Stai in contatto

Agroalimentare

Fernanda e le pizze fritte: storia d’amore e di vita in un basso ai quartieri spagnoli

Pubblicato

il

Turisti, quanti turisti in fila bisogna superare prima di cogliere lo sguardo della Signora Fernanda. Tutto il mondo sa che a Via Speranzella n.16, da un basso dei quartieri spagnoli, c’è lei: Fernanda Miano, 82 anni, la signora della pizza fritta.

“Ho imparato a dire tomato – ci dice, lanciandoci un’occhiata veloce mentre armeggia sul suo banco tra impasto, cicoli e ricotta – quando le persone vengono qui parlano tutte le lingue, non so nemmeno più da dove vengono”

“Oggi a otto”: la pizza fritta tra storia e presente

Quarta di cinque figli, porta avanti una tradizione centenaria cominciata dalla madre, come se la pizza fritta fosse un’affare tra donne. “Mio padre vendeva il ghiaccio – racconta Fernanda – era mia madre che tutte le mattine, dopo aver sistemato noi figli e la casa, usciva e nel basso di fronte cominciava a friggere pizze per le persone”

“Oggi a otto. Così si diceva perché c’era la fame, la povertà e si andava in giro per distribuire pizze fritte che la gente pagava dopo otto giorni. E poi, quando pagava, prendeva un’altra pizza, e così via.”

Il tempo sembra essere più leggero qui da Fernanda, sarà per l’odore della pizza fritta, sarà per i suoi movimenti, sempre uguali ma precisi, minuziosi.

“Come la volete? Completa? Tomato? Lo volete il tomato?”

“Dalla mattina verso le 11 fino a ora di pranzo io sto qua, poi rientro a casa che è quel basso di fronte vedete, proprio lì. Mi metto alla finestra e mangio qualcosa. Se c’è qualcuno che vuole altre pizze esco, altrimenti mangio e ritorno a lavorare verso le cinque fino alle nove e mezza”

Da madre in figlia: la pizza fritta è donna

Come una storia d’amore che prende tempo, fatica, sogni e desideri, così è la pizza fritta per Fernanda. Un testimone non semplice da raccogliere. “Quando mia madre non stette bene mi chiamò -racconta emozionata – e disse che dovevo mettermi io al posto suo. Ma io non sapevo fare le pizze, ero avvilita. Ma lei però non volle sentire ragioni. Mi mise vicino mentre lavorava e qui sono rimasta”

E da qui, senza muoversi di un centimentro dai suoi quartieri, si è sposata, ha fatto due figli e ha continuato a fare pizze fritte per la gente. Calde , friabili, piene di ricotta e di amore.

Il mistero delle donne di un tempo è quello di non far mai trapelare la fatica.

Il grembiule bianco impeccabile di Fernanda, i suoi capelli messi a punto, perfetti, quelle mani veloci ma segnate dal tempo. Ogni gesto, ogni dettaglio si porta dietro una storia fatta di fatica ma anche di grande passione e di grande normalità. Quella che vivevano tante donne qui ai quartieri, a Napoli.

Lavorare mentre si preserva una tradizione diventata poi patrimonio dell’umanità. Farlo incosapevolemte perchè era questo il compito assegnato, il lascito generazionale. E poi crescere i figli, fare casa e puteca, aiutare la famiglia, le sorelle, i vicini. Ed il vicolo si trasforma improvvisamente in comunità.

Fernanda e la famiglia: crescere con l’odore della pizza fritta

L’incontro con Fernanda è stato speciale perché non siamo venuti qui soli. La sua storia e le sue pizze le conoscono in tanti, ma c’è di più. C’è tanto di più.

“Gino a zia, come la vuoi la pizza? Sempre completa? Lo vedete questo giovane qui? L’ho cresciuto io. La mattina si svegliava e faceva colazione con le pizze fritte. E guardate come è cresciuto bene”

Gino è Luigi Romano, figlio della sorella di Fernanda. Colui che Fernanda chiama giovane è un uomo e un professionista di cinquant’anni che si commuove ancora ogni volta che va a trovare la zia. È lui che ci ha portato qui, dandoci la possibilità di proporre uno sguardo diverso su questa storia da raccontare.

“Avevo un anno quando mia madre, che doveva lavorare, mi portò da zia Fernanda perché avevo la febbre alta. Lei si prese cura di me, e non potendo uscire, in attesa che mi passasse la febbre, sono rimasto a casa sua per quattro anni”

Entriamo in casa di Fernanda con Gino e nel preciso istante in cui mettiamo piede nel basso della signora delle pizze fritte, i ricordi e la storia intera di una famiglia sembrano presentarsi vivi davanti a noi.

Un’unica stanza con letto matrimoniale, armadi, tavolo e sedie, una piccola cucina con bagno annesso. Questa è la casa dove sono cresciuti tre bambini con almeno due adulti. Ma in questa unica stanza Fernanda organizzava pranzi per tutta la famiglia, e l’odore del ragù si mescolava a quello delle pizze fritte che veniva dal basso di fronte. Sempre aperto. Sempre attivo.

“Qui, in questa unica stanza, abbiamo mangiato la domenica anche in venticinque persone – ci racconta Gino insieme a Fernanda – che si guarda in giro come se rivivesse quei momenti precisi – spostavamo i mobili nel deposito di fronte. E come per magia entravamo tutti”

Come per magia. La magia che avviene ogni domenica nelle case dei napoletani, quella che si tramanda, quella fatta di odori, di nonne, di zie e di nipoti.

Ricordi e tradizioni nel basso di Fernanda

Le storie familiari si intersecano sempre quando si raccontano storie di pizze e di cibo qui a Napoli. Perché al sud il cibo è tradizione e ogni piatto si porta dietro usanze, modi di vivere, di condividere spazi, tempi e luoghi di tante persone. Di una città intera.

“Mangiamocela qui la pizza – ci dice Fernanda invitandoci in casa sua – accomodatevi. Io mi metto qui alla finestra. Se qualcuno vuole una pizza però devo uscire. Voi continuate, non vi preoccupate. E mangiate tutt’cos’.”

L’immagine di Fernanda seduta alla finestra a scrutare attenta il pentolone nel basso di fronte e l’andirivieni del vicolo, ci accompagna per tutto il tempo in cui assaporiamo una pizza fritta fenomenale. Ricotta, pomodoro, cicoli, provola, pepe: la Completa. E quale se no?

Valentina Castellano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.