Stai in contatto

Media e new media

Cain’s Jawbone: il libro-cruciverba impossibile da risolvere (o quasi)

Pubblicato

il

La Mascella di Caino (Cain’s Jawbone) è un libro pubblicato per la prima volta nel 1934 ed è ora, a distanza di 88 anni, al primo posto tra i più venduti di Amazon. Il motivo di questa fiammata di popolarità  postuma sembra sia riconducibile a una sfida che in queste settimane ha preso piede sul giovane social Tik Tok.

TikTok rilancia un libro dimenticato

A novembre 2021, Sarah Scannell, una giovane americana impiegata in una casa di produzione di documentari, pubblicò su TikTok un video in cui si dava come proposito quello di risolvere l’enigma di questo strano libro “Cain’s Jawbone” ed esaudire finalmente il suo grande sogno di avere una parete ricoperta di indizi da collegare con i fili, come i detective nei film polizieschi.

Quel video ora ha più di 6 milioni di visualizzazioni, quasi 7mila commenti e ne sono seguiti altri in cui Scannell solleva alcune questioni emerse man mano dalla sua ricerca. Alla fine di novembre le copie di Cain’s Jawbone sono finite ovunque e c’è voluta qualche settimana perché tornasse disponibile, prima di Natale.

La Mascella di Caino: che cos’è il “libro-cruciverba”

Sei vittime, sei assassini e solo 3 persone  che in 80 anni sono riuscite a stabilire chi ha ucciso chi, rimettendo in ordine giusto le pagine.  L’enigma fu ideato dal famoso cruciverbista Torquemada, pseudonimo di Edward Powys Mathers, poeta e traduttore londinese. Nel lontano 1934 il premio per chi lo avrebbe risolto era stato fissato a 15 sterline (che ora equivarrebbero circa a mille)

L’autore

Quando uscì il volumetto, come detto, Edward Powys Mathers era un famosissimo cruciverbista che pubblicava sotto lo pseudonimo di Torquemada.

Il racconto era parte di un libro più ampio, The Torquemada Puzzle Book: una miscellanea di rompicapo vari, a cominciare proprio dalle parole crociate che all’epoca stavano vivendo un periodo di grande popolarità. Seguivano acrostici, anagrammi ed enigmi dal sapore più esoterico (telacrostici, spoonerismi). Al fondo del libro, come nella miglior tradizione, le soluzioni di tutti gli enigmi proposti – tranne uno.

L’ultima sezione del libro era infatti proprio dedicata al “Cain’s Jawbone” con un’introduzione criptica e una di quelle citazioni che in epoca 2.0 chiameremmo “trollata”, visto che sul frontespizio del racconto presentava una citazione dal Titus Andronicus di Shakespeare: “How easily murder is discovered!”(Quanto facilmente un omicidio è scoperto!)

Un libro enigmatico dalla soluzione dimenticata

Negli anni, non solo La mascella di Caino venne quasi dimenticato, ma lo fu anche la sua soluzione: l’Observer, infatti, si era limitato a pubblicare i nomi dei vincitori del premio in palio, ma senza svelare l’arcano.

Ad interessarsi di nuovo all’enigma fu, nel 2016, Patrick Wildgust, del Laurence Sterne Trust (un museo privato che si occupa di narrativa non lineare – di libri, cioè, che superano i confini delle strutture letterarie consuete, in specie per ciò che concerne la rappresentazione del tempo e della causalità). Wildgust provò a risolverlo annotando tutti i riferimenti letterari presenti nel libro, non ci riuscì, setacciò le biblioteche alla ricerca di indizi, e infine lanciò un appello su The Guardian.

Questo gli permise di arrivare alla soluzione. 

Un anno dopo, il crowfunding

Grazie a un crowdfunding lanciato nel 2017, il volume vide nuovamente la luce, con una bella copertina di Tom Gauld (celebre per i suoi fumetti di humor scientifico e autore a sua volta di Endless Journey, carte ispirate alle opere di Laurence Sterne che possono essere riarrangiate a formare paesaggi diversi). E anche con un nuovo premio, aggiornato al cambio moderno: 1000 sterline, per una competizione “non adatta ai deboli di cuore”. 

E pure questa volta la soluzione è arrivata, ad opera di John Finnemore, scrittore e comico inglese, che capì immediatamente che gli sarebbero serviti mesi di lavoro per arrivare alla soluzione, ma arrivò il primo lockdown e il tempo smise di essere un problema per un bel po’.

A sfida finita dichiarò che era di gran lunga l’enigma più difficile che avesse mai tentato di risolvere. Quando ricevette la sua soluzione, Patrick Wildgust seppe che era quella giusta, anche se non è chiaro se nel frattempo l’avesse trovata a sua volta o se ne venne a conoscenza grazie a Finnemore.

Gli ostacoli verso la soluzione del mistero

Se  adesso vi state chiedendo se sono tutte esagerazioni o vi sentite posseduti dallo spirito da novelli Sherlock Holmes, fidatevi, non è facile affatto. Ogni pagina, infatti, termina con un punto fermo, e non è quindi possibile farsi aiutare da parole o frasi lasciate in sospeso. I possibili ordinamenti del libro sono pari a 100! (ossia il fattoriale di 100), un numero dell’ordine di 10^157. In  questo campo, Edward Powys Mathers è stato il precursore della letteratura combinatoria e la particolarità di The Cain’s Jawbone, però, sta nel fatto che soltanto una disposizione è quella giusta.

Non solo, il volume è costellato di riferimenti letterari, giochi di parole, indizi nascosti che sarà indispensabile riuscire a decifrare per sperare di trovare un senso all’enigma

Se ancora non vi sentite scoraggiati e mentre  su TikTok l’hashtag LaMascellaDiCaino ha sfondato le 500mila visualizzazioni, sappiate che in Italia c’è tempo fino al 1 novembre per partecipare, inviando a Mondadori la scheda allegata al romanzo compilata in ogni sua parte.

In palio un buono da 500 euro. Che la sfida abbia inizio

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.