Stai in contatto

Agroalimentare

CELEBRAZIONI PEZZOTTE / Brandi, il principe cetriolo e il falso storico della nascita della Margherita

Pubblicato

il

Oggi 11 giugno Brandi celebra la nascita “pezzotta” della pizza più famosa del mondo: la Margherita. E lo fa con un testimonial pezzotto, cioè alla presenza del principe Emanuele Filiberto di Savoia.

Non ci riferiamo, naturalmente, alla qualità del manufatto di casa Brandi quanto piuttosto alla “leggenda” sulla nascita della pizza Margherita nella Napoli post-unitaria. E di leggenda si tratta, in realtà. Anzi, a dirla tutta, si tratta di una vera e propria invenzione, di una delle tante distorsioni storiche a cui l’Italia e i suoi ruffiani ci hanno abituati.

Secondo gli storici, infatti, la pizza Margherita inventata dal pizzaiolo Raffaele Esposito, capostipite della dinastia dei pizzaioli Brandi, sarebbe un palese falso storico, essendo numerose le fonti che descrivono la Margherita come la conosciamo oggi ben prima del fatal ’60.

In particolare, già nel 1830, un tale “Riccio”, nel libro “Napoli, contorni e dintorni” citava una pizza a base di pomodoro, mozzarella e basilico.

Già fa piuttosto tristezza il dover constatare che a Napoli gli eredi di quei Savoia criminali ed assassini vengano accolti con tutti gli onori ma, alla fine, ognuno fa ciò che gli pare nel suo locale. Pensare, però, di poter continuare a fregiarsi di meriti che non si hanno, calpestando ancora la storia e l’identità di questa meravigliosa e sciagurata città, è qualcosa che va ben oltre il marketing a buon mercato. È un crimine contro la storia, un insulto a Napoli ed alla sua natura di Capitale millenaria.

Un boccone indigesto, che proprio non ci piace.

Gli eredi di Brandi potranno continuare a festeggiare la “bufala” della Margherita savoiarda quando, come e con chi vogliono ma, nel rispetto della VERITÀ ci auguriamo che intervengano, prima o poi, le autorità, le associazioni, il Consorzio e chiunque ne abbia le facoltà.
JATEVENNE.

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *