Stai in contatto

Attualità

Mobilità sanitaria: l’altro lato oscuro del piagnisteo lombardo

Pubblicato

il

La mobilità sanitaria interregionale è il tema che, più di tutti, offusca i pensieri del governatore lombardo Fontana

Tempo al tempo, tutti i nodi vengono al pettine. Soprattutto quando parliamo di pregiudizi, di slogan e dell’inconsistenza che li caratterizza, in cui il laborioso, produttivo e accogliente Nord viene contrapposto al Sud sfaticato che vive di assistenzialismo e illegalità.

La narrazione perfetta per il delitto perfetto, in cui il decantato primato di una parte del paese altro non è che il risultato di decenni di politiche economiche e sociali diseguali e del tutto sproporzionate. Se la suonano e se la cantano da soli – nonostante il nostro quotidiano dileggiarci col mandolino – sul voler fare da soli, su quei lazzaroni meridionali che gli tarpano le ali, per poi ritrovarsi ad elemosinare con accorati e ripetuti appelli ciò di cui proprio non possono fare a meno. Il Sud stesso.

Ne abbiamo avuto la concreta dimostrazione ieri sera a “Porta a Porta”, nel confronto televisivo tra il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, e quello della Lombardia, Attilio Fontana, con quest’ultimo sommessamente aggrappatosi a quella libertà di circolazione delle merci da Nord verso Sud che, in termini di sola domanda interna del Mezzogiorno, vale il 14% del PIL della produzione settentrionale, per un contro valore di ben 177 miliardi di euro.

Ne avevamo avuto un cospicuo assaggio già due giorni fa, con il post di risposta con cui lo stesso Fontana aveva accolto la possibilità – paventata da De Luca – di chiudere i confini regionali in caso di contestuale e omogenea riapertura anche nelle regioni del Nord Italia, dove ancora oggi, a meno di due settimane dal termine del lockdown, il numero dei contagi tocca ancora picchi da mille unità giornaliere e quello dei decessi fatica a scendere sotto le cinquecento.

Il ricco bottino della mobilità sanitaria

Come quasi sempre accade, l’uscita di Fontana si è rivelata un condensato di retorica e di propaganda politica imbarazzante.

Cos’è che, in realtà, sta davvero a cuore al governatore lombardo?

Si chiama mobilità sanitaria interregionale. Vale a dire quel processo di movimentazione interna che interessa quei pazienti che ricevono cure mediche in regioni diverse da quelle di propria residenza. Tradotto numericamente, secondo gli ultimi dati disponibili al 2017 forniti nel luglio scorso dall’Osservatorio GIMBE, si tratta di un giro d’affari nazionale pari a 4,578 miliardi di euro.

Di questi, la sola Lombardia riesce ad intercettarne 1,2 miliardi di euro.

Un flusso economico di grande rilievo, che gioca un ruolo decisivo nel drenaggio di risorse dalle regioni del Nord a quelle del Sud. La stessa Lombardia, nel 2017, ha usufruito di un surplus di 800 milioni di euro. Di contro la Campania, nello stesso anno, se n’è visti sottrarre (ulteriori) 323.

La preoccupazione del governatore Fontana ruota intorno a queste cifre. Oltre agli effetti che la sua incompetente e scellerata amministrazione può aver causato al millantato primato nazionale della sanità lombarda. A cui spettano da sempre risorse e mezzi maggiori, in virtù dell’insulsa sperequazione attuata tra Nord e Sud nella spesa pubblica pro-capite.

Vuoi vedere che adesso c’è chi ci penserà non una, non dieci, non cento ma addirittura mille volte prima di farsi curare in Lombardia?

Antonio Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.