Stai in contatto

Diritti e sociale

Don Fortunato: “Contro la pedofilia non si è fatto abbastanza”

Pubblicato

il

Pedofilia

Solo in Europa, sono circa 18 milioni i minori vittime di abusi e questo dato, al momento, nessuno è ancora riuscito a smentirlo”. A dichiararlo è don Fortunato di Noto, sacerdote di Avola (SR). Da trent’anni è impegnato nell’ambito della tutela dei minori e della lotta alla pedofilia, grazie anche all’impegno dell’associazione Meter.

Anche per un solo bambino

Il suo ufficio è a pochi passi dal lungomare della città. A osservare la meraviglia di questo mare, ci si chiede come sia possibile per don Fortunato continuare a lavorare immerso nell’orripilante melma della pedofilia e della pedo-pornografia.

Negli occhi si intravede tutta la sua fatica e il riflesso di sevizie indescrivibili. Abusi che è costretto a guardare con lo scopo di denunciare e salvare il maggior numero possibile di bambini.

Don Fortunato lo ripete spesso, mostrando chiara coscienza del fenomeno: “Non potrò certo salvare tutti i bambini del mondo. Sono convinto, però, che il mio impegno non è vano nemmeno se riuscissi ad aiutare uno solo di quei bambini vittime dei pedofili”.

La pedofilia non è un fenomeno marginale

Il fenomeno degli abusi sui minori non è certo marginale. “Basti pensare che i dati che abbiamo a disposizione sono relativi esclusivamente a quelle persone che hanno denunciato le diverse forme di violenza. C’è una buona fetta di persone che fa fatica a esporsi, che ancora tiene nascoste le violenze subite o di cui è venuta a conoscenza”.

Il dato più allarmante, tuttavia, è relativo all’enorme rete di pedofili di tutto il mondo che, grazie al web, ha la possibilità di scambiare materiali pedo-pornografici. In questo contesto, internet si trasforma in un supermercato dell’orrore nel quale è possibile soddisfare qualsiasi tipo di fantasia o istinto.

Nel tentativo di raccontare le proporzioni del fenomeno, don Fortunato abbassa lo sguardo, quasi si commuove ripensando a ciò che in trent’anni è stato costretto a vedere.

Solo nel guardare certe immagini bisognerebbe saltare dalla sedia e chiedersi cosa sia possibile fare per contrastare il fenomeno. Quello che abbiamo conosciuto è forse anche indicibile. Quando vedi neonati abusati, quando assisti alla violenza su bambini e bambine pensi che non puoi restare fermo, ma devi agire anche perché la pedofilia aggredisce esseri umani che non potranno mai difendersi da soli, che non sanno ancora chiedere aiuto o raccontare quanto hanno vissuto. Come fa un neonato a denunciare un abuso?”.

“Bisogna agire e in fretta”

Ed è per questo che don Fortunato continua a sentire l’esigenza di dare voce a chi non ha voce e di invitare quante più persone possibili a interessarsi del fenomeno. “Bisogna agire e in fretta. È necessario incidere su un nuovo modo di intendere la vita, anche perché credo che certe dinamiche siano frutto di una cultura che, in qualche modo, appare ancora capace di giustificare certi fenomeni.

Diventa necessario, allora, continuare a parlare di pedofilia, interessarsi di ciò che accade intorno a noi, smettere di credere che la cosa non ci riguardi da vicino. Basti pensare che non esiste regione in Italia nella quale non sia stato rintracciato almeno un caso di pedofilia. E allora, l’appello che sento di fare è quello di non accontentarsi di essere mediocri: nel mondo, nelle nostre città, nel nostro quartiere potrebbe esserci un bambino che ha bisogno di aiuto e che non sa ancora come manifestare questo suo bisogno. Non voltiamo lo sguardo altrove”.

Rocco Pezzullo

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.