Stai in contatto

Grand Tour

Grand Tour – Il cimitero delle Fontanelle

  «Questo guazzabuglio di fede e di errore, di misticismo e di sensualità, questo culto esterno così pagano, questa idolatria, vi spaventano? Vi dolete di queste cose, degne dei selvaggi? E chi ha fatto nulla per la coscienza del popolo napoletano? Quali ammaestramenti, quali parole, quali esempi, si è pensato di dare a questa gente […]

Pubblicato

il

 

«Questo guazzabuglio di fede e di errore, di misticismo e di sensualità, questo culto esterno così pagano, questa idolatria, vi spaventano? Vi dolete di queste cose, degne dei selvaggi? E chi ha fatto nulla per la coscienza del popolo napoletano? Quali ammaestramenti, quali parole, quali esempi, si è pensato di dare a questa gente così espansiva, così facile a conquidere, così naturalmente entusiasta? In verità, dalla miseria profonda della sua vita reale, essa non ha avuto altro conforto che nelle illusioni della propria fantasia: e altro rifugio che in Dio»      

Matilde Serao                 

IMG_0870Un antico ossario nel cuore della Sanità, centro storico di Napoli. 40.000 resti stipati in 3000 metri quadri. Ossa e leggenda. Il cimitero delle Fontanelle, “O’ campusanto d’ ‘e Funtanelle”, leggendario cimitero scavato in una roccia tufacea. Uno dei luoghi più potenti di Napoli, che racchiude un insieme poderoso di cultura e arte, fede e mistero, un luogo in continuo equilibrio tra sacro e profano.

Il cimitero delle Fontanelle conserva i resti di chi in tempi remoti non poteva augurarsi una degna sepoltura: gente comune. Oltre alle grandi vittime delle piaghe che hanno colpito la città di Napoli: il colera del 1836 e la peste del 1656. Un luogo che nel corso del tempo ha anche assunto una folkloristica usanza divenuta un vero e proprio rito: ovvero quello delle “anime pezzentelle”, questa usanza dettata dal popolo che in cambio di “protezione” celeste, adottava una “capuzzella”, un cranio, che veniva poi rispettosamente custodito, affinché potesse essere meglio presentato nell’aldilà.images

Un luogo magico, che nasconde storie e leggende, tra cui quella del capitano, che narra le vicende di un uomo che osò profanare il teschio di un capitano, e che poi venne giustiziato il giorno del suo matrimonio da una figura misteriosa, che si rivelò poi essere il capitano stesso, ritornato dal mondo dei morti. O quella di Donna Cuncetta, ” ‘a capa che suda”, il cui cranio lucido rappresenta il sudore delle anime del purgatorio.

Il cimitero oggi resta un luogo di culto e di fede, un incredibile cimitero-museo, dove ogni passo nel giallo tufo è accompagnato da una magica atmosfera. Un ponte che collega la vita e la morte, il purgatorio giusto che si trova tra il paradiso e l’infernoNapoli_-_Fontanelle_crocevia_1030852.

Apertura e orario visite: dal lunedì alla domenica dalle 10 alle 17

Prezzi: ingresso gratuito

Indirizzo: Via Fontanelle, Napoli (NA)

Come arrivarci: Metropolitana linea 1, fermata Materdei

fontanelle

Diventa fan del Vaporetto, clicca qui e seguici sulla nostra pagina!

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.