Stai in contatto

Razzismo

PERNACCHIO EDUARDIANO / Gesti eternamente validi per chi crede che il Sud meriti meno, in ogni caso

Pubblicato

il

Pensavamo di averle viste e sentite tutte in questi mesi di pandemia. Ma quando pensi di aver toccato il fondo, c’è sempre chi è disposto a scavare. È il caso del leghista Angelo Coccia che con le sue dichiarazioni, nei giorni scorsi, avrebbe anche pututo far ridere se la questione non fosse serissima.

Secondo lui, infatti, nella distribuzione dell’agognato vaccino anti SARS-CoV2, la Lombardia dovrebbe ricevere più dosi delle altre regioni. Perché, a suo dire, “se si ammala un lombardo, economicamente vale di più rispetto a un laziale”. Concetto espresso in TV e ribadito a radio e giornali :”prima ai dipendenti privati della Lombardia che tengono in piedi il Paese e solo dopo ai ministeriali romani”.

Le parole di Coccia nascono dalla possibilità di destinare un maggior numero di dosi al Lazio rispetto alla Lombardia per l’esigenza di vaccinare innanzitutto i dipendenti della Pubblica amministrazione per garantirne il regolare funzionamento. E rincara la dose con un luogo comune che abbiamo sentito tante volte :”eppure è un’assurdità: un imprenditore lombardo paga più tasse di un cittadino laziale”.

Si potrebbero fare tante considerazioni, a partire dal fatto che se in Italia ci troviamo a dover contare più morti di una guerra è proprio grazie alla pessima gestione della pandemia da parte della “regione delle eccellenze”. E che se non c’è chi consuma, il produttore lombardo se la può anche mangiare la sua merce, dato che le leggi di mercato sono dettate dalla richiesta più che dall’offerta e le regioni del Sud hanno un rapporto di interdipendenza economica con quelle del Nord, non avendo praticamente industrie.

Quindi, se è corretto vaccinare l’imprenditore lombardo “che produce – e giustamente, nel resto d’Italia ci grattiamo la pancia da mane a sera – sarebbe altrettanto corretto vaccinare la restante popolazione poiché, in termini economici, il ciclo produttivo si conclude col consumatore finale.

Ma le parole del leghista Coccia sono talmente ridicole ed assurde da aver imbarazzato persino Salvini ed altri esponenti della Lega, oltre agli alleati del Centro-destra. Pertanto, l’unica cosa che ci sentiamo di fare è chiosare le parole del verde padano con la più eduardiana delle risposte: un bel pernacchio…

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.