Stai in contatto

Ambiente

BOSCO DI PORTICI / Gli studenti lo puliscono: questo è il Sud che ci piace

Pubblicato

il

Portici Bosco superiore

Portici Bosco superiore

Mentre il mondo identitario, o “meridionalista”, si divide  su come imbastire una reazione all’Euro, ed all’immigrazione selvaggia, altro spauracchio creato ad arte, per dirottare folle di uomini spaventati verso beceri orizzonti elettorali, mentre si “combatte” una guerra per una vittoria di “Pirro”, per affermare principi di monarchia o di repubblica, e presunti giacobinismi, in un “sud” che non ha neanche una valida rappresentanza,  la risposta concreta arriva dall’azione di tanti gruppi di ragazzi, studenti, che iniziano a preoccuparsi del loro territorio.

E’ il caso dell’AUSF ( Associazione Universitaria Studenti Forestali) di Napoli che ha organizzato un importante evento:”Pulizia del Bosco di Portici“, domenica scorsa, dove questi ragazzi hanno dimostrato la tenacia, l’impegno, e la volontà affiancati da persone di ogni cultura e classe sociale, hanno ripulito il “Bosco Superiore”, dopo decenni di sversamenti ed incuria.

I supporti messi a disposizione dal Comune sono stati: 2 piccoli camion per la raccolta dei rifiuti, 200 sacchetti da 120 litri, 2 macchinette e 2 contenitori “raccogli siringhe”, 100 guanti.

Davanti a loro, una discarica a cielo aperto nella quale si e’ potuto ritrovare di tutto, dalle bottiglie contenenti elementi chimici, alla vernice, dai materiali di risulta dell’edilizia, agli stendipanni, dalle gomme di automobili, all’Eternit.

Questi giovani universitari, hanno parlato con i fatti, hanno agito per la loro terra, in barba ad ogni calcolo politico, senza malizia, e senza dare sfoggio di se, per un giorno hanno ridato dignità a quella parte di bosco, tra la Reggia, il Castello Borbonico, e l’Orto botanico, che versava in condizioni pietose, da decenni, restituendo, così, semplicemente, senza convegni, senza congressi, senza elucubrazioni politiche di sorta, una dignità, che specie in questi tempi, sembra essere una parola difficile da pronunciare.

 Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.