Stai in contatto

Nel Nome del Ciuccio

In ricordo di Gigi Simoni, allenatore gentiluomo

Pubblicato

il

Simoni nelle vesti di allenatore del Napoli, nella stagione 1996/97

Gigi Simoni avrebbe compiuto oggi 82 anni.

L’ex allenatore di Inter e Napoli ci ha lasciati il 22 maggio scorso, arrendendosi ai postumi di un ictus che lo avevano reso particolarmente sofferente.

Per andarsene, aveva scelto il giorno del decennale del Triplete conquistato dalla sua Inter, la squadra a cui soprattutto i più giovani appassionati abbinano il suo nome e il suo percorso calcistico.

Correva l’estate del 1998 e Moratti scelse Simoni per svezzare il fenomeno Ronaldo, al suo arrivo in Italia dal Barcellona.

Il Napoli delle prime volte

A Milano Simoni vi giunse dal Napoli, di cui fu allenatore una prima volta nella stagione 1996/97, raggiungendo la finale di Coppa Italia a discapito proprio dell’Inter, eliminata a Fuorigrotta ai calci di rigore.

Per la generazione post-maradoniana, il suo fu il Napoli delle prime volte e dei primissimi ricordi da tifoso.

Era il Napoli delle maglie azzurre con i rombi, dello sponsor Centrale del Latte, con in squadra Caccia, Aglietti, Turrini, Ayala e Taglialatela.

Era il Napoli del gol di Caio a Roma, contro la Lazio, in 9 contro 11. Della bomba a tempo scaduto di Milanese al Verona. Delle punizioni di André Cruz al veterano Pagliuca e al baby Buffon.

Il club azzurro era ancora nelle mani di Ferlaino, annaspava nelle difficoltà economiche e pagava in ritardo gli stipendi dei giocatori. Ferlaino che a Simoni non perdonó l’aver accettato la corte dell’Inter, esonerandolo per ripicca prima della fine della stagione.

Al suo posto arrivò Montefusco, a cui ancora oggi ci verrebbe da chiedergli perché non fece giocare Beto nella finale di ritorno di Coppa Italia col Vicenza.

Garbo e serenità: un uomo d’altri tempi

A Napoli, Simoni ci è tornato anche qualche anno più tardi, nel 2003/04. Quello dell’ultimo anno prima del fallimento e delle lacrime di un adolescente che, in vacanza, costringeva il proprio papà a farsi il giro delle edicole per sapere che fine avremmo fatto.

Fu l’anno delle partite in campo neutro a Campobasso, di Naldi presidente, di Vieri (fratello) e Savoldi (figlio) centravanti. Degli 82 paganti di Napoli-Albinoleffe, degli scontri nel derby con l’Avellino e della morte del 20enne Sergio Ercolano.

Momenti bui, difficili e complicati, in cui Simoni c’era e rasserenava. O comunque ci provava, con la sua pacatezza, il suo buon senso e i suoi modi sempre gentili e affabili.

Perché Simoni era una persona per bene, a cui il calcio non ha probabilmente restituito quanto lui, al calcio, ha dato e saputo dare.

Moratti, ancora oggi, rimpiange la scelta di averlo esonerato. I tifosi della Cremonese, dove ha ottenuto una promozione in A e due salvezze nei primi anni ’90, lo hanno eletto miglior allenatore nella storia del club grigiorosso.

Noi, nel nostro piccolo, vogliamo semplicemente ricordarlo con tutto l’affetto, la stima e la riconoscenza che si può concedere a chi, come lui, tanto ha fatto per i colori azzurri.

Perché chi ama, non dimentica.

Buon compleanno Mister, ovunque tu sia.

Antonio Guarino 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.