Stai in contatto

Ambiente

Un foglio di carta dalla tunica d’aglio: l’idea ecosostenibile e antispreco che arriva dal Cilento

Pubblicato

il

Una cucina sui Monti Alburni con il grande tavolo di betulla che diventa un laboratorio per impastare fogli di carta dagli scarti dell’aglio: questa storia comincia nell’azienda agricola Il dono dell’erba nata grazie all’impegno e alla passione di Rosa Ferro e di suo marito Alfonso Esposito. 

Dal Cilento ancora un esempio di inventiva

La loro casa è a Castel San Lorenzo – nella Valle del Calore Salernitano – dove vivono con la figlia Hera, invece il terreno che hanno recuperato dall’abbandono si trova nel cuore del Cilento interno, al confine tra i comuni di Ottati e Aquara.

«Quando ho conosciuto Alfonso – ci racconta Rosa – abbiamo condiviso il desiderio di dedicarci all’agricoltura, ne abbiamo parlato tanto, per lui era un sogno, per me la possibilità di una vita più libera rispetto alle incombenze della città e dell’ufficio».

Dedicarsi all’agricoltura? Si può

Laureata in Scienze Ambientali, Rosa Ferro ha alle spalle diverse esperienze in laboratorio: «Non era il mio ambiente, così mi sono liberata trovando il luogo perfetto per avviare l’azienda agricola e cambiare tutto. Noi siamo in una zona che possiamo definire svantaggiata, perciò la nostra prima esperienza di coltivazione è stata quella di un’antica varietà di aglio che non ha esigenze particolari».

Ed è stato il bianco lucente della tunica d’aglio a conquistare Rosa, che ogni volta pensava di volerci scrivere sopra con una matita: «Quando si pianta bisogna partire dal bulbo, il primo passaggio è aprire l’aglio, di conseguenza restano la radice e la tunica, che diventano immediatamente scarto. Sgranando giorno dopo giorno l’aglio intero mi è venuta un’intuizione, basata su un’idea ecosostenibile, che rimanda ai principi dell’economia circolare, ad un modello di produzione e consumo capace di ridurre gli sprechi, che riutilizza e ricicla i materiali e i prodotti, generando ulteriore valore».

Tante prove prima di arrivare al risultato

Così ha cominciato a fare delle prove: acqua, tunica d’aglio ricavata dalla spicchiatura, amido di mais e il necessario per frullare, macerare, stendere ed essiccare: «La tunica e le radici restano nell’acqua a macerare, vengono sminuzzate e colate in un setaccio insieme all’amido, fino ad ottenere una polpa compatta da lavorare. Ho fatto molti tentativi e mi sono resa conto dell’ottima tenuta. Ho sperimentato questa nuova pratica per mesi, volevo arrivare ad ottenere un foglio che conservasse la sua ruvidezza, artigianale e a basso impatto ambientale».

Nessun componente chimico per questo progetto rurale e ecologico

Senza l’aggiunta di componenti chimici e senza lasciare un solo grammo di scarto che non chiuda il ciclo di produzione, Rosa Ferro con il suo progetto rurale ed ecologico ha vinto la finale nazionale dell’Oscar Green Coldiretti per la Campania, nella categoria 5. Terra: «Il tempo lento dell’agricoltura, l’armonia della natura hanno contribuito ad ispirarmi, ho fatto le mie ricerche in uno stato quasi meditativo, mettendo insieme fogli di carta d’aglio uno dopo l’altro. Un riconoscimento che ci ha riempiti di entusiasmo e ci ha dato una carica emozionale incredibile».

Uno scarto fragile quanto vaporoso e voluminoso si è trasformato in design, grazie alla creatività di Rosa, a quella terra da cui ha preso tutto e a cui dà tutto, facendo sue le energie che sprigiona, fino a far diventare questo rifiuto il carburante innovativo di una start-up: «Ho immaginato qualcosa di diverso e spero così di aver dato uno spunto, di essere d’esempio per tanti altri giovani che come me abitano nelle aree interne. Insieme possiamo essere una forza, costruire le condizioni per arginare lo spopolamento, avere una voce per dire quali sono le nostre necessità. C’è tanto da non lasciare andare, la memoria, le tradizioni, ma anche i servizi essenziali. Con la rete Altro Cilento ci stiamo impegnando per creare una collaborazione, dialogare ed essere sul territorio in maniera proattiva. Da Salerno e da Battipaglia – due grossi centri urbani – ci siamo trasferiti in un piccolo paese poco prima della pandemia e del conseguente lockdown, qui abbiamo trovato il calore di una comunità, il supporto e il sostegno di cui abbiamo bisogno, spazi a misura d’uomo e ritmi più sostenibili. Ma siamo anche consapevoli delle mancanze, ed è per questo che in prima persona partecipiamo ad un percorso condiviso che vuole colmare i vuoti: bisogna riprendere in mano i territori, avere il coraggio di cambiarli».

Maria Fioretti

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *