Stai in contatto

Diritti e sociale

Mobilità sanitaria: la Lega perde il pelo ma non il vizio

Pubblicato

il

mobilità sanitaria

La notizia è passata un po’ in sordina ma merita di essere menzionata. Nei giorni scorsi, la deputata leghista Silvana Comaroli, si è spesa a forzare quel catino di nefandezze che in Italia prende il nome di decreto Milleproroghe nel tentativo di introdurre un emendamento che avrebbe obbligato l’esecutivo a ripartire i finanziamenti alla sanità pubblica secondo i criteri del 2019, invece che quelli del 2020 previsti da legge. Lo Stato – lo ricordiamo – eroga una parte dei finanziamenti alla sanità considerando la spesa storica: ogni regione riceve in base a quanto ha speso negli anni precedenti.

E a quale scopo – direte voi – infilare furtivamente l’emendamento? I motivi che hanno spinto la deputata leghista a introdurre questa piccola ma sostanziale forzatura  – neanche a dirlo – sono di natura economica e riguardano la celeberrima mobilità sanitaria, una stortura costituzionale che negli ultimi anni ha fatto la fortuna delle regioni settentrionali. La Lega, in sostanza, puntava alla spesa storica del 2019 perché lo scorso anno la mobilità sanitaria (e con essa la montagna di soldi dei meridionali) è stata totalmente azzerata dalla pandemia.

Con una semplice mossa, in barba alla legge, avrebbero garantito molti più soldi alle regioni del Nord.

Mobilità sanitaria

I motivi sono dunque da ricercare nella cosiddetta mobilità sanitaria interregionale, vale a dire quel processo di movimentazione che interessa quei pazienti che ricevono cure mediche in regioni diverse da quella di appartenenza. Tradotto numericamente, secondo i dati disponibili al 2017 forniti nel luglio 2019 dall’Osservatorio GIMBE, si tratta di un giro d’affari nazionale pari a 4,578 miliardi di euro. Di questi, la sola Lombardia riesce ad intercettarne 1,2 miliardi di euro, in virtù dei 120-160 mila pazienti extra-regione che affluiscono nelle strutture sanitarie lombarde, perlopiù se non esclusivamente private.

Uno degli effetti provocati dalla pandemia da Covid è stato quello di interrompere bruscamente questa emorragia di malati (e di miliardi di euro) verso Nord, un flusso ininterrotto che ha determinato, negli anni, un profondo abisso tra i servizi erogati ai cittadini della Lombardia rispetto – ad esempio – a quelli della Campania. La spesa sanitaria pro capite in Lombardia è pari a 2142 a cui si aggiungono 78 euro che giungono ogni anno da altre regioni per curare i non lombardi per un totale di 2220 euro (fonte Fake Sud di Marco Esposito), per la Campania la spesa è invece pari a 1655 euro, di cui 55 euro pro capite destinati ad arricchire le regioni del Nord proprio attraverso la mobilità sanitaria. La differenza tra le due regioni, considerata anche la mobilità sanitaria, è di ben 620 euro pro capite, una somma che moltiplicata per gli abitanti del mezzogiorno fanno oltre 4 miliardi e mezzo di euro all’anno.

Pericolo scampato

L’emendamento proposto dalla leghista non è mai stato approvato, e il merito va attribuito a due parlamentari del PD e due di Forza Italia che si sono opposti all’ennesima truffa leghista ai danni del Mezzogiorno convincendo la ministra per il Sud Mara Carfagna a dare parere negativo.

La Lega, dunque, perde il pelo ma non il vizio. Per quanto possano provarci, magari passando una mano di spugna per cancellare il Nord dallo slogan, oppure mascherandosi da finto partito sovranista, salvo poi tentare di scardinare la Costituzione italiana con l’Autonomia Differenziata, gli obiettivi e gli interessi della Lega Nord restano sempre gli stessi: favorire gli interessi di una sola parte del Paese con i voti (e i soldi) di tutti gli italiani.

Antonio Corradini

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.