Stai in contatto

Storia

STORIE DIMENTICATE / Il primo teatro off e popular di Napoli, il San Carlino (detto ‘a cantina, secoli prima delle cantine)

Pubblicato

il

Quella che vedete in alto è una rara foto del teatro San Carlino prima del Risanamento. Costruito per la prima volta nel 1740, il teatro originariamente si trovava in largo di castello attuale piazza municipio, ed era affidato alla famiglia Tomeo. Gia nel 1734 sotto la guida di Miguel Tomeo il San Carlino, all’epoca una baracca di legno, era considerato il teatro del popolo. Si dice che fosse l’unico tra i teatri Napoletani che si permettesse di fare della satira sul Re e sulla famiglia reale, infatti si racconta che lo stesso Re Ferdinando Di Borbone preferiva disertare il San Carlo per il San Carlino, vestendo abiti da “lazzarone” per non essere riconosciuto. Il teatro era poco piu grande di una cantina, ed era posto sotto il livello della strada, infatti era detto dal popolo ” a cantina”. Lo descriveva così Samuel Sharp :«Il teatro è poco più grande di una cantina, anzi éè proprio conosciuto, e molto, sotto questo nome, poi che per abito così è chiamato: La cantina. Scendete dal livello della strada, dieci scalini e siete in platea. Corre attorno alla platea una galleria divisa in dieci o dodici palchi, ognuno capace di quattro persone, che vi possono star comodi».

Il primo San Carlino non era da meno, i lavori che si rappresentavano erano per lo più drammi o rappresentazioni di guerra e, talvolta, anche lavori in musica. Uno dei primi impresari del San Carlino fu Giovanni Brancaccio (1740 – 1754); nel 1754, al San Carlino, arriva Domenicoantonio Di Fiore. Sempre nel 1754, esattamente il 10 luglio, il San Carlino passa all’impresario Giuseppe Pepe che lo tenne fino al 1759 poi, il 27 aprile del 1760, il San Carlino fu demolito per ordine del Re. Più tardi, nel 1770, i coniugi Tommaso Tomeo e Elisabetta d’Orso ricostruirono il San Carlino. Il permesso di costruzione del nuovo San Carlino fu concesso il 17 marzo del 1770. Da quel momento al teatro di Largo Castello si avvicendarono Vincenzo Cammarano (Giancola), Salvatore e Antonio Petito ed infine, Eduardo Scarpetta, ai quali rimandiamo per ulteriori notizie sul teatro, che fatto grande da quest’ultimi e dagli impresari Tomeo, Silvio Maria Luzi e Salvatore Mormone, fu demolito il 6 maggio del 1884.

Oggi dove era ubicato il San Carlino si trova la sede della banca d’Italia, in via Miguel Cervantes, e non è stata mai posta una targa a memoria dello storico teatro.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.