Stai in contatto

Musica

ADDIO PINO DANIELE / L’ultimo abbraccio di Napoli: ciao guagliù, il tuo popolo meritava di più

Pubblicato

il

 pino daniele funerale folla
Ma voglio di più di quello che vedi
voglio di più di questi anni amari
sai che stillerò per darti colore
sarò così sempre pronto a dire no

Pino Daniele

Guardo il mio popolo, il mio popolo muto, attonito, il mio popolo con gli occhi lucidi che silenzioso segue una cerimonia religiosa dove volano parole insensate che raccontano il suo piu’ grande artista…

Guardo il mio popolo, che ha dovuto subire ancora una volta insulti e umiliazioni, anche per salutare il suo più grande cantore, anche per dare l’ultimo addio al suo Pino Daniele.

Il mio popolo, da cui secondo qualcuno Pino avrebbe fatto bene a prendere le distanze. Il mio popolo descritto da qualcun’altro come “bolgia sguaiata e atroce”. Il mio popolo che secondo altri ancora avrebbe dato spettacoli indecorosi, da sceneggiata napoletana.

Guardo di nuovo il mio popolo, e con l’ipad cammino tra la folla durante un funerale affollatissimo e partecipato come solo i napoletani sanno fare. E ne riprendo i volti silenziosi e commossi, provando ancora una volta quel senso di ingiustizia e voglia di riscatto… il mio popolo, che il suo personalissimo funerale te l’ha celebrato a modo suo, in piazza, la sera prima, riunendosi spontanamente, in un rito naturale, quasi pagano, inarrestabile, in un flash mob durato poi ore, che per molti di noi resterà indimenticabile e che ti ha ricordato nell’unico modo possibile: cantando le tue canzoni tanto da scomodare addirittura il New York Times, che si è detto sorpreso da qualcosa che mai potrà comprendere.

Il mio popolo che ancora una volta, anche in questa che doveva esser solo l’occasione di un abbraccio collettivo a un suo figlio, è stato maltrattato e bistrattato in questo addio dolce-amaro, avvelenato delle consuete polemiche dei prezzolati di regime, che con le loro penne avvelenate hanno scritto di tutto e di più contro i napoletani, anche in questi giorni, semplicemente perché  la gente di Napoli voleva darti il suo ultimo saluto: come era GIUSTO E DOVEROSO che fosse e che avrebbe dovuto essere la cosa più logica fin dal primo istante.

Invece al solito il mio popolo ha dovuto lottare anche per questo  si è  dovuto sorbire di tutto in questi giorni: l’altalena e i litigi tra fratelli e figli, mogli e compagne di Pino (con pesanti accuse e un’indagine aperta per omicidio colposo), che hanno dato uno spettacolo certamente non dignitoso. Una famiglia romana palesemente non unita, una compagna di Viterbo e una moglie di Roma in guerra aperta, i funerali decisi dai figli al Divino Amore “perché noi siamo nati a Roma”, la sepoltura in Toscana, le altalene su orari e luoghi del funerale eventuale e concesso come una grazia a Napoli, , le sceneggiate fuori la camera ardente a Roma e non certo qui, i vip e il rito “bello” sempre a Roma con fotogallery dei grandi cantanti italiani, che ovviamente non sono venuti a rendergli omaggio sotto al Vesuvio.

A Napoli invece prima una serata di canti spontanea, poi un funerale silenzioso e attonito, infarcito di retorica cattolica, muto, con qualche partecipatissimo canto finale, lacrime e al massimo qualche Pino-Pino…

Questo è stato il saluto, l’ultimo del tuo popolo: non si è mai visto nulla di più civile e ordinato in questa città. Ed è stato tutto molto molto commovente e sicuramente comprensibile solo a noi che a Napoli ci siamo nati la partecipazione con cui tutto è accaduto, la necessità di condividere il dolore in un unico grande abbraccio.

Però caro Pino, ora lasciatelo dire: il mio popolo, il tuo popolo, non avrebbe dovuto “combattere” anche e addirittura per dirti ciao. Meritavamo e meritiamo di più. Anche perché ciascuno di noi porterà per sempre con sè un pezzo di te. E nessun altro popolo, se non quello partenopeo, ti ha amato e ti amerà come noi.

Lucilla Parlato

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.