Stai in contatto

News

Sallusti, Salvini e il Rolex: triste cronaca di ordinario “Sputtanapoli”

Questo titolo sembra la classica introduzione per una di quelle barzellette che, magari in un primo momento, fanno pure sorridere, ma che al centesimo ascolto ti lasciano un senso di nausea intollerabile. Purtroppo, per me e per voi, alla fine di questo articolo, arriveremo quasi a desiderarle perchè, almeno in quei casi, gli stereotipi vengono […]

Pubblicato

il

Questo titolo sembra la classica introduzione per una di quelle barzellette che, magari in un primo momento, fanno pure sorridere, ma che al centesimo ascolto ti lasciano un senso di nausea intollerabile. Purtroppo, per me e per voi, alla fine di questo articolo, arriveremo quasi a desiderarle perchè, almeno in quei casi, gli stereotipi vengono utilizzati per strappare qualche banale risata e non certo per vantare una lungimirante analisi sull’attuale situazione politica italiana.

È il caso dell’editoriale del quotidiano “Il Giornale”, scritto dal direttore Alessandro Sallusti, non nuovo a questi indecorosi exploit. Come un buon e vecchio amico, il giornalista lombardo consiglia al leader della Lega Matteo Salvini di stare attento alle strategie di Luigi Di Maio e Roberto Fico per quanto concerne la formazione del governo.

Fin qui nulla di strano oseremmo dire, peccato per la “metafora” utilizzata: occhio al Rolex, perchè d’altronde si sa, i napoletani sono soliti al gioco delle tre carte, sono endemicamente “mariuoli”. Con tesi degne del peggior Lombroso (forse Sallusti ne è un illegittimo discendente, in vena di riabilitare il pensiero del suo presunto antenato?) si getta di nuovo in pasto ai mezzi d’informazione l’idea che, essendo meridionali, i due esponenti del Movimento 5 Stelle siano, non per caratteristiche personali ma per natura, destinati a “fottere” l’ingenuo Matteo.

Questo scempio purtroppo, ennesimo esempio del fenomeno “Sputtanapoli”, resterà impunito. E come osserva il giornalista Angelo Forgione, il vero furbetto a godere di tutto ciò è proprio il caro Sallusti. Proprio lui, alla stregua del miglior Arsenio Lupin, sa benissimo che ancora una volta, la farà franca…

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.