Stai in contatto

News

Possibile candidatura del pane campano come patrimonio Unesco

A rivelarlo è il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli il quale, in collaborazione con Unipan, sta valutando tutti i dettagli utili per la proposta ufficiale da presentare alla commissione Unesco. Non lascia, anzi raddoppia. La Campania, dopo il riconoscimento ottenuto dall’arte dei pizzaioli napoletani come patrimonio immateriale dell’umanità dell’Unesco, continua il percorso di […]

Pubblicato

il

A rivelarlo è il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli il quale, in collaborazione con Unipan, sta valutando tutti i dettagli utili per la proposta ufficiale da presentare alla commissione Unesco.

Non lascia, anzi raddoppia. La Campania, dopo il riconoscimento ottenuto dall’arte dei pizzaioli napoletani come patrimonio immateriale dell’umanità dell’Unesco, continua il percorso di valorizzazione delle proprie potenzialità gastronomiche, a partire dal pane.

A dichiararlo, nel corso di una riunione operativa con l’ambasciatore Francesco Caruso, è il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli: “Diventa concreta la possibilità di inserire l’arte, la lavorazione e la tradizione del pane nell’area vesuviana, e in particolare a San Sebastiano, nel patrimonio immateriale dell’umanità dell’Unesco seguendo il percorso tracciato dall’arte dei pizzaioli napoletani. 

Proprio in queste settimane, dalla Francia è partita una richiesta analoga per la baguette, e di certo la lavorazione del pane che viene fatta a San Sebastiano non è seconda a quella alla base della produzione del pane francese. Grazie alla collaborazione dell’Unipan, l’associazione dei panificatori, stiamo già mettendo insieme tutte le notizie storiche e culturali per arrivare alla stesura della proposta ufficiale. 

Inoltre si sta concretizzando la realizzazione della cittadella del Pane a San Sebastiano al Vesuvio finanziata dalla Regione Campania e realizzata sempre a San Sebastiano al Vesuvio in un bene sequestrato alla camorra”.

Non ci resta che incrociare le dita, auspicando che tali iniziative agiscano nel quadro di una costruttiva propulsione dell’attrattiva turistica regionale.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.