Stai in contatto

Attualità

SOTTOCULTURA LEGHISTA / Il sindaco di Cantù: “Napoli fogna”. Ma nessuno si scandalizza nè chiede dimissioni

Pubblicato

il

È passata poco più di una settimana dalla calata del barbaro leghista a Napoli ed ancora siamo costretti a sopportare il tanfo dei rigurgiti, del retropensiero, della retorica più vomitevole che sempre si spreca quando si tratta di narrare i fatti napoletani.

In quest’ottica rientrano le vergognose parole di Claudio Bizzozero, sindaco di Cantù. Lombardo “duro e puro”, di quelli che vorrebbero la Lombardia libera (a chi venderebbero, poi, la merda che producono nelle loro imprese, con manodopera quasi tutta meridionale, godendo di un mercato interno protetto, non si è ancora capito) il primo colpo lo ha sferrato a Salvini, reo di essersi venuto ad infognare a Napoli, dalla sua pagina Facebook. E naturalmente, per colpire Salvini, ha dovuto vomitare insulti su Napoli.

È vero che Cantù in molti non sanno manco dove si trovi, ed è altrettanto vero che le gesta di un anonimo sindaco di un’anonima cittadina di provincia del profondo Nord non interessano manco a sua madre, ma adesso vorrei proprio vedere le facce di tutta quella feccia italica che in questi giorni ha lanciato qualunque cosa su de Magistris, reo di accendere gli animi e fomentare odio.

Certo, perché l’odio lo fomenta chi, con grande dignità e decisione, difende la sua città e la sua persona da attacchi strumentali. È chiaro, perfettamente in linea con l’italico pensiero. Dove sono i Mentana di turno adesso? Dove sono i Gasparri che sbraitano delle dimissioni di de Magistris? Dove sono i Renzi, i de Luca, i piddioti che nei giorni scorsi hanno solidarizzato con Salvini?

Dove siete tutti voi, soloni del pensiero “democratico”, quando ad essere insultato da pezzi di Stato-seppur microscopici- è un intero popolo? Invocatela ora la legge Mancino. Non ce la fate, eh? E allora la invochiamo noi, chiedendo le dimissioni del sindaco di Cantù. Immediate e senza esitazioni.

Di seguito, lo status dalla sua pagina Facebook: “SALVINI: “NAPOLI È CASA MIA”. FOSSI STATO PRESENTE GLI AVREI SEMPLICEMENTE DETTO CHE CASA MIA INVECE È CANTÙ E LA LOMBARDIA È LA MIA TERRA, MENTRE NAPOLI PER ME RESTA UNA FOGNA INFERNALE (EMBLEMA DELL’INTERA itaGlia) DALLA QUALE MI TENGO BEN LONTANO. Salvini lo ha dichiarato in diretta ieri sera a “QUINTA COLONNA” su Rete 4 e nessuno dei presenti gli ha detto nulla. Io avrei dovuto essere lì in trasmissione a quell’ora ma stranamente, verso le 15.00, mentre già ero a metà del viaggio per Roma, mi hanno telefonato dalla redazione per dirmi che sarei slittato nella seconda metà della trasmissione (cioè dopo la comparsata salviniana). Vi sembra un caso? A me per niente. Così il candidato premier naziunal partenopeo l’ho solo incrociato. Lui usciva dallo studio ed io entravo … e confesso che mi ha fatto una sola impressione: mi è sembrato molto basso … anzi … più che basso direi … piccolo. UN PICCOLO INSIGNIFICANTE LEADERUCCIO NAZIUNAL PARTENOPEO che ha paura dei confronti pubblici con chi sa che lo metterebbe in difficoltà. Che un personaggio così insignificante rappresenti Napoli e la fogna italica non mi sorprende. I napoletani fanno benissimo a votarlo: è perfetto per loro. Che rappresenti invece noi lombardi … mi sembra invece una nostra gravissima responsabilità e sorprendente che alcuni fra noi ancora lo votino”. Claudio Bizzozero Sindaco libero e fieramente lombardo del Comune departitocratizzato di Cantù. Concetto, quello di Napoli fogna, che ribadisce anche nei commenti successivi. Nel silenzio generale.

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.