Stai in contatto

Cinema

ANNIVERSARI / Massimo Troisi visto con gli occhi di un diciottenne

Pubblicato

il

Un ricordo speciale di uno dei più giovani tra i nostri collaboratori, Ciro Giso, 18 anni. Che smentisce che i ragazzi di oggi non conoscono e non amano Massimo Troisim di cui oggi cade l’anniversario della nascita…

Un giorno come oggi di 67 anni fa, più precisamente nel ’53, nasceva a San Giorgio a Cremano il grande artista Napoletano Massimo Troisi: nato da una famiglia proletaria, il padre macchinista ferroviere e la madre casalinga, il grande attore si distinse fin da subito con il trio teatrale ‘La Smorfia’, assieme a Lello Arena ed Enzo Decaro, successo che lo spinse a farsi riconoscere anche nel mondo del grande schermo fin dal suo primo esordio cinematografico, ‘Ricomincio da tre’ dell’81, che gli varrà anche la vittoria di due David di Donatello.

Carriera artistica che presto lo porterà ad essere apprezzato come erede di Eduardo e del magnifico Totò, e che lo spingerà a intrecciare la sua vita personale, oltre che artistica, con altri grandi artisti partenopei: la più grande amicizia, oltre che collaborazione artistica, con Pino Daniele, che il comico incontrerà per la prima volta nello show televisivo del ’70 ‘No Stop’, ricordando negli anni successivi: “Stranamente sembrò a tutti e due di esserci già incontrati”, quasi a constatare la profonda unione tra i due artisti, che cercarono – riuscendoci – di portare Napoli nell’Italia e nel mondo, riscattandosi.

Legame indissolubile a cui testimonianza troviamo tre colonne sonore firmate da Pino per Ricomincio da tre (1981), Le vie del signore sono finite (1988) e Pensavo fosse amore e invece era un calesse (1991). Tra le canzoni, prima in assoluto frutto del lavoro di entrambi gli artisti è Saglie Saglie, rivisitazione dell’omonimo brano dell’album debutto Terra Mia (1977), riproposta nell’album Sotto ‘o sole (1991): in questa versione possiamo perfino sentire la voce di Massimo nel ritornello. Qui una registrazione:

Dello stesso album troviamo ‘O ssaje comme fa o core e Quando: la prima canzone è cantata da Pino Daniele, mentre il testo è un poesia di Troisi; con una grande sensibilità, i suoi versi ci raccontano della forza dell’amore, di un cuore innamorato che non si arrende nemmeno quando quel forte amore finisce.

«Mi ha chiamato Pino e m’ha ritt’: “Sient’ Massimo, agg’ fatt’ ‘na canzone: pe’ piacere, me vuo’ fa’ nu’ film?”»

Nasce così Quando, storica canzone di Pino Daniele e tra le più conosciute assieme alle classicissime Napul’è e Je so pazzo: nel documentario su Troisi di Anna Praderio – di cui consigliamo vivamente la visione – vediamo un eccezionale testimonianza della forte complicità da cui è nata Quando, un’inestimabile canzone d’amore ricca di malinconia. Pino diceva: “Tra di noi c’era una grande sintonia, era facilissimo lavorare con Massimo perché mi lasciava molto campo libero nella scelta delle musiche, nella proposta, nel gusto: si fidava molto del mio intuito.”

I loro cuori, tanto uniti nell’arte, erano insieme, allo stesso tempo, irrimediabilmente fragili, e mentre da una parte ci hanno deliziato con il loro grande sentimento, dall’altra ci hanno tradito portandoceli via così precocemente: chissà quanti nuovi film sarebbero potuti nascere da Massimo, quante nuove colonne sonore, musiche e canzoni da Pino. Quante nuove rivoluzioni artistiche, da parte di quel pulcinella senza maschera e da quel mascalzone latino, ci mancheranno. Dovunque si trovino ora, resta quel che resta: un grande e inimitabile patrimonio artistico per cui il nostro popolo sarà sempre grato, una voce dal cuore in un mondo di muti.
Auguri Massimo!

Ciro Giso

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.