Stai in contatto

La filosofia di Troisi

La filosofia di Massimo Troisi: l’encomio di Giuda e il Sofismo

Pubblicato

il

Definire Massimo Troisi un attore comico, cabarettista, regista e sceneggiatore è troppo riduttivo. Il suo linguaggio universale rivela radici e affluenze molto profonde, tanto da leggere anche una vera vena filosofica. Da oggi racconteremo la filosofia di Massimo Troisi con una serie di articoli

L’encomio di Elena

Ci troviamo nel V secolo a.C., ad Atene si è sviluppata la sofistica. La storia della filosofia ha appena voltato pagina ai presocratici, impegnati nella ricerca di un principio primordiale del mondo che li circondava e inizia ad indagare sull’uomo. E’ il tempo dell’avvento della democrazia e delle massime orazioni, l’arte dell’eloquenza assume un ruolo fondamentale nel confronto di uomini virtuosi. I sofisti integrano nella loro formazione culturale la retorica e la dialettica che diventano vere e proprie discipline e per la prima volta materie da insegnare a pagamento. Il termine sofista, infatti, è giunto fino a noi con un’accezione negativa. Senofonte li definì prostituti della cultura poiché non era visto di buon occhio dagli altri filosofi farsi pagare e dare gli strumenti della sapienza a chiunque potesse permetterselo economicamente.

E’ Gorgia uno dei massimi esponenti dei sofisti. Nato a Lentini,  antica colonia greca, in Sicilia, la sua opera maggiore è l’Encomio di Elena. L’autore coglie un genere già esistente che ritrattava idee già espresse, ovvero la Palinodia. Difatti Gorgia con il solito mezzo della retorica scagiona Elena dalla colpa di aver causato la guerra di Troia. Secondo Gorgia, Elena sarebbe innocente secondo una una serie di ragionamenti.

“E la Divinità supera l’uomo e in forza e in saggezza e nel resto. Che se dunque al Caso e alla Divinità va attribuita la colpa, Elena va dall’infamia liberata.”

Elena non ha di fatto colpe se è stata guidata dal destino definito una forza maggiore rispetto a qualsiasi volontà della povera donna. Dopo aver dimostrato la sua l’ingenuità seguiranno altri criteri come l’oltraggio e l’induzione che libereranno una volta per tutte Elena di Troia dalla sua storica accusa.

L’encomio di Giuda

Sono trascorsi ormai secoli dall’ultima ritrattazione sofistica. Da Atene facciamo un salto alla Napoli del 1981. In Ricomincio da Tre, film campione di incassi che ha da poco compiuto 40 anni e proiettato per oltre quaranta settimane di fila, c’è una scena cult  in cui Gaetano, interpretato da Massimo Troisi, dichiara di non tollerare nessun tipo di tortura preferendo fare una confessione a degli ipotetici nemici. In questo sketch riaffiora la Palinodia: Massimo Troisi svolge infatti un vero e proprio encomio di Giuda, ribaltando la sua rappresentazione sedimentata nella società, da traditore a vittima. Insomma ritroviamo tutte le dottrine sofistiche in Massimo Troisi che con il linguaggio di sempre, persuasivo ed efficace, parte dalla causa che ha portato Giuda ad essere per la storia il traditore per antonomasia fino a discolparlo del tutto.

“Giuda avrà avuto una ragione per fare una cosa del genere, no?”
“Eh no, per soldi”
“E per soldi, e nun ‘ è ‘na ragione, scusa?”

Il vero pretesto che scagionerebbe Giuda Iscariota ha la stessa matrice del primo ragionamento di Gorgia nel suo encomio.

“Bastavene ‘ca ‘o facevene nascere ricco e già si evitava tutta ‘sta ammuina dell’uccisione, ‘ o tradimento…”

Giuda non si è potuto opporre al suo principale destino, a contrapporsi alle sacre scritture che lo hanno fatto nascere in condizione di povertà. E’ vero, Giuda non è stato rapito con la forza come Elena ma è stato sempre mosso dalla compassione e l’amore per la famiglia, per quel decreto di necessità di portarla avanti.

 Quando uno non conosce la gente nun me piace ‘e giudicà, he capito? Pecché, miette, tu he bisogno proprio a nu certo punto….’Sti trenta denari mo, quanto putevano essere? mettiamo due, trecentomila lire, quattrocento, nun ‘o ssaccio, però chillo avrà miso a posto ‘e ccose soje. Miette per esempio ca jeva ‘a casa, e ‘a mugliera ogne vota: “Giuda, tu devi andare a lavorare; Giuda ‘o padrone ‘e casa, ‘a luce, l’acqua, ‘o telefono”. A un certo punto chille, tutte ‘sti cose, s’ha visto ‘e tranta denari ‘n mano, ha ditto: – ma che ‘me ‘ne ‘mporta, ‘mo metto apposto ‘a famiglia”.

Il Massimo Troisi sofista finisce qui, ma le sue illuminazioni filosofiche sono tante altre e ancora tutte da scoprire. Ve le racconteremo prossimamente.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *