Stai in contatto

Mondo

L’INTERVISTA / Manfredonia, Tyson del Vesuvio, verso le Olimpiadi: “Porto Napoli a Rio”

Pubblicato

il

valentino manfredonia

Valentino Manfredonia, cuore partenopeo e sangue brasiliano, 26enne nato a Jaboatão, vicino alla città di Recife, definito il Tyson del Vesuvio, è stato il primo italiano a qualificarsi ai giochi Olimpici di Rio 2016. E’ un ragazzo semplice, il classico ragazzo della “porta accanto” che aiuta i genitori nell’attività di famiglia, che fin da piccolo ha creduto nel suo sogno: diventare un vero campione. “Ho iniziato a Napoli – ci racconta – mi ha cresciuto Guido De Novellis. Sono entrato in palestra a dieci anni per perdere un po’ di peso. Ero un po’ cicciottello: ero alto un metro e 60 e pesavo 115 kg. Mi misero a combattere con le ragazze. Ho detto: “qui non va bene”. Dopo quattro anni ho debuttato e ho vinto. Il mio sogno non è solo conquistare Rio, ma portare Napoli sul tetto del mondo. Voglio far capire al mondo intero che qui a Napoli ci sono persone che fanno la differenza ma in modo positivo!”

Valentino, innanzitutto complimenti per la tua qualificazione ai prossimi giochi olimpici, vuoi raccontarci come è iniziata questa avventura?

E’ iniziata partecipando al torneo World Series of Boxing come titolare della mia categoria ovvero 81 kg,siccome ero pugile imbattuto ho disputato la finale a Bergamo tra me ed il croato Sep ho vinto il torneo a squadre 7 vittorie su 7 incontri.

Cosa vuol dire per te boxare?

Bella domanda…mi viene difficile risponderti…per me rappresenta ciò che sono realmente, ognuno viene al mondo per fare qualcosa di specifico… Valentino è nato per boxare…è la mia ragione di vita!

Nel mondo della “noble art”, ovvero il pugilato, c’è un personaggio a cui ti ispiri?

Il personaggio a cui mi ispiro maggiormente è Mohammed Alì, ho sempre cercato di apprendere qualcosa dal suo modo di boxare ed imito il suo stile sul ring.

C’è qualcuno che rappresenta per te un punto di riferimento?

Come punto di riferimento ho senza dubbio mio padre perchè anche nei periodi bui e nei momenti di crisi lavorativa, è sempre presente e non ci fa mancare nulla ed io spero di poter diventare da grande almeno la metà di ciò che è lui adesso.

Tornare nella propria terra natìa per difendere i colori di quella adottiva, come ti fa sentire?

Sarà che è ancora presto, ma vado lì da napoletano, sarò di certo molto emozionato ma parto, arrivo e torno sempre da napoletano.

Cosa significa per te essere napoletano?
Siccome si parla quasi sempre in negativo della nostra città, io cercherò di sfatare questo falso mito dimostrando al mondo interno, e non solo in ambito sportivo, che i napoletani sono grandi persone, persone uniche e capaci di eccellere in tutto come qualunque altro cittadino del mondo.

Sappiamo che sei un tifoso del Napoli,ma essendo nato in Brasile devo chiederti per forza questo : Maradona o Pelè?

Maradona, decisamente. Per me vale la canzone “Maradona e meglio ‘e Pelè”.

In quanto atleta, sei costretto a seguire un’alimentazione bilanciata, ma quando ne hai la possibilità, ci sono dei piatti della cucina napoletana che preferisci mangiare?

Innanzitutto sono un golosone,preferisco il dolce al salato,amo la pastiera la sfogliatella frolla, le zeppole di San Giuseppe ma in particolar modo ciò che amo di più è la pizza…ma c’è un piatto che solo a casa posso mangiare… la pasta e patate al forno che fa mia mamma.

Come vivi la tua “napoletanità” all’estero e soprattutto al Nord, viso che trascorri spesso del tempo nella città di Rimini?

Durante il periodo estivo aiuto i miei genitori nella nostra attività di famiglia “IL COCCOBELLO” a Rimini, la mia napoletanità è molto notevole anche tra i compagni di squadra (per la maggior parte campani anche loro). Non nego che amo parlare nella nostra lingua, il napoletano, e all’estero mi capiscono eccome! Sono solare, allegro e cerco di portare sempre il sole di Napoli con me in giro per il mondo.

Progetti per il futuro?

Per scaramanzia aspettiamo Rio e poi vi dirò.

Se potessi dire un “Grazie” speciale, a chi lo rivolgeresti?

Ci sono moltissime persone che mi hanno aiutato e sostenuto durante la mia carriera , anche nel mio periodo buoi in cui sono stato fermo circa tre anni per motivi personali,però se proprio devo dire grazie qualcuno ringrazio la mia famiglia, ma in particolare l’unica persona che davvero sa chi sono e si sacrifica sempre me, la mia fidanzata, Giusy.

Dora Agave

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.