla realtà che la pone come antesignana del Neorealismo. Produsse più di 60 film ed ebbe, negli anni, un enorme successo nel mondo. Ma come spesso accade, non fu profeta in Patria: adorata dai cineasti americani, fu spesso osteggiata in Italia.

Troppo all’avanguardia e spregiudicata per i suoi tempi, visse un’opposizione durissima con l’affermarsi del regime fascista. E fu proprio il fascismo a decretare, via via, la fine della Dora Film.

Le manie romanocentriche di Mussolini che spostò l’intera industria cinematografica italiana (ma dovremmo dire napoletana dato che, a quei tempi, il cinema in Italia era Napoli), la spregiudicatezza delle sue “eroine” in una società maschilista e bigotta, il respiro internazionale delle sue creazioni in un’Italietta sempre più provinciale, le cause principali del suo declino. Nel cinema mise tutta se stessa, la sua vita, la sua anima.

Persino i suoi figli: Eduardo era spesso protagonista delle sue pellicole e Dora diede il nome alla casa di produzione.

Regista, produttrice, sceneggiatrice e finanche attrice, vanta un altro primato, veramente singolare per l’epoca: seguiva personalmente anche tutto l’aspetto finanziario e del marketing della Dora Film. Ad un tale uragano non poteva non arrivare il successo delle grandi masse. Sebbene agli albori del cinema, il successo di alcune sue pellicole fu dirompente.

Basti pensare che ‘A Legge, una delle sue più note creature-tratto da un atto unico di Salvatore di Giacomo-fece registrare vere e proprie scene di delirio tra la folla che si ammassava nella sala del cinema Vittoria di Napoli, costringendo gli organizzatori ad anticipare le proiezioni al mattino ed a tenerlo in programmazione per oltre un mese.

L’Italia era piccola per Elvira. Veramente troppo piccola e bigotta. Il suo crudo realismo, privo dei fronzoli e della solennità tanto cari alla propaganda fascista, fu la causa principale della feroce avversione della censura fascista che tentò di impedirle di esportare le sue creazioni in America.

Ma Elvira era troppo popolare ed alcuni suoi film circolarono clandestinamente tra gli italo-americani a New York, in barba ad ogni censura. Fu proprio questo contatto con le avanguardie americane che la spinsero a nuove sperimentazioni. Ne nacquero due pellicole: “Napoli, terra d’amore”, del 1928 e “Napoli, sirena della canzone”, del 1929.

Nonostante gli immani sforzi, nel 1930 calò definitivamente il sipario sulla Dora Film che si trasformò in casa di distribuzione cinematografica. Ma il regime fascista aveva distrutto per sempre ed irrimediabilmente la fiorente industria cinematografica napoletana a beneficio di Roma ed Elvira si ritirò a vita privata, insieme al marito, nella sua casa di Cava de’ Tirreni, dove morì il 17 dicembre del 1947. Grossa parte del materiale cinematografico dei Notari è stato devoluto al Museo Internazionale del Cinema e dello Spettacolo di Roma.

Donne forti, coraggiose, lungimiranti, avanguardiste e spregiudicate, che non si limitano a sfidare i tempi ma li precorrono, li piegano, li trasformano. Donne troppo presto dimenticate o relegate al ruolo di “moglie di…”. Elvira Notari, donna straordinaria che noi, fiere donne del Sud, non dimentichiamo.

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *