Stai in contatto

Attualità

CENSURA RAI / “Cacciato” Maurizio De Giovanni per le critiche alle telecronache faziose

Pubblicato

il

degiovanni_maurizio

Maurizio de Giovanni, oltre ad essere un intellettuale ed un filosofo che fa del recupero dell’identità napoletana una delle tematiche a lui più care, è un tifoso del Napoli e, per questo, ospite al sempre verde Processo del Lunedì in onda su Rai Sport.

Ma il buon de Giovanni, all’indomani della partita Lazio-Napoli, dalle pagine de Il Mattino, aveva espresso delle perplessità sulla telecronaca della Rai. Cosa aveva scritto De Giovanni?

Ecco:

Commenti patetici che nulla aggiungono e molto tolgono alle immagini, mai ascoltato nulla di più parziale e inutile, ogni azione biancoceleste magnificata a prescindere e ogni azione azzurra relegata alla casuale iniziativa del Pipita. Forse i telecronisti e i commentatori ritengono che la partita non sia visibile, e quindi valutano possibile convincere i telespettatori che le cose stiano andando in maniera diversa da quella che è: noi, personalmente, ci siamo chiesti per tutto il tempo il senso del pagamento del canone, se serve a supportare queste eccellenti professionalità. E a quanto avrebbe guadagnato la visione della partita sottraendo integralmente l’audio. Né il secondo tempo va meglio per la Lotito Tivù, man mano che il Napoli mette decisamente sotto la Lazio e il tono dei commentatori diventa sempre più imbarazzato e poi funebre, come se si trattasse di un match tra una squadra italiana e una straniera. E meravigliose le frasi di circostanza in chiusura, coi biancocelesti accreditati di “un cinquanta per cento” di possibilità? di accesso alla finale, e con un riferimento al fatto che gli azzurri, nel loro stadio all’estero, troveranno «una Lazio fortissima nelle ripartenze».

Purtroppo però non possiamo parlare di calcio. Dobbiamo parlare di idioti, stupidi e ottusi sedicenti tifosi che per tutto l’arco dell’incontro non cessano di vomitare, dalle loro maleodoranti, inutili bocche, maledizioni su Napoli e sui napoletani.

Dobbiamo parlare dell’incostituzionale proibizione ai tifosi muniti di regolare, onerosa tessera di andare a sostenere i propri beniamini, se per loro immensa disgrazia risiedono nella regione più discriminata, calpestata e ignorata d’Italia.

Dobbiamo parlare dell’assenza di cultura sportiva di una tifoseria che fa capo a un uomo che, al telefono, sostiene da consigliere federale che le squadre minori non possano legittimamente accedere al grande calcio; e che sostiene pubblicamente e apertamente questo concetto, con una protervia e un’arroganza senza precedenti, nella convinzione purtroppo veritiera che nessuno avrà il coraggio di proporne un deferimento.

Apriti cielo in quel di Rai Sport che dirama un comunicato:

“Il Cdr e il fiduciario di Milano esprimono profonda indignazione per l’ennesimo attacco a Rai Sport. Accettiamo le critiche ma non le offese presenti nell’articolo, con tanto di richiamo in prima pagina, apparso sulle colonne de “Il Mattino” dopo la sfida di Coppa Italia tra Lazio e Napoli”. Ed ancora: “A firmare il pezzo  è Maurizio De Giovanni, scrittore di gialli e tifoso del Napoli spesso ospite nelle nostre trasmissioni. De Giovanni invita a non pagare il canone e definisce la Rai “Lotito Tv” denigrando il lavoro dei colleghi. Evidentemente la Rai va bene per farsi pubblicità e meno bene in altre circostanze”. Il Cdr esprime solidarietà al collega Marco Lollobrigida che, anche a seguito di questa campagna stampa ai limiti del diffamatorio, “ha ricevuto insulti e pesanti minacce sui social network”. “Ci stupiamo di come il direttore de Il Mattino abbia potuto permettere la pubblicazione di un articolo del genere – continuano – e chiediamo al nostro direttore Carlo Paris di valutare tutte le azioni utili ad evitare altri episodi sgradevoli”. “Non accetteremo più attacchi alla nostra professionalità in un momento delicato come questo. La Rai – conclude la nota – sta trattando i diritti della Coppa Italia, torneo che anche grazie al lavoro di Rai Sport ha brillato negli ascolti, e i diritti della Nazionale di calcio. Chiediamo garanzie dalla direzione e dall’azienda sul reale impegno in queste complesse trattative e chiarezza su diritti già acquisiti come quelli per il prossimo campionato di Serie A. Giornate come quella del 22 marzo con sole due partite utili per 90¸ minuto, e tutte le altre di sera, non possono essere accettate a fronte di un investimento così oneroso”.

Questa la difesa di de Giovanni:

“Conclusione di carattere personale. Qualcuno ha capito o voluto capire che nell’articolo successivo alla partita con la Lazio avremmo, su queste colonne, invitato a non pagare il canone Rai a seguito della carente telecronaca offerta per l’incontro. Non è assolutamente così: il canone è un’imposta dello Stato e come tale, ci mancherebbe altro, va pagata eccome; è una garanzia di libera e obiettiva informazione, quindi è opportuno onorare l’impegno. Il che non vuol dire che il servizio offerto in quell’occasione non ci sia sembrato scadente e soprattutto incongruente con quello che vedevamo accadere sullo schermo («Higuain sbaglia il tiro e serve Gabbiadini», a titolo di esempio). Forse è colpa nostra: abbiamo sintonizzato la radiocronaca di un altro match, mentre vedevamo la diretta di Lazio-Napoli. Chiediamo scusa.”

Nessuno che però si interroga, professionalmente, sul perchè certe polemiche non avvenivano all’epoca dei Martellini, dei Pizzul, dei Martino, dei de Laurentiis, quando il telecronista si limitava alla cronaca e abbandonava il tifo. Talvolta sguaiato, urlato, inutile, eccessivamente fazioso, manco si stesse guardando la tv in salotto con gli amici. E allora evviva le partite col telecronista arabo che chiunque segni, lo riconosci dall’inconfondibile “gogogogogogogogogogogogogogol”

Il Lazzaro

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *