Stai in contatto

Arte e artigianato

L’INTERVISTA / Il direttore Sylvain Bellenger: “Il mio progetto per Capodimonte”

Pubblicato

il

Superate le 25mila visualizzazioni della nostra intervista a Sylvain Bellenger sulla pagina Fb di Identità Insorgenti, abbiamo deciso di caricarla su You Tube per riproporla a un pubblico che vada oltre quello dei Social.

La scorsa settimana abbiamo passato un intero pomeriggio in compagnia del Direttore Sylvain Bellenger che ci ha aperto le stanze del “palazzo” e ci ha mostrato i suoi progetti per il Museo di Capodimonte, a sei mesi da suo insediamento.

Abbiamo percorso con lui i lunghi corridoi, attraversato le sale stracolme di opere importantissime. Gli abbiamo fatto domande pungenti, abbiamo parlato a lungo di Napoli e della sua storia meravigliosa che non sempre ci ha trovati sulle stesse posizioni ma ci ha permesso di comprendere meglio il punto di vista di un attento osservatore esterno.

Siamo rimaste piacevolmente colpite dal garbo e dall’educazione del Direttore Bellenger, ma soprattutto dalla sua grande cultura e la sua passione per Napoli.

E ci piace il respiro internazionale che vuole portare al Museo. Insieme, infatti, abbiamo convenuto sulla visione un po’ troppo provinciale che l’Italia ha di se stessa e del suo immenso patrimonio artistico. E Napoli merita di essere trattata da capitale europea quale è sempre stata. Su questo siamo d’accordissimo, la nostra visione è analoga a quella di Bellenger.

Non sono mancate da parte nostra piccole polemiche come quella sui prestiti e gli spostamenti delle opere del Museo, o sulla collezione Farnese. Ma per Bellenger il prestito delle opere è pubblicità: ed infatti ci ha raccontato che sono in partenza per New York i disegni della cappella Paolina, di Michelangelo, che sono custoditi a Capodimonte. In cambio arriverà a Napoli

Punti di vista differenti che partono da condizioni differenti ma interessanti i programmi per Capodimonte, come la già inaugurata navetta e le strategie per attrarre sempre più turisti. Ma soprattutto, napoletani.

Perché, nella sua idea, il bosco -annesso al Museo- deve diventare sempre più il luogo delle famiglie, dei bambini, dei napoletani tutti.

E poi ci ha parlato della sua idea di coinvolgere le associazioni, i cittadini, di fondare una sorta di “confederazione” di singoli e gruppi che lo aiutino a migliorare sempre più le condizioni del bosco.

Insomma una visione di ampio respiro che ci vedrà partecipi e coinvolti. Seguiremo passo passo gli sviluppi del museo: un impegno reciproco tra noi e la nuova direzione.

Lucilla Parlato

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.