Stai in contatto

Altri Sud

Onde emotive dimenticate: l’Afghanistan, i talebani e le donne

Pubblicato

il

afghanistan

Come c’era da aspettarsi, l’ondata emotiva collettiva veicolata via social relativa al destino delle donne afgane in seguito al ritiro delle truppe di occupazione straniere dal paese, è fisiologicamente scemata. L’ennesima sconfitta militare degli Stati Uniti che non vincono un conflitto dalla seconda guerra mondiale lascia l’Afghanistan in una situazione di preoccupante incertezza.

Le conseguenze dell’occupazione militare occidentale

Negli ultimi vent’anni l’occupazione militare occidentale ha generato una bolla economica e sociale che adesso è scoppiata.

Il nuovo governo afgano guidato dai Talebani deve fare i conti in primis con seri problemi economici che minacciano il paese la cui economia è stata sovvenzionata da una pioggia di aiuti occidentali repentinamente interrotti con la caduta del governo Ghani.

Gli Stati Uniti hanno congelato assets per svariati miliardi di dollari appartenenti alla banca centrale afgana custoditi da istituti americani all’indomani della caotica ritirata.

Alle porte c’è una crisi umanitaria

L’Afghanistan si trova di fatto a dover fronteggiare la minaccia di una crisi umanitaria inevitabile se il paese resterà isolato.

Da qui gli sforzi dei Talebani per il riconoscimento del loro governo affinché riprendano gli scambi commerciali e gli aiuti umanitari.

Ora l’Occidente tace

Al silenzio dell’occidente fa da contraltare l’apertura dei paesi confinanti al nuovo governo, in primis la Cina interessata alla sicurezza dei confini e alle materie prime di cui il paese è ricco: oro, argento, platino, ferro, rame, cromo, uranio e litio.

A giorni si terrà a Teheran un meeting dei paesi confinanti con l’Afghanistan Cina, Pakistan, Tajikistan, Uzbekistan e Turkmenistan oltre alla Russia in cui si deciderà come aiutare lo sviluppo economico e politico dell’Afghanistan.

I terroristi dell’Isis-K intanto non si fermano

Un’altra seria problematica sono i terroristi dell’Isis-K gruppo radicale di matrice isalmica sunnita autore di vari attacchi alla popolazione civile come il recente attentato all’aeroporto di Kabul, alla moschea di Kandahar e in passato a università e ospedali ( si conta anche un eccidio in un reparto maternità).

La nuova comunicazione dei talebani

I Talebani che in vent’anni di conflitto hanno capito quanto sia importante la comunicazione in un’inedita apertura alla stampa straniera hanno da subito rassicurato che il loro governo sarà inclusivo di tutte le etnie presenti nel paese ( al contrario del governo Ghani accentrato e poco rappresentativo), la tutela dei diritti civili in primis quelli delle donne, sicurezza sul territorio e lotta alla corruzione dilagante e al narcotraffico più che mai prospero nonostante la guerra.

La complessa struttura etnica dell’Afghanistan

La struttura etnica e sociale dell’Afghanistan è molto complessa e vi convivono diverse etnie, gruppi linguistici e religiosi.

Pur vivendo una situazione di arretratezza economica e produttiva principalmente dovute alle continue guerre che dall’ 800 ad oggi affliggono il paese, l’Afghanistan è un territorio ricco di storia e cultura, luogo di incontro, scambio e sincretismo religioso che ha vissuto secoli di prosperità..

Da sempre la via commerciale per l’India passa da qui

È la via commerciale per l’India come ben sapeva Alessandro Magno che prese in moglie una principessa afgana e come ben sapevano gli Inglesi che hanno provato ad occuparlo a suon di eccidi di civili a metà ottocento, tuttavia senza successo come nel caso dei russi negli anni ’80 (in quel periodo nacquero i gruppi islamici armati sovvenzionati da Usa e Arabia Saudita tra cui Al Queda e gli stessi Talebani) e gli americani nel passato prossimo.

L’ondata emozionale mediatica dell’Occidente è già finita

La fine di vent’anni di guerra coloniale che gli Stati Uniti hanno giustificato come guerra al terrorismo di Al Queda, loro creatura sfuggitagli di mano, ha prodotto in occidente un’estemporanea ondata di interesse compulsivo legato ai destini delle donne afgane culturalmente occidentalizzate.

Si sono susseguiti appelli e petizioni su piattaforme dalla dubbia efficacia ed etica assieme a
manifestazioni di femminismo di facciata, il tutto basato su quello che gli antropologi definiscono etnocentrismo culturale.

Per le donne nessun “rastrellamento” né lapidazioni pubbliche

Per quanto riguarda la situazione delle donne non si registrano rastrellamenti e lapidazioni pubbliche come paventato in occidente e presto le studentesse delle scuole di secondo grado e delle università dovrebbero avere di nuovo accesso all’istruzione a detta dei portavoce dei Talebani.

Il nuovo governo afgano è stato tuttavia recentemente criticato da Onu, Quatar e Pakistan ( i primi paesi a spingere per il riconoscimento internazionale) in quanto il processo di normalizzazione della situazione sociale delle donne procede a rilento.

I talebani sono consapevoli che sulla questione donne si giocano il futuro

Di fatto i talebani sono ben consapevoli che sulla questione delle donne si giocano il futuro del paese in termini di riconoscimento, aiuti e scambi commerciali condizioni senza le quali il paese sarà presto alla fame.

Tuttavia non bisogna cadere nell’errore di guardare alla società afgana con “occhi occidentali” in quanto una società di natura tribale che ha passato gli ultimi secoli a difendersi da invasioni straniere è ben lontana da usi e costumi che si è cercato di imporre con la forza.

Il burqa per molte donne afgane è simbolo di identità e appartenenza

Il burqa simbolo per gli occidentali di oppressione è per molte donne afgane simbolo di identità, appartenenza culturale e religiosa.

Molte donne dell’elite culturale di Kabul (in Afghanistan il 70% della popolazione è analfabeta) lo indossavano per scelta anche durante l’occupazione americana.

Durante le invasioni sovietiche le donne indossavano il velo per protesta contro le ideologie marxiste-leniniste

Durante l’invasione sovietica le donne che protestavano indossavano il velo in segno di rifiuto delle ideologie marxiste-leniniste che il nuovo governo golpista tentava invano di imporre ad una popolazione spesso divisa in fazioni ma forte della propria identità culturale nella lotta all’invasore.

“Salvare le donne afgane” assieme alla lotta al terrorismo è stata  una delle giustificazioni addotte dall’amministrazione americana all’atto di invadere il paese.

Non esistono culture superiori le une alle altre

La situazione, oggi, però, non è quella che l’occidente temeva.

Si giudicano usi, costumi e culture altre come inferiori alla cultura occidentale ritenuta parametro infallibile della vita sociale.

Si fanno guerre ipocritamente definite missioni di pace, si esporta “la democrazia”.

Ma siamo sicuri che gli Stati Uniti siano veramente un modello virtuoso da emulare anche al costo di una guerra?

Un paese che ha basato la propria ricchezza sul genocidio dei nativi americani e sulla schiavitù dove prospera il razzismo verso i neri e le minoranze etniche e dove i poveri non possono curarsi ha ben poco da insegnare agli altri.

Gli occidentali dovrebbero smettere di sentirsi superiori

Più in generale gli occidentali dovrebbero smettere una volta per tutte di sentirsi superiori a culture e paesi la cui storia e struttura sociale sono ai più sconosciuti.

Non esistono culture superiori le une alle altre, esistono culture diverse tutte di pari dignità.

L’effimera preoccupazione via social per i destini delle donne afgane più che un’ondata di interesse e solidarietà per le sorti di popoli altri è stata l’ennesima dimostrazione di protagonismo autoreferenziale dalla breve durata e oggi dalle bacheche sono spariti i burqua per lasciare spazio ai green pass.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *