Stai in contatto

Storia

LA POESIA / Ricordiamo Titina De Filippo con i suoi versi: “O core mio” a 120 anni esatti dalla nascita

Pubblicato

il

Più anziana di due anni di Eduardo e di cinque di Peppino, Titina De Filippo nacque esattamente 120 anni fa, a Chiaia, il 27 marzo 1998.

Con i fratelli recitò da subito in piccole compagnie dialettali fino alla fondazione del Teatro Umoristico I De Filippo, negli anni Trenta. Dopo la guerra continuò a lavorare a fianco di Eduardo nel periodo di più intensa creatività della sua vena drammaturgica, che certo si alimentò anche della presenza e del consiglio della sorella. Ma un male cardiaco la costrinse al ritiro dalle scene nel ‘ 54, quando aveva appena cinquantasei anni. Il nome tecnico di quel malanno, che se la portò via nove anni dopo, era stenosi mitralica. Ma lei lo sentiva così, come qualcosa di impazzito dentro di sé, come racconta in questa poesia che vi proponiamo.

O CORE MIO

Corre, sbatte s’ affanna, corr’ ancora, pò torna a se fermà. Quanne soffre accussì dice ‘ o dottore, ca si malate ‘ e core. Quand’ esce sta sentenza si faie ‘ o muse stuorte peggio è pe’ té. Più t’ emozioni, più senti chella sofferenza, più ne subirai le consequenze. Ci vuole calma, prepararsi a murì, senza speranza. E allora te rassigne, pò t’ ammalincunisce, te pare n’ ingiustizia, e t’ addimanne: pecché? Pecché aveva a capità propio a me? Pò aspiette, mentre ‘ o core sbatte, corre, se torna a fermà, po’ sbatte ancora. Nu iuorne però, dopo diec’ anne, stu core s’ è calmato, nun corre cchiù. Curreva, se sbatteva, pecché aveva bisogno ‘ e stu duttore. L’ ha truvate e s’ è calmate. Povere core! Mo tene chi l’ addorme, e lle fa ‘ a guardia, cumme si cantasse ‘ a canzone che cantava mamma mia, cagnannele ‘ e parole: Nonna, nonna, nonna nunnarella, ‘ o lupo nun s’ a mangiata ‘ a pecurella… Dottò se voi mi consigliate, e cantate sempre a nonna a stu core cu ‘ e parole cagnate, cient’ anne camparraggio! Ma si m’ abbandunate allora sentarraggio, da na luntana via, na voce, ca certamente è chella ‘ e mamma mia, cantà vicino a me: Nonna, nonna, nonna nunnarella, ‘ o lupo s’ à mangiata a pecurella!.

Titina De Filippo

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.