Stai in contatto

Ambiente

CITTADINI IN CAMPO / Contro i roghi tossici, a Portici un Flash Mob ed un presidio

Pubblicato

il

Piazza San Ciro a Portici, ore 19:30: il disegno a terra è emblematico e raffigura un uomo che tenta di mangiarsi il Vesuvio agguantandolo con le sue mani “avide”; la scritta lascia poco spazio all’immaginazione e recita così: PERCHE’? – SENZA FARE DEMAGOGIA – ARRESTATELI.

Intorno, c’è una moltitudine di persone, che una volta abbandonate le tastiere, si sono riversate in strada a tentare di fare qualcosa, in maniera più o meno scomposta, ma con un unico desiderio, quello di reagire a questo scempio territoriale, che si sviluppa, guarda caso, proprio in un periodo in cui il turismo dovrebbe godere del suo massimo incremento, in una regione che negli ultimi anni ha visto aumentarne finalmente i flussi.

Un altoparlante e un microfono, scandiscono idee, progetti, possibili soluzioni, in un Flash Mob che ha ottenuto un riscontro davvero importante, a dimostrazione che i social, se utilizzati nella maniera giusta, possono davvero rappresentare una notevole risorsa per “stuzzicare” una politica inetta e spesso volutamente dormiente.

Alcuni metri più avanti qualche giorno fa è iniziato un presidio davanti al Bosco di Portici, che trovandosi alle sue falde è parte integrante dello stesso Vesuvio, con persone che a oltranza stanno sorvegliando quel che si riesce a sorvegliare: una magnifica vegetazione ancora bisognosa di cure, teatro di vicende risalenti all’epoca borbonica ma al tempo stesso luogo di svago utilizzato da intere generazioni per fare sport e far divertire i bambini, passeggiando verso il famoso “laghetto” di papere, per poi passare alle “peschiere” dalle quali il Re attingeva, fino ad inoltrarsi per il grande vialone che porta al lato ovest della Reggia, quello che affaccia sul mare per intenderci.

Attraverso il gruppo NOI CI SIAMO – VESUVIO, si è potuto stilare un elenco di iniziative e richieste condivise sul territorio, alla ricerca di soluzioni, che riguarderanno i prossimi giorni e che qui riassumiamo:

“Documento Condiviso (si sentiranno anche tutti gli altri comitati per poter fare un documento quanto più condiviso possibile):

– Si richiede all’Ente Parco Nazionale del Vesuvio l’istituzione di una consulta permanente composta da Associazioni/Comitati che operano nei comuni dell’Ente Parco.
– Si richiede all’ARPAC un monitoraggio costante dei fumi nei comuni colpiti dai roghi ed in quelli adiacenti (i fumi non si fermano con i confini geografici).
– Si richiede agli Enti, a vario livello, un monitoraggio sui fondi che arriveranno per la riqualifica del territorio, inserendo nelle commissioni un rappresentate dei comitati/Associazioni del territorio.
– Si richiede agli enti, a vario livello, l’istituzione di un Comitato Scientifico per la messa in sicurezza (per rischi idrogeologici), l’analisi del danno e la ri-progettazione (delle aree distrutte dall’incendio) del Parco Nazionale del Vesuvio.
– Si richiede ai comuni del Parco Nazionale di istituire una cabina di regia unica (Protezione Civile, Associazioni, Comitati, Comuni, Ente Parco, ecc….) che possa attivarsi in caso di emergenza e che possa funzionare anche come strumento di maggior controllo del territorio.
– Si richiede agli Enti scolastici di promuovere percorsi di cittadinanza attiva e di educazione ambientale per bambini e giovani.
– Verifica delle normative europee in materia di prevenzione e stato di adeguamento di quelle italiane.

Iniziative:
– Giovedì 20 Luglio ore 19.30 Flash Mob a Piazza San Ciro (Portici)
– Giovedì 20 Luglio ore 21.00 Assemblea Pubblica + Djset La Stazione Via Giovanni della Rocca, 252, 80041 Boscoreale
– Domenica 23 Soccorso alla Fauna (in attesa di maggiori info)
– Mobilitazione Generale il 25 Luglio piazza Matteotti Napoli
– Marcia a CASTELLO MEDICEO, sede dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio (da definire)”.

Siamo ormai sempre più convinti dell’importanza della presenza dei cittadini, perchè non c’è da fidarsi di questa politica che ci depista, con la complicità di alcuni media che ormai sono diventati succursali precostituite di feudi consolidati, in un marasma istituzionale, voluto,  affinchè non si capiscano quali siano le responsabilità.

Se il cittadino scende in campo, forse si potrà asserire che l’epoca dei fessi è finita.

Alberto Guarino

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.