Stai in contatto

News

La rinascita della Reggia di Carditello secondo Franceschini

In occasione dell’apertura straordinaria del sito borbonico, il ministro dei Beni Culturali ha ipotizzato la creazione di un centro nazionale per l’equitazione.  Giunto a San Tammaro, in provincia di Caserta, per il convegno dedicato alla Reggia di Carditello, Dario Franceschini ha rilasciato una lunga dichiarazione, inerente alla riqualifica del complesso architettonico: “La Reggia di Carditello […]

Pubblicato

il

In occasione dell’apertura straordinaria del sito borbonico, il ministro dei Beni Culturali ha ipotizzato la creazione di un centro nazionale per l’equitazione. 

Giunto a San Tammaro, in provincia di Caserta, per il convegno dedicato alla Reggia di Carditello, Dario Franceschini ha rilasciato una lunga dichiarazione, inerente alla riqualifica del complesso architettonico:

“La Reggia di Carditello ce la farà a rilanciarsi e diventerà un grande attrattore internazionale. Le risorse per il restauro ci sono, e ci sono anche quelle per la destinazione della Reggia quando sarà decisa dalla fondazione diretta da Luigi Nicolais. Credo che Carditello debba riavere quella destinazione che aveva al tempo dei Borbone, ovvero di fattoria zootecnica, puntando magari sul cavallo Persano, razza creata dai Borbone. Penso ad un centro nazionale per l’equitazione. Ma sarà la fondazione a decidere”.

In linea con le affermazioni del massimo funzionario del Mibact, anche le parole del ministro delle Politiche agricole e forestali Maurizio Martina: “Questo è un luogo straordinario che merita di essere accompagnato. Con Franceschini e le autorità locali stiamo lavorando insieme per il rilancio della Reggia di Carditello. A tale scopo l’agricoltura avrà un ruolo importante, anche per il territorio circostante, che ha sempre avuto una vocazione agricola. Vedremo proprio oggi esperienze da cui partire”.

Intanto, al di là dei buoni propositi dei due politici, che speriamo possano dar seguito a interventi concreti, un primo passo è stato compiuto dalle due maggiori università campane, la Federico II e la Sun, le quali, in occasione dell’evento, hanno firmato una convenzione per il trasferimento di parte delle attività studentesche in alcuni spazi dell’ex residenza borbonica.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.