Stai in contatto

Sanità

FAKE NEWS / Coronavirus: affidatevi a fonti certe e non diffondete notizie non verificate

Pubblicato

il

Se Churchill fosse vissuto all’epoca dei social e dell’analfabetismo funzionale, molto probabilmente la Germania sarebbe riuscita ad invadere i sudditi di Sua Maestà.

Quando a Napoli ci fu il colera, la fila per sottoporsi al vaccino era lunghissima. Il rispetto per le autorità mediche e scientifiche era assoluto ed incondizionato. Si taceva e si rispettava un ordine non per il capriccio del potere ma per la salvaguardia della salute propria e della comunità in cui si vive.

Oggi invece chiunque ha la possibilità di svegliarsi al mattino, spinto dalla mitomania evidentemente almeno confidiamo sia soltanto quello, creare un sito internet, spacciarsi per medico, virologo ed epidemiologo e scrivere la qualsiasi e la qualunque, contribuendo, in momenti come questo, ad aumentare, fomentando l’ignoranza, non solo il contagio, ma la possibilità di farsi del male.

Una amica farmacista, due giorni fa, dopo l’ennesima catena di Sant’Antonio sui rimedi della nonna contro il Coronavirus, mi diceva di aver ricevuto due casi, nella propria farmacia, di persone con ustioni alla bocca e alla gola per aver fatto gargarismi con l’acqua bollente. E qualcuno con la gola irritata per averlo fatto con un disinfettante.

Pare infatti giri una irresponsabile catena di Sant’Antonio, condivisa acriticamente, che esplicitamente sostiene:

Il virus non resiste al calore e muore se esposto a temperature di 26-27 gradi: quindi consumate spesso durante il giorno bevande calde come the, tisane o brodo. I liquidi caldi neutralizzano il virus e non è difficile berli. Evitate di bere acqua ghiacciata o di mangiare cubetti di ghiaccio o la neve per chi si trova in montagna.Per chi può farlo, esponetevi al sole!

Ora un individuo di media intelligenza, dovrebbe già comprendere che se fosse stato tutto così semplice, probabilmente non saremmo a questo punto, nel giro di una settimana il contagio si sarebbe fermato.

Ma andiamo con ordine. Iniziamo col dire che l’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, non l’associazione bocciofila umanitaria, ha già sgombrato il dubbio da ogni equivoco:

“Virus persistente. Nessun segnale che sparirà in estate come l’influenza” (Fonte: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Coronavirus-esperti-Oms-Virus-persistente-nessun-segnale-che-sparira-in-estate-come-influenza-86879743-cdc7-4a8a-b721-154543babdda.html)

Tacitando in qualche modo anche i facili entusiasmi sul ruolo del calore nel contrastare l’epidemia. Tra l’altro il virus è presente anche nei paesi tropicali ed in quelli dell’emisfero australe (dove ora è estate).

In secondo luogo: il corpo umano, in condizioni normali, ha una temperatura media di 37 gradi potendo variare tra 35,5 °C e 37,7 °C. (fonte Dizionario di Medicina Treccani, 2010) Non bisogna essere uno scienziato, dunque, per capire che se il virus, come la catena di Sant’Antonio sostiene, davvero non resistesse ai 27 gradi, sarebbe inutile lavarsi le mani ed avere qualsiasi forma di prevenzione: lo distruggeremmo appena venisse a contatto col nostro corpo, a prescindere dall’età e dalle patologie pregresse. E sarebbe inutile anche bere acqua o liquidi caldi. E così non è purtroppo.

“La soluzione dell’acqua calda è un’assurdità, forse frutto dell’idea che con il caldo si tende a ridurre la diffusione di molti patogeni respiratori”, spiegava il 24 febbraio all’AdnKronos Salute Susanna Esposito, presidente dell’Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici (Waidid) e professore ordinario di Pediatria all’Università di Parma, che invitava a diffidare da questo tipo di informazioni.

Stare al sole fa bene perché aumenta la sintesi di vitamina D, ma contro i coronavirus non ha effetto – precisava l’esperta all’ADNKRONOS – Mentre il fatto di stare all’aperto riduce, in effetti, il rischio di contagio che invece aumenta nei luoghi chiusi e affollati, ma questo per tutti i virus”. Anche il monito contro il ghiaccio non ha alcuna logica. “Piuttosto, è bene lavare accuratamente e spesso le mani con acqua e sapone o con soluzioni alcoliche. E ricordare che se non si hanno sintomi respiratori non ha senso indossare la mascherina. In caso contrario sì, perché si proteggono gli altri”(Fonte AdnKronos)

Non vado oltre, solo una preghiera: siamo in un momento difficile, astenetevi dalla condivisione compulsiva. Accertatevi di quanto inoltrate ad amici e parenti, verificatene la fonte. Per stare sicuri, condividete solo informazioni scientifiche
provenienti da enti autorevoli ed accreditati: Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità, OMS.

L’analfabetismo funzionale e la mitomania contribuiscono alla diffusione del virus.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.