Stai in contatto

I racconti del Vaporetto

I racconti del Vaporetto – Una scomoda verità

“La verità è un peso troppo grande da sopportare”. Ancora una volta quella frase cosi autoritaria tornò a far visita alla sua mente, riemergendo dai ricordi a tinte fosche della sua infanzia. Giorgio cercò di distrarsi, guardando dal finestrino le immagini del paesaggio circostante, e i suoi occhi verde smeraldo tentarono di focalizzare le forme […]

Pubblicato

il

“La verità è un peso troppo grande da sopportare”. Ancora una volta quella frase cosi autoritaria tornò a far visita alla sua mente, riemergendo dai ricordi a tinte fosche della sua infanzia. Giorgio cercò di distrarsi, guardando dal finestrino le immagini del paesaggio circostante, e i suoi occhi verde smeraldo tentarono di focalizzare le forme dei vigneti, dei pascoli, dei ruderi di campagna che avanzavano a forte velocità lungo il tragitto, ma fu tutto inutile. Solo la voce quasi metallica che annunciava l’imminente fine del viaggio riuscì a troncare il vortice dei suoi pensieri. Iniziò a indossare il suo impermeabile color beige e con passo svelto si avvicinò alle porte del treno, trascinando con risolutezza il trolley blu scuro, contenente pochi indumenti e una busta giallastra, il minimo indispensabile per quella gita fuori programma. Scendendo si adeguò al caos dell’ambiente, iniziando a camminare frettolosamente in direzione dell’uscita come tutti i presenti, pensando, non senza un malcelato sarcasmo, come tutte le stazioni del mondo seguissero lo stesso noioso, caotico, schizofrenico rito. Si recò quindi presso la corsia dei taxi, accennando con il braccio un timido gesto verso la vettura meno distante. In pochi secondi scese dall’auto un individuo grasso e calvo, che invitò Giorgio a entrare nell’abitacolo, riponendo con apparente garbo il trolley nel bagagliaio. “Via De Pretis, numero 15″ furono le uniche parole pronunciate da Giorgio durante la corsa, nonostante i continui tentativi  di intavolare una conversazione da parte del tassista. Giunti a destinazione, scese in maniera solenne dall’auto, prese dal bagagliaio la sua minuscola valigia e pagò la corsa, salutando cordialmente il tassista. Proprio in quel frangente piccole gocce iniziarono a bagnare l’impermeabile. In pochi minuti la pioggia battente svuotò il vicoletto dei pochi passanti presenti, lasciando Giorgio solo in direzione di un vecchio portone. Stordito, confuso, infreddolito, Giorgio si guardò intorno, mescolando con ansia le immagini del presente con quelle di un incerto passato. Raggiunto il portone iniziò a bussare energicamente, senza ricevere alcuna risposta. Visibilmente agitato, si  stava incamminando verso la piazza, quando notò un anziano signore che chiedeva l’elemosina, pochi metri lontano dal portone. Qualcosa lo attirò verso quel povero disgraziato, forse il suo nobile aspetto, nonostante la penuria di mezzi, forse una strana intuizione, ma alla fine decise di avvicinarsi. Per un interminabile attimo  incrociò lo sguardo tenero e compassionevole del vecchio, che gridava aiuto nel silenzio dei suoi occhi verde smeraldo, e tutto fu irrimediabilmente chiaro. ” Tenga buon uomo!” esclamò Giorgio, estraendo dal trolley la busta giallastra e porgendola nelle ruvide mani del mendicante. “Grazie mille signore” affermò, con tono sommesso ma estremamente gentile, il povero vecchio.    D’un tratto smise di piovere e Giorgio, con aria bonaria, salutò il mendicante, incamminandosi verso la piazza.”E’ proprio vero, la verità è un peso troppo grande da sopportare” pensò Giorgio, ora maggiormente rilassato, mentre raggiungeva l’albergo per il pernottamento, accompagnato dal suo impermeabile beige, dal solito trolley blu scuro e dalla sua meschina, perbenista, tracotante ipocrisia.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.