Stai in contatto

Cultura

“Libertà” di Siani, la comicità che Napoli non merita

Pubblicato

il

locandina spettacolo di Siani

La vita di ogni individuo è scandita da un modello di percezione e successione degli eventi che chiamiamo tempo. Noi non vediamo mai il tempo; certo, seguiamo con gli occhi il pendolo che oscilla, osserviamo il colore delle foglie degli alberi mutare, le stagioni passare. Ma il passato non esiste in quanto non è più, il futuro non esiste in quanto non è ancora, e il presente sembra essere quell’eterno istante che separa il prima dal dopo.

Persino le stelle e gli eventi fisici dell’universo sembrano essere scanditi dal suo scorrere. Eppure il concetto stesso di tempo potrebbe essere solo un’illusione. Albert Einstein, con la sua relatività, ha provato a spiegarcelo con la scienza.

Ma nessuno – sia esso filosofo, scienziato, studioso delle arti oscure – potrà mai restituirmi quei 60 minuti di vuoto cosmico che ho trascorso nell’abisso più profondo della “comicità” targata Alessandro Siani.

Quando guardi a lungo in un abisso, anche l’abisso ti guarda dentro

Premessa, non ho nulla contro Siani, anzi. L’ho seguito molto volentieri dagli esordi nelle tv locali, a teatro, fino a salire i vari gradini dello spettacolo. Ho riso, come credo il 90% degli adolescenti dell’epoca, con lo spettacolo Fiesta, che nella vendita dei cd tarocchi dell’epoca veleggiava nelle primissime posizioni. L’ho seguito più o meno in quello che reputo sia il suo “salto dello squalo”: il film Benvenuti al Sud.

Quindi è con curiosità genuina e senza preconcetti, forse giusto un poco di timore, che in una fin troppo afosa domenica di agosto mi sono approcciato allo spettacolo “Libertà live”, disponibile su Amazon Prime Video.

Non sapevo ancora quanto fosse profonda la tana del bianconiglio.

‘A libertà, ‘a libertà

Cito letteralmente dalla pagina di Amazon Prime: “Libertà di pensiero, libertà di stampa, libertà d’espressione, ma anche la libertà che ci è stata negata in questi ultimi tempi di covid. La libertà è il filo conduttore del nuovo spettacolo di Alessandro Siani”.

“Vasto programma…” è stato mio primo pensiero. Cattivo, lo ammetto, ma messo subito a tacere. “Senza preconcetti” è quello che inizio a ripetermi mentre premo play, aspettandomi quasi una svolta alla Gervais, uno che quando guardi i suoi live su Netflix poi ti viene voglia di tenerlo come santino nel portafogli.

Dai, Alessa’, ci credo.

La burla, l’ironia, la comicità

Si parte: incipit citando “discorso agli ateniesi” di Pericle. “Dai dai dai”, direbbe Renè in Boris. L’illusione dura esattamente 52 secondi, il vetro del mio ottimismo si infrange sotto il colpo possente sferrato dalla frase “In Italia se chiami Democrazia, non risponde nessuno” che credo sia equiparabile alle battute sull’ora legale, ben oltre le battute da cucciolone che – dopotutto – hanno una loro dignità.

Ma non è la cosa peggiore, no, la cosa peggiore è che questi 52 secondi iniziali sono l’unico accenno al discorso delle libertà, almeno fino a sei minuti dalla fine, quando con un coupe de theatre che mi ha ricordato i bei tempi del primo Movimento 5 Stelle, fa calare una classifica delle libertà (di stampa, di parlare, di maledire un’amica che mi ha suggerito sto spettacolo, non ci è dato a saperlo) in cui l’Italia risulta “parzialmente libera”, a cui è seguito il commento “ma crè, na bust ‘e latte”, e finisce con momento satira tipo Striscia la Notizia leggendo una lettera di babbo Natale ai politici nostrani.

In quel momento il mio abbonamento a Prime si stava già disattivando da solo.

L’umorismo e la sensibilità sono soggettivi

Ecco, questa sarà di sicuro una delle cose che mi toccherà leggere, che la comicità è soggettiva, che ciò che ti fa ridere può ferire un altro.

No, amici e lettori, questa cosa è l’equivalente della frase “se ‘o nonno teneva tre palle ere nu flipper”. Non mi aspetto certo da Siani – con tutto il rispetto – una sana presa per il culo al politicamente corretto, alla libertà di dire e, sopratutto, di non dire. Da Siani mi aspetto quel tipo di comicità terra terra che una risata te la strappa, il peggior conservatorismo che però si tinge di simpatia, di colore, di pailettes.

Stavolta nemmeno quello, nulla: uno spettacolo intero, 60 minuti circa, giocando sugli stereotipi e le solite e stantie differenze fra Milano e Napoli.

Nel 2022. DUEMILAVENTIDUE. GLI STEREOTIPI.

Esempio, battuta sulla cucina milanese: mangiano sempre polenta, quindi la digestione è un pò… lenta.

Capite che non si tratta di comicità e di umoriso soggettivo?

Un segno della decadenza della comicità napoletana?

Ma cosa è successo alla comicità napoletana? Senza neanche menzionare il grande Troisi, di cui il 19 febbraio 2023 uscirà un docufilm di Martone, senza scomodare De Crescenzo, che comico propriamente non era ma che altresì fu capace di raccontare una Napoli con una ironia consapevole del fatto che fosse necessario il concorso positivo di tutti per sconfiggere i mali atavici napoletani, basterebbe pensare a Biagio Izzo o al trio Salemme, Maurizio Casagrande e Carlo Buccirosso che da Napoli sono risaliti fino alla ribalta nazionale e internazionale.

Siani, invece, sembra bloccato in una spirale cinematografica discendente, incarnando questo strano personaggio comico, lo sfigato pieno di amore e bontà che conquista tutti con la sua visione romantica della vita, uno stereotipo già vecchio a inizio ‘900, qualcosa di talmente retorico e melenso che sembra quasi più offensivo di cento stereotipi camorristi.

E per i live a teatro, se questa è la china presa e che dovrebbe rappresentare il futuro, direi che è meglio vivere di ricordi.

Uno spettacolo anonimo

Non voglio apparire cattivo, forse in fondo sono punto sul vivo perchè l’ho visto pochi giorni dopo “Super Nature” di Gervais, su Netflix; frastornato da quel dubbio che ti assale quando vedi un chihuahua e un alano e ti domandi se siano entrambi cani.

Forse, tempo addietro, Siani ci ha semplicemente illuso. Come una macchia di muffa sul muro che inizialmente ti appare come una faccia carina, salvo poi guardarla con irritazione dopo qualche settimana, questo spettacolo ha la grandiosa capacità di non far ridere, di non far riflettere e finanche di irritarti per la bruttezza. Uno spettacolo anonimo.

Tanto è vero che alla fine vorresti solo mettere una copertina addosso a Siani e dirgli che può andare, come faresti con lo zio a Natale che dopo il trentesimo bicchiere di amaro petrus urla “tombola” al primo numero estratto, pensando di essere il re della comicità.

Aniello Napolano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.