Stai in contatto

Diritti e sociale

21 Marzo: il primo giorno di Primavera è dedicato alle vittime innocenti delle mafie

Pubblicato

il

21 Marzo Proiezione Palazzo Reale

«Sono la mamma di Antonino Montinaro, il caposcorta di Giovanni Falcone. Perché il nome di mio figlio non lo dicono mai? È morto come gli altri.»

La giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie nasce da queste parole. Una frase scrigno del dolore di una madre, Carmela, che nel primo anniversario della strage di Capaci, avvenuta nel ’92, non sentì il nome del figlio, nascosto dietro l’espressione “i ragazzi della scorta”, assieme a quello di Rocco Dicillo e Vito Schifani. Così lei chiese a Don Luigi Ciotti che anche il nome del figlio venisse ricordato, assieme alle tante vittime innocenti della criminalità organizzata, da anni dimenticate.

Nacque così la giornata del 21 Marzo, simbolicamente nel primo giorno di Primavera. Non una ricorrenza, ma una giornata di denuncia sociale dove culmina un intero anno di lotta a Mafia e Camorra. Una giornata che vede impegnate centinaia di città italiane e migliaia di attivisti, studenti, bambini, insegnanti, lavoratori e liberi cittadini. Il 1° Marzo 2017, con voto unanime della camera, è stata approvata la proposta di legge che istituisce e riconosce la “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie”. L’impegno, però, va oltre l’istituzione.

21 Marzo 2o21: a ricordare e riveder le stelle

Sono passati ben 26 anni da quel 21 Marzo 1995, ma c’è ancora tanto da fare. E per questo 20 e 21 Marzo 2021 Libera, la più grande associazione italiana contro le mafie, ha lanciato “A ricordare e riveder le stelle”, nome della 26esima giornata del ricordo e dell’impegno. Assieme a centinaia di realtà territoriali, beni confiscanti e col sostegno di Rai per il Sociale.

21 Marzo Evento Libera

Il nome, diverso ogni anno, ha due significati. Il primo, “a ricordare” è dedicato alle vittime innocenti delle mafie, i cui nomi sono scanditi in questi giorni per non dimenticare il loro sacrificio ma soprattutto per ricordare a noi la necessità di un impegno continuo contro ogni ingiustizia. La lista di questi nomi è nata dall’idea di una madre, Saveria Antiochia, che come Carmela si è impegnata nel tenere viva la memoria del figlio. Mentre “E riveder le stelle” è un augurio di speranza. Così come Dante riuscì a riveder le stelle dopo il suo viaggio all’inferno, così noi ci auguriamo di poter vedere una luce dopo l’oscurità. E le stelle sono quella luce, sono tutti coloro morti innocentemente per mano delle mafie, e chi oggi lotta per sradicarle dai nostri territori.

Tutti gli eventi in Campania

La pandemia non ferma il ricordo e l’impegno civile. E sono più di 150 gli eventi che hanno preceduto questo 21 Marzo in Campania. Libera contro le mafie, infatti, quest’anno ha organizzato centinaia di incontri online con le scuole della nostra regione, per portare tra i ragazzi i principi della lotta alla mafia. Mentre la mattina di Sabato 20 Marzo si è tenuta una conferenza alla Whirlpool di Napoli.

E nelle principali città Campane è stata proiettata la lista dei nomi di tutte le vittime innocenti delle mafie. L’iniziativa, resa possibile da Libera Campania, Fondazione Polis e i tecnici di Playartmultimedia, ha toccato Benevento, Avellino, Capua, Salerno e Napoli. Dalla Rocca di Bevento al Palazzo Reale di Napoli sono visibili centinaia di nomi, centinaia di storie di vite spezzate.

Centinaia sono i nomi, ve ne ricordiamo alcuni: Placido Rizzotto, Giuseppe Letizia, Peppino Impastato, Mimmo Beneventano, Mena Morlando, Giuseppe Fava, Giancarlo Siani, Simonetta Lamberti, Don Beppe Diana, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, Giovanni Gargiulo, Gelsomina Verde, Giuseppe di Matteo, Annalisa Durante, Genny Cesarano…

Le vite spezzate dietro questi nomi gridano ancora: nun te scurdà, mafia e camorra sono una montagna di merda.

Ciro Giso

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.