Stai in contatto

Abruzzo

IN ABRUZZO / Discarica Bussi, i forum dell’acqua: “Mercurio e altri veleni nel nostro cibo da anni”

Pubblicato

il

sequestro discarica bussi

“Mercurio nei pesci ed esposizione ad altre sostanze non identificate ad azione genotossica: le sostanze tossiche rilasciate per anni dal sito di Bussi sono entrate nella catena alimentare”. Lo denuncia il Forum H2O illustrando i dati di uno studio dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale d’Abruzzo e Molise (Izs) sull’ecosistema del fiume Aterno-Pescara.

Il mercurio, dicono gli ambientalisti, supera i limiti di legge in un pesce su tre tra quelli pescati a valle del sito di Bussi sul Tirino (Pescara) dove nel 2007 è stata scoperta la cosiddetta megadiscarica dei veleni. Sei pesci sui 18 campionati a valle della discarica hanno superato i limiti di legge per il mercurio; nessuno dei pesci catturati a monte ha superato questa soglia. “La Val Pescara è una bomba ecologica ormai scoppiata: i pesci del fiume sono fortemente contaminati da metalli pesanti. Una situazione pazzesca e insostenibile, facciamo l’ennesimo appello perché partano le bonifiche”.

“Dati drammatici sotto ogni aspetto, sia per le informazioni in sé, che testimoniano un inquinamento diffuso e pesante, sia perché fanno capire lo stato comatoso in cui versano le istituzioni”, lo dice Augusto De Sanctis, del Forum abruzzese movimenti per l’acqua, a proposito dei risultati della ricerca condotta dall’Istituto Zooprofilattico di Teramo sul sito di Bussi sul Tirino, sottolineando che “l’unica giustizia è la bonifica”.

“Finalmente, dopo anni di lotte – dice De Sanctis – grazie all’Izs abbiamo dati sul mercurio sugli organismi del fiume Pescara, nonostante ci fossero segnali di allarme evidenti, noti non solo agli addetti ai lavori, ma anche al pubblico, visto che avevamo contribuito a diffondere queste conoscenze. Parlo degli alti livelli di mercurio nei sedimenti che andarono a dragaggio nel 2012 e nei sedimenti del fiume Tirino a Bussi campionati dall’Arta. Infine gli alti valori di mercurio trovati dall’Università di Teramo negli scampi pescati di fronte a Pescara e nei capelli dei pescatori del capoluogo adriatico, con i ricercatori che chiedevano interventi precauzionali almeno per le categorie di donne più a rischio”.

sequestro discarica bussi

“Ci chiediamo dove siano le Asl di Chieti e Pescara, cosa facciano i loro dirigenti sulla prevenzione. Esistono? – si chiede De Sanctis – In generale è raggelante lo stato di irresponsabilità statale che parte dal ministero dell’Ambiente e scende fino agli altri enti della filiera istituzionale. Si sta tardando addirittura a identificare amministrativamente il responsabile della contaminazione che per legge deve attuare la bonifica, al di là delle risultanze dei procedimenti penali. Il 29 maggio scorso abbiamo inviato una circostanziata lettera in cui riepiloghiamo la situazione e sostanzialmente dettiamo agli enti il da farsi secondo le norme vigenti e la giurisprudenza”.

“Passano i mesi, gli anni e tutto rimane fermo quando ci sono aziende multinazionali che avrebbero dovuto già pulire tutto. Ricordo che sono passati 8 anni dalla perimetrazione del Sito nazionale di Bonifica e addirittura dodici dal primo Piano di caratterizzazione della Solvay che evidenziava gravi problemi nell’area industriale. Ad oggi, a parte alcuni interventi di messa in sicurezza, qualcuno anche piuttosto precario – conclude – De Sanctis – non è stato fatto sostanzialmente nulla sulla massa di milioni di metri cubi di terreni contaminati”.

Dallo studio dell’Istituto Zooprofilattico di Teramo sull’ambiente del principale fiume abruzzese diffuso dal Forum Abruzzese dei Movimenti per l’Acqua emerge che in totale sono stati campionati 35 esemplari di pesci: 11 trote fario, 15 cavedani, tre rovelle, sei barbi comuni. Complessivamente 17 pesci a monte di Bussi (Molina Aterno 14 e Vittorito tre) e 18 a valle (Bussi tre e Manoppello 15). Lo studio ha approfondito diversi parametri, misurando sia i valori dei diversi contaminanti presenti negli organismi, pesci e macroinvertebrati, sia un indicatore di stress, la presenza dei micronuclei negli eritrociti dei pesci. Ben sei pesci sui 18 che sono stati campionati a valle della discarica hanno superato i limiti di legge per il mercurio pari al 33% del totale (addirittura cinque barbi su sei). Nessuno dei pesci catturati a monte ha superato questa soglia. A parte i limiti di legge, per cromo, mercurio e piombo i valori sono significativamente superiori a valle considerando tutti i pesci catturati.

Gli ambientalisti lo dicevano da tempo e ora c’è una conferma ufficiale: le sostanze tossiche rilasciate per anni dal sito di Bussi sul Tirino (Pescara), dove nel 2007 è stata scoperta la cosiddetta megadiscarica dei veleni, sono entrate nella catena alimentare. Ci sono “mercurio nei pesci oltre i limiti di legge ed esposizione ad altre sostanze non identificate ad azione genotossica”, dice il Forum Acqua, che illustra i contenuti dello studio sull’ecosistema del fiume Aterno-Pescara realizzato dall’Istituto Zooprofilattico di Teramo, secondo cui “la presenza di sostanze tossiche nei pesci rappresenta un problema per l’umano consumo, quindi sarebbe necessario vietare la pesca” a valle della megadiscarica.

I dati – relativi a pesci e macroinvertebrati campionati nel 2015 in quattro punti, due a valle e due a monte del sito – sono contenuti in un’ampia ricerca intitolata ‘Studio di un ecosistema fluviale ad elevato rischio ambientale mediante un approccio olistico basato sull’utilizzo di bioindicatori di diversi livelli nello spettro biologico’ dell’Izs abruzzese, pubblicata da pochi giorni sul sito dell’ente e illustrata dal Forum nazionale dei movimenti per l’acqua. “I dati – scrive l’Izs – fanno ritenere che a valle della discarica siano presenti sostanze con effetto genotossico cronico”. Nelle conclusioni della ricerca si legge infatti che “l’esposizione a sostanze tossiche è cronica, poiché la presenza dei micronuclei non si manifesta più dopo la depurazione, quindi potrebbe derivare da falda inquinata o da scarichi non trattati ancora attivi con continuita’”. “La Val Pescara è una bomba ecologica ormai scoppiata. Una situazione pazzesca e insostenibile, facciamo l’ennesimo appello perché partano le bonifiche”, commenta Augusto De Sanctis.

“I pesci del fiume Aterno-Pescara sono fortemente contaminati da metalli pesanti, con il mercurio che supera i limiti di legge in un pesce su tre tra quelli pescati a valle di BUSSI (Pe). Altri metalli pesanti come cromo e piombo mostrano valori più elevati nei pesci pescati a valle del sito nazionale di Bonifiche di Bussi, mentre a monte, sull’Aterno, altri inquinanti come diossine e cadmio mostrano valori più elevati. Una situazione pazzesca ed insostenibile, facciamo l’ennesimo appello perché partano le bonifiche”.

Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.