Stai in contatto

Ciento 'e sti juorne

CIENTE ‘E STI JUORNE/ Per il “Calendario laico napoletano” nel giorno di San Renato d’Angers festeggiamo Renato Carpentieri

Pubblicato

il

Per la rubrica “Ciente ‘e sti juorne”, ovvero il “Calendario laico napoletano” abbiamo scelto fra i tanti santi che si festeggiano oggi San Renato D’Angers e, fra i napoletani illustri che festeggiano oggi l’onomastico, parleremo della “rinascita” dell’attore Renato Carpentieri.

Pur essendo di origine francese, le celebrazioni di San Renato d’Angers, infatti, sono legate alla storia del nostro territorio e sono il risultato di una “collaborazione internazionale”, fra Francia e Italia, con la sovrapposizione di due leggende. San Renato, vescovo francese il cui nome deriva dal miracolo di aver riportato in vita un bambino – infatti in francese Renè vuol dire nato di nuovo – secondo la leggenda apparve in visione nel IX secolo a Sant’Antonino Abate, patrono di Sorrento.

Bisogna ricordare, inoltre, che proprio dalla città di Angers prese il nome una delle più potenti dinastie di Francia, quella degli Angioini che a partire da 1266 con Carlo I D’Angiò iniziò il suo dominio su Napoli, durato quasi due secoli. A Sorrento i conquistatori francesi riscontrarono che Renato era un nome familiare nella devozione cristiana e, quindi, dall’unione dei due santi, quello locale e quello di “importazione”, si giunse ad identificarne uno solo festeggiato di comune accordo il 12 novembre.

Il napoletano del giorno: l’attore Renato Carpentieri

Fra i tanti napoletani illustri del presente e del passato che portano questo nome, basti pensare al musicista e cantante Renato Carosone e al matematico Renato Caccioppoli, oggi vogliamo celebrare l’attore Renato Carpentieri, per il quale il 2018 ha segnato appunto una “rinascita”, grazie alla vittoria del David di Donatello come miglior attore protagonista per la sua interpretazione nel film “La tenerezza” di Gianni Amelio.

Un film che è stato anche un riconoscimento per il made in Napoli, visto che è stato girato a Napoli ed il soggetto è stato opera dello scrittore napoletano Lorenzo Marone, autore del libro “La tentazione di essere felici”, alla cui storia è ispirato il film.

La sua carriera è una storia di “resistenza” che dimostra che a 74 anni si può rinascere. In più occasioni Renato Carpentieri, infatti, ha ribadito che piuttosto che andare via da Napoli per cercare fuori il successo che meritava, ha preferito essere “in esilio” nella sua città dove ha gli amici, i compagni di studi, di lotta e di arte, i luoghi conosciuti. Anche se questo ovviamente ha comportato delle rinunce.

Ma non per questo poi il successo non è arrivato, anche se dopo tanti anni di impegno artistico. Un riconoscimento quello del David, al quale si sono aggiunti un Nastro d’argento e il Globo d’oro, che ha coronato mezzo secolo di carriera da attore, prima teatrale e poi cinematografico, e che lo ha commosso fino alle lacrime quando nella serata di gala del cinema italiano ha ringraziato il regista Gianni Amelio che per la seconda volta ha “scommesso” su di lui.

Era stato, infatti, lo stesso Amelio il primo a credere in lui come attore cinematografico nel 1990 affidandogli il suo primo ruolo nel film “Porte aperte” e facendolo debuttare sul grande schermo alla “tenera” età di 47 anni.

Prima di allora, infatti, Carpentieri, che è in realtà napoletano solo d’adozione visto che è nato a Savignano Irpino nel 1943 e poi si è trasferito sin da bambino a Napoli, aveva mostrato le sue grandi qualità attoriali calcando le tavole del palcoscenico senza mai presentarsi al grande pubblico.

Una carriera in due atti, prima il teatro e poi il cinema

Dal 1965 al 1974 è stato membro del “Gruppo Nuova Cultura” con cui ha organizzato a Napoli un’attività di organizzazione e promozione di eventi culturali, teatrali e cinematografici, mentre nel 1975 è fra i fondatori del “Teatro dei Mutamenti” di cui ha fatto parte fino al 1980, lavorando in seguito a teatro con altre compagnie e registi del calibro di Dario Fo, Gabriele Salvatores e Mario Martone.

A partire dal 1995 diventa il direttore artistico dello storico gruppo di sperimentazione teatrale “Libera Scena Ensemble”, una compagnia con la quale si  propone di offrire una versione più fruibile per il grande pubblico di importanti testi della drammaturgia, dando vita a una serie di laboratori e rappresentazioni. Fra le tante iniziative artistiche che lo vedono protagonista, inoltre, c’è anche la fondazione della “Società Napoletana di Poesia”.

Il cinema lo “scopre” a cinquant’anni grazie a Gianni Amelio

Ma è grazie all’intuito di Gianni Amelio,  che lo introduce nel mondo del cinema, che Renato Carpentieri a partire dal 1990 ha inanellato una serie di collaborazioni con alcuni fra i più importanti registi italiani, lasciando sempre un segno con le sue interpretazioni anche in ruoli non da protagonista.

Fra questi ricordiamo il film “Il portaborse” di Daniele Luchetti e quello dedicato alla figura di Renato Caccioppoli, “Morte di un matematico napoletano”, debutto alla regia cinematografica per Mario Martone, con il quale Carpentieri ha instaurato un sodalizio professionale e umano, e che lo dirigerà oltre che sul palcoscenico anche nel film “I vesuviani” (1997), “Teatro di guerra”  (1998) e nel recente “Il giovane favoloso” (2014).

Ha lavorato sul set con un altro regista napoletano, Gabriele Salvatores, che lo sceglie per “Puerto Escondido” (1992) e grazie alla sua interpretazione del poliziotto che perseguita Diego Abatantuono, viene premiato con il Nastro d’Argento come miglior attore non protagonista. Sempre con Salvatores nel 1993 ha recitato in “Sud” e nello stesso anno con i fratelli Taviani in “Fiorile”.

Eppure fra le tante interpretazioni magistrali di Renato Carpentieri, forse quella che più ritorna alle mente è quella che lo vede accanto a Nanni Moretti nel film “Caro Diario” – che nel 1994 conquistò a Cannes il premio per la miglior regia – nell’episodio ambientato alle Eolie, “Le isole”, quando interpreta il ruolo di Gerardo, un suo amico intellettuale ritiratosi a Lipari per studiare, che accompagna il regista di isola in isola, scappando dalla mondana Panarea e sostando da amici all’isola di Salina, ribattezzata “l’isola dei figli unici”, visto che solo la genialità di Nanni Moretti poteva fargli intuire ormai ben 25 anni fa che “i figli unici hanno preso saldamente il comando” nelle famiglie italiane.

E fra le tante scene di quello che ormai è diventato un cult movie, non si può non ricordare quella che vede Carpentieri e Moretti sulla sommità del vulcano Stromboli, dove Gerardo, nonostante in più occasioni si sia dichiarato nemico della televisione, non riesce a resistere alla curiosità di farsi rivelare da alcuni turisti americani delle notizie in anteprima sui futuri sviluppi della soap opera Beautiful, distruggendo in un sol colpo l’immagine di intellettuale. Lo vediamo così mandare in avanscoperta Moretti, suggerendogli le domande da sottoporre agli americani e urlando dalla cima del vulcano il cruccio che lo assilla: “Sally Spectra aspetta un figlio! Il marito lo sa o no?”

Il suo ultimo progetto di questa “nuova gioventù”, l’apertura di un teatro a Pizzofalcone, insieme al figlio e a Valeria Luchetti, con l’associazione “Il punto in movimento”, che rappresenti uno spazio indipendente con studi teatrali e non solo, dove le diverse generazioni possano incontrarsi per scambiare opinioni,  studiare.

Auguri a Renato Carpentieri e a tutti i Renato che,  come dice lo stesso nome, hanno la forza di rinascere.

Sabrina Cozzolino

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *