Stai in contatto

Politica

“Il nuovo sindaco renda accessibile il mare di Napoli”: intervista con Daniela Villani

Pubblicato

il

Napoli, villa Rocca Matilde è in vendita

Villa Rocca Matilde, stupenda dimora sul mare di Posillipo, la “villa Palladini” dei primi anni della soap Un Posto al Sole, è in vendita all’asta.

La notizia della vendita – per chi si può permettere anche solo di immaginarne l’acquisto – è sui principali siti immobiliari ed è spunto per una più approfondita discussione sul rapporto fra Napoli ed il suo mare.

Ad iniziare la discussione sui social è Daniela Villani, per un anno assessore al mare del comune di Napoli e per un altro paio d’anni delegata del sindaco de Magistris al mare: “A proposito di beni demaniali, fruizione spiagge, bene comune mare, non distraiamoci, alta la guardia sulle eventuali arroganze e aggressioni”. 

Il mare e la sua accessibilità è un ottimo motivo per una chiacchierata.

Mare inaccessibile, il caso del Parco Sud Italia

La Villani parte dagli accessi alla spiaggia negati, dal frutto del lavoro svolto nei suoi anni passati al comune di Napoli.  “A Napoli ci sono stati vari risultati”.  Il primo esempio che le viene in mente è  Parco Sud Italia (le acque minerali, per i napoletani doc):  “c’erano non solo i cancelli ma anche le guardie giurate per non far salire dal mare con le barchette. Fuori da ogni logica. Poi con le varie sollecitazioni mie e dei cittadini, di tutti quelli che frequentavano questi scogli, tutte indirizzate alla Capitaneria di Porto,  alla fine è stato intimato di non negare l’accesso, mentre sui cancelli c’è ancora una diatriba in corso”.

Il problema riguarda tutta la costa: “il cancelletto che appare, piccole e finte riqualificazioni danno l’idea che ci possa essere un tentativo di appropriazione indebita” e, di conseguenza, non bisogna mai abbassare la guardia.

Villa Rocca Matilde in vendita: situazione complessa ma vanno scongiurati divieti di accesso

Il caso di Villa Rocca Matilde, ci spiega ancora la Villani, è “una situazione particolarmente complessa perché ha lo sbocco a mare. Sarebbe più facile fare un’aggressione e quindi va sorvegliata e segnalata all’autorità portuale ed alla capitaneria di porto ogni cosa”, in modo da scongiurare e prevenire eventuali limitazioni all’accesso.

Il principio è che  “L’interesse di pochi non può vincere sull’interesse della comunità.  Il mare, del resto, è parte integrante della città e dovrebbe essere al centro delle attività di programmazione del futuro sindaco, chiunque egli sia”.

Il comune di Napoli deve riprendersi la governance della costa per quanto riguarda la sua competenza

Daniela Villani su questo aspetto è chiara:  “ mi sento di dire, essendo stata tre anni a seguire i problemi del mare di Napoli ed i nodi da risolvere, bisogna che il comune si riprenda la governance della costa per tutto quel che riguarda la sua competenza (usi turistici e ricreativi) oggi in mano dell’autorità portuale. Invece ad oggi non ha nessun potere di pianificare, riqualificare e fare una programmazione seria e responsabile”. 

Insomma un tema che il prossimo sindaco dovrà mettere al centro della sua azione: “E’ fuori dal mondo che il sindaco della città di Napoli non abbia la governance anche per inserirla in un contesto di pianificazione più allargata –vedi città metropolitana –. Si può lavorare in un disegno più organico per valorizzare quel capitale blu che al momento è molto complesso”.

Attualmente invece, “è tutto nelle mani del presidente dell’autorità portuale e si lavora con una logica di incontri e di accordi che non dovrebbero esserci perché in tutte le città dovrebbe essere il comune a programmare determinate cose”.  Soprattutto in una città come Napoli.

Aree marine protette: differenze di gestione tra Gaiola e Punta Campanella

Anche per quanto riguarda le aree marine protette, c’è una differenza sostanziale fra quel che avviene altrove e il caso Napoli.  Senza andare troppo lontano, il confronto è fra l’area marina protetta della Gaiola e quella di Punta Campanella.

E’ improprio, secondo la Villani, che il comune di fatto non abbia alcun ruolo nell’area marina protetta della Gaiola.  Per quanto riguarda Punta Campanella, invece, “il comune di Massa Lubrense siede nel cda del parco. E’ stesso il sindaco a suggerire i tre nomi per la presidenza, mentre a Napoli si puliscono i bagni”

Ogni candidato sindaco di Napoli dovrebbe avere un progetto sulla risorsa mare

La Villani infine rivolge un’invito ai futuri candidati a sindaco. “Non è immaginabile mantenere un patrimonio costiero senza avere la volontà di fare. Il prossimo candidato non può prescindere da avere un progetto sulla risorsa mare.

Abbiamo un rilancio di opportunità e prospettive occupazionali enormi.

La cosa più importante è il metodo, un metodo di rete con enti, associazioni, federazioni sportive, università, cittadini.

Lavorare in sinergia e con metodo di rete con tutti. Per una riqualificazione ed avere visione strategica più larga bisogna coinvolgere tutti i soggetti”.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.