Stai in contatto

Beni Culturali

DA MERGELLINA ALLA RIVIERA / Una nuova fontana con un pescatorello a largo Pignatelli. Quasi gemella di quella (da ripulire) in largo Barbaja

Pubblicato

il

La fontana del Marinaretto è una fontana di Napoli ubicata in largo Barbaja a Mergellina. Fu realizzata nei primi del Novecento dallo scultore Raffaele Marino (1868-1957), rifacendosi alla statua di Vincenzo Gemito, ben più famosa, custodita al Bargello di Firenze, di cui è vanto.

La fontana presenta una vasca ottagonale in marmo ed è impreziosita da una figura in bronzo di un giovane pescatore seduto su di una tavoletta posta su un tronco con uno scoglio sottostante nel tipico equilibrismo ed espressività delle statue di Gemito: accanto, una nassa e un pesce. In origine i pesci erano due, ma uno di essi fu trafugato. Attualmente forse quella di largo Barbaja è forse l’unica fontana di acqua “limpida” di Napoli, va detto. Ma una ripulita alla statua, che perde i lineamenti grazie alla salsedine a cui guarda e all’usura del tempo, che l’ha ossidata, sarebbe cosa buona.

Soprattutto in queste ore che si sta per collocare a Napoli, non molto lontano, e precisamente a Largo Pignatelli, davanti alla Villa, dove si sta riqualificando da tempo lo spiazzo antistante, un nuovo pescatorino, per giunta della stessa epoca di quello di  di Gemito, fine ottoento, inizi novecento.

Lo si apprende dal cartello che è stato affisso in esterno al piccolo cantiere dall’Ansaldo: la Riviera di Chiaia avrà di nuovo una fontana insomma, con un pescatorino firmato Giovanni De Martino. Da quello che traspare dal cartello pare sia una riproduzione di una delle opere più famose dello scultore napoletano formatosi all’Accademia di Belle arti sotto la guida di Stanislao Lista, Gioacchino Toma, e Achille D’Orsi (tutti brillanti scultori partenopei) ossia il pescatorello di locuste. D’Orsi è stato per giunta maestro anche di Raffaele Marino all’accademia, a riprova che i due pescatori dislocati a massimo un chilometro di distanza provengono dalla stessa scuola e sono della stessa epoca.

Lucilla Parlato

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *