Stai in contatto

Beni Culturali

IL RITROVAMENTO / Nella Necropoli di Cuma riportata alla luce una tomba del II secolo a.C.

Pubblicato

il

Novità dagli scavi della Necropoli di Cuma: è di poche ore fa la notizia, pubblicata sulla pagina ufficiale del Parco Archeologico dei Campi Flegrei del ritrovamento di una tomba dipinta, datata II secolo a.C. La scoperta è stata comunicata da Priscilla Munzi, ricercatrice del Centre Jean Bérard (CNRS – École française de Rome) e Jean-Pierre Brun, professore del Collège de France che dal 2001, con la loro équipe, lavorano per riportare alla luce l’antica Necropoli di Cuma, città considerata la più antica colonia greca dell’Occidente, fondata intorno alla metà dell’VIII secolo a.C. Da diciassette anni, gli archeologi francesi portano avanti le loro ricerche relative all’enorme Necropoli che si trova subito al di fuori di una delle porte delle fortificazioni settentrionali della città, grazie al sostegno finanziario del Ministère de l’Europe et des affaires étrangères, dell’École française de Rome e della Fondation du Collège de France. Le ricerche sono svolte nell’ambito di una concessione di scavo e ricerche del Ministero per i beni e le attività culturali e in collaborazione con il Parco archeologico dei Campi Flegrei.

La tomba, che è stata riportata alla luce nel mese di giugno, è dipinta con immagini che rappresentano una scena di banchetto, e si trova in uno stato di conservazione eccezionale. La sua tipologia architettonica è quella tipica delle tombe ipogee del II secolo a.C., con volte a botte e facciata monumentale. La particolarità di questa tomba sta, in particolare, nella decorazione: sulla lunetta in corrispondenza dell’ingresso della camera funeraria, sono ancora visibili una figura maschile nuda che sorregge nella mano destra una brocca in argento e nella sinistra un calice; ai lati del personaggio, sono rappresentati un tavolino e alcuni vasi di grandi dimensioni. Sulle pareti laterali sono presenti scene di paesaggio, mentre la parte alta è decorata da un fregio floreale. Le pareti al disotto della cornice e i tre letti funerari sono dipinti di rosso. Secondo quanto riportato dall’annuncio del Parco Regionale dei Campi Flegrei, i temi che sono rappresentati nelle decorazioni sono alquanto inconsueti nel periodo in esame, ma proprio per questo offrono nuovi e importanti spunti di riflessione per delineare e ricostruire l’evoluzione artistica della pittura parietale cumana.

La tomba è stata, probabilmente, visitata più volte nel passato, e gli elementi dei corredi funerari che è stato possibile recuperare sono decisamente pochi ma, nonostante questo, sono stati sufficienti per datare la tomba.

Il Parco Archeologico dei Campi Flegrei sostiene in forma sistematica la ricerca, con particolare riguardo a quella internazionale, ha commentato il direttore Paolo Giulierini che accolto entusiasta la scoperta, e considera il rapporto con il Centro Jean Bérard una collaborazione di altissimo profilo. La scoperta, che arricchirà il museo e il Parco, è in primo luogo fonte di grande progresso scientifico e storico.

Marica Mazzella

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.