Stai in contatto

I racconti del Vaporetto

I racconti del Vaporetto – Il tramonto

L’ultima luce del giorno baciava l’intero golfo. Dal Castello che incontrastato si ergeva sul mare, agli scogli imbrattati, ritrovo prezioso e predestinato di ogni giovane napoletano. La brezza salmastra accarezzava ogni angolo di quel paradiso, da capo Posillipo fino alla lontana punta campanella, avamposti congiunti da quel fianco concavo che disegna il profilo di Partenope, […]

Pubblicato

il

299354L’ultima luce del giorno baciava l’intero golfo. Dal Castello che incontrastato si ergeva sul mare, agli scogli imbrattati, ritrovo prezioso e predestinato di ogni giovane napoletano. La brezza salmastra accarezzava ogni angolo di quel paradiso, da capo Posillipo fino alla lontana punta campanella, avamposti congiunti da quel fianco concavo che disegna il profilo di Partenope, quel contorno magnifico e surreale sfregiato dall’ombra mutilata del Vesuvio, delirio e incanto di ogni poeta e pittore.

Daniel guardava estasiato quel panorama. Conosceva quei lineamenti come le sue tasche, eppure ogni volta restava sopraffatto da quella visione, come se i suoi occhi si affacciassero improvvisamente sulla terrazza del mondo. Tutte le meraviglie erano racchiuse in quello sguardo. “Mi senti Daniel?” il ragazzo riemerse dalle profondità dei suoi pensieri: “Scusa, ero distratto…”. “Come sempre” lo canzonò Matteo sorseggiando la sua birra ghiacciata. “Dicevo,” riprese Luca. “Domani, il nostro Diego farà il grande passo,  l’ultimo tra noi vecchietti…”

“Auguri Diego!” fecero in coro i ragazzi. Le bottiglie tintinnarono al centro della compagnia, accompagnate dall’immancabile ilarità che rappresenta il sunto di quell’irripetibile frangente di vita. “Grazie amici” rispose il ragazzo con un sorriso serafico. “Dai Dieguccio, il discorso ti tocca!” lo incalzò Luca strizzando un occhio. Diego si schiarì la voce: “Amici… questo è soltanto l’inizio della nostra avventura. Questi scogli e questa veduta sono il simbolo del nostro affiatamento.” Prese la sua bottiglia per il collo e la frantumò sullo scoglio in un milione di frammenti. “Battezzo questo scoglio come il nostro punto di ritrovo e, in questo stesso giorno da oggi, seppure le nostre strade dovessero dividerci, ci ritroveremo qui, per brindare alla nostra salute.” Per incorniciare quel momento si alzò in piedi e tirando il petto in fuori in un tentativo maldestro di simulare un atteggiamento maturo, si prodigò in un profondo e riverente inchino: “Alla mia salute!”. “Siediti stupido, se non vuoi finire in acqua!” disse Matteo suscitando le risa dei compagni. L’allegria contagiosa, appagata da quella rasserenante scia di propositi, sembrava poter sfidare il tempo e le sue insidie. Eppure Daniel, indifferente a quei proclami, seguitava a meditare silenziosamente il tramonto.

“Ehi Daniel, ma che ti prende?”  disse Luca. “Domani Diego sarà maggiorenne,dobbiamo festeggiare!” Daniel chinò il capo sbuffando e i suoi occhi si riempirono di lacrime: “Domani parto.” Quella frase appena sussurrata, in quello scenario perfetto, aveva il peso di mille angosce. Eppure quel peso non impedì al vento di consegnare quelle tristi parole. La possibilità remota che tanto velatamente aveva paventato in una sera d’estate, si era infine avverata. Daniel sarebbe partito per intraprendere la carriera militare, alla ricerca di una stabilità che invano aveva cercato nella sua città, lui che prima di ogni altro, a causa della sua età, aveva assaporato l’avvilimento della ricerca.

Diego si sedette lentamente aiutandosi con la mano libera per non perdere l’equilibrio, il sorriso si perse sul volto ricacciato in gola da una nostalgia improvvisa. I momenti che seguirono furono colmi di pensieri non detti e il silenzio, quell’ospite inaspettato, calò bruscamente sulla compagnia. I quattro amici si persero nel contemplare l’orizzonte, come se il suo confine sfuggente celasse il loro futuro. A pochi metri gli scugnizzi facevano risuonare le loro risa ricche d’innocenza mentre si tuffavano in mare dai bastioni di Castel dell’Ovo. Nei loro volti si poteva scorgere la stessa irriverenza dei monelli di Hugo unita al contempo da quell’astuzia disarmante, privilegio esclusivo di questa città. E così, in quel flusso comune di pensieri, gli occhi dei quattro ragazzi si fusero nel meditare il contrasto tra la spensieratezza intrinseca del passato e il vasto e imprevedibile oceano del futuro.

Intanto il sole si perdeva nelle profondità del mare, facendo brillare di un rosso vermiglio il suo ultimo guizzo di luce. Di solito, quell’ultimo atto era accompagnato da un lungo e accorato applauso da parte dei ragazzi, che in tal modo erano abituati a salutare il giorno.

Quella volta però, non fu così.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.