Stai in contatto

News

Ferzan Ozpetek: “Ai miei occhi Napoli è femmina”

In un lungo post su Facebook, il noto regista italo-turco Ferzan Ozpetek torna a parlare del suo film “Napoli Velata”, spiegando nel dettaglio il suo “personale” viaggio emozionale nella città partenopea. Mentre in questi giorni le sale cinematografiche trasmettono la sua ultima opera, Ferzan Ozpetek torna su come è giunto alla realizzazione di “Napoli Velata“, […]

Pubblicato

il

In un lungo post su Facebook, il noto regista italo-turco Ferzan Ozpetek torna a parlare del suo film “Napoli Velata”, spiegando nel dettaglio il suo “personale” viaggio emozionale nella città partenopea.

Mentre in questi giorni le sale cinematografiche trasmettono la sua ultima opera, Ferzan Ozpetek torna su come è giunto alla realizzazione di “Napoli Velata“, raccontando nel dettaglio il proprio approccio “sensoriale” verso il capoluogo campano.

Lo fa in un lungo post su Facebook, rispondendo inoltre a chi non ha particolarmente apprezzato o semplicemente non ha capito questa sua personale visione dell’anima di Napoli: “I film, senza gli altri, non esistono. E gli altri sono, come noi, autori del film’. Questa frase scritta da un grande regista, Marco Ferreri, mi rappresenta completamente. Ho sempre pensato che lo spettatore è l’ultimo Autore del film, quello che lo completa. Ogni film, anche se ha una sua oggettività tecnica, in realtà è sempre completamente soggettivo: ogni spettatore porta via con sé il proprio film, lo fa suo, sia che gli piaccia o no. Per questo io amo e rispetto ogni opinione su quello che ho fatto, perché ogni critica (positiva o negativa) e ogni riflessione mi fanno scoprire spesso cose nuove sul film e mi raccontano anche molto di chi le fa.

Per questo il dibattito che si è aperto naturalmente intorno a ‘Napoli velata’ mi fa molto piacere. Non c’è niente di peggio per chi fa una qualsiasi opera che cadere nell’indifferenza.

È ovvio che non ho raccontato Napoli com’è o come dovrebbe essere. Ho raccontato il mio personale viaggio – ‘stordito e abbagliato’ – dentro Napoli. La visione di me stesso dentro una città costruita come un palcoscenico teatrale tra le quinte di due sistemi vulcanici non comunicanti tra loro: il Vesuvio che erutta lava basica di colore grigio- nero, e il Flegreo, che va da Posillipo a Ischia ed emette gas acidi e una polvere di colore giallastro.

La città ha un diretto rapporto con gli Inferi, metafora di quell’eterna lotta tra Vita e Morte che in realtà è la dichiarazione di una convivenza: quella tra Razionalità e Irrazionalità. Napoli è la messa in scena di questa duplicità, del rapporto quasi sessuato tra Logos e Caos. E mi sembra che anche le reazioni di parte del pubblico riflettano questa duplicità: chi cerca la chiusura del cerchio razionale di tutto e chi invece si abbandona al flusso delle suggestioni. Ma anche chi, e ne ha diritto, si rifiuta di entrare e di mettersi in gioco.

Quando sono stato per circa due mesi a Napoli per ‘La Traviata’ un mio amico, durante una passeggiata su per la salita di Capodimonte, mi ha detto che lì Carlo III scendeva da cavallo e continuava a piedi. Per un momento mi è sembrato persino di vederlo e allora ho capito come ogni angolo della città sia pieno dei fantasmi della sua storia.

Dovevo solo scegliere come rappresentarla. L’ho fatto attraverso una donna, perché Napoli – ai miei occhi – è femmina. Così Napoli è diventata Adriana, il personaggio interpretato da Giovanna Mezzogiorno, che ho fatto camminare su due binari narrativi razionali: l’inchiesta poliziesca e lo sviluppo psicologico del suo trauma. Senza mai però cedere né alle leggi del Thriller né a quelle della Psicanalisi, altrimenti mi avrebbero tolto il Mistero della Passione, che è l’unico elemento che mi interessava.

La Passione è il vero tema del film, quella tra due esseri umani ma anche quella per una città e soprattutto per il Cinema. Adriana è un Giano bifronte che io seguo mettendola in mezzo o di fronte a una ‘messa in scena’, lei si staglia sempre in un contesto di Rappresentazione sia tradizionale – la figliata, la tombola vajassa, la smorfia dei numeri – sia personale: la sua sessualità, il suo lutto, il rivivere il proprio trauma originario. Ogni luogo di Napoli, anche i due appartamenti privati, sono scelti in funzione di un concetto quasi teatrale di ‘messa in scena’, tutti e due hanno infatti a modo loro dei Sipari che ci allontanano da ogni realismo per abbandonarci a una visione barocca, volutamente eccessiva”.

Non può mancare infine un ulteriore elogio verso la terra che lo ha ospitato in questi mesi di riprese: “Spero di essere riuscito ad accogliere Napoli dentro di me tanto quanto Napoli stessa è stata generosa a prendermi. Ma per lei è stato facile: mai terra è stata così curiosa dell’altro da sé, così pronta a fare sue le storie degli altri, anche quelle più nascoste e segrete”.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.