Stai in contatto

Basilicata

CIAO MANGO / Il legame col sud sempre forte dell'”oro di Lagonegro”

Pubblicato

il

Pino Mango

Pino Mango

Sessant’anni e non sentirli, una voce straordinaria, dalla notevole estensione, una musicalità struggente ed intensa, sempre alla ricerca di nuovi stimoli,  come quando nel 1998 stupì tutti e si presentò con tanto di chitarra elettrica per cantare pezzi dalla contaminazione rock, con l’album “Credo”,  lui che era un melodico e con il rock non ci “bazzicava” praticamente mai, Pino Mango e’ scivolato via, proprio “come l’acqua”, che e’ pure il titolo di un suo pezzo.

Un uomo del sud che non faceva vita mondana, semplice, sensibile, poetico, ma sempre pronto a trasformare se stesso, e la sua arte, sempre alla ricerca di nuove musicalità, aveva iniziato nel 1976 con uno sconosciuto “La mia ragazza e’ un gran caldo”, non badava alle mode del momento, scriveva per se stesso e per gli altri.

San Remo gli permise di farsi conoscere al pubblico, un pubblico che incantava con le sue melodìe, senza compromessi, anche a rischio di risultare fuori da quelle che potevano essere le “logiche” commerciali del momento.

Come Monnalisa, Sirtaki, Mediterraneo, Lei Verrà, La rondine, hanno accompagnato la sua consacrazione al grande pubblico, e poi quel pezzo, “Oro”, che gli e’ valso tanti di quei bis, e che l’altra sera, ha accompagnato i suoi ultimi respiri sul palco a Policoro in Basilicata, dove ha chiesto scusa a tutti prima di accasciarsi senza speranza su quel pianoforte, che oltre alla chitarra, sapeva suonare alla perfezione.

Con Napoli aveva un rapporto particolare, il Teatro Augusteo era spesso la sua casa, una casa in cui non esistevano “scalette”, perchè con i partenopei, lui amava improvvisare e giocare con le “classiche” napoletane che interpretava in perfetta lingua madre, senza sbavature.

“Dicitancelle vuje” era un suo cavallo di battaglia, quando veniva a Napoli e la cantava con almeno un paio di tonalità superiori a quelle a cui eravamo abituati ad ascoltarla; poteva permetterselo, la sua voce aveva un’estensione indefinita ed una potenza fuori controllo, aveva del sud quel calore intriso di poesia, quella schiettezza che gli consentiva di concedersi sempre e comunque; i suoi concerti erano piccole maratone sfiancanti, i suoi album, laboratori permanenti, non erano mai uguali ai precedenti.

E’ volato via a cantare le sue canzoni in cielo, portando con se un po’ di quella poesia tipica della sua terra, quella Basilicata, musa ispiratrice, tempio di arte e cultura. Noi di lui ricorderemo, oltre alla sua arte, quella semplicità che ci ha saputo trasmettere, anche quando con quella sua voce raggiungeva “altezze” indefinibili!

Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *