Stai in contatto

Agroalimentare

LA RIFLESSIONE / Pizza fritta e sfogliatella gigante, quei record napoletani “mangerecci” risposta partenopea alla globalizzazione

Pubblicato

il

Ieri a Napoli è stata realizzata la più grande pizza fritta del mondo.
Oggi la più grande sfogliatella.
Due record per due prodotti simbolo della cucina napoletana.
Ma questi record sono niente se paragonati al record di bontà di queste delizie.

In un mondo globalizzato dove si può mangiare lo stesso panino McDonald’s in Italia come in Canada o in Vietnam o in Marocco, sapere che una sfogliatella o una pizza, fritta o meno, come la conosciamo noi, è raro assaggiarla in un qualunque posto fuori dai nostri confini, è motivo d’orgoglio.

Ci fa sentire a casa quando torniamo da un viaggio.
Ci fa sentire privilegiati.

Si lo so, i problemi di questa città sono tanti e possiamo pensare che essere la patria di tante eccellenze può rappresentare una magra consolazione.

Ma sfido chiunque, al ritorno da un viaggio di lavoro o da una vacanza in posti lontani a non sentire il bisogno, tornati in città, di farsi una pizza.
Di non pensare a quanto ci è mancata.
Di sentirsi, solo allora, finalmente a casa.

Come per la sfogliatella, per la pizza fritta, per il caffè.
Non c’è globalizzazione che tenga, il palato lo sa.
E’ l’antidoto alle preoccupazioni, è il nostro antidepressivo.
E’ roba nostra.
E’ casa.

Maurizio Zaccone

—————————————————————

Quanno ‘e ccose vanno male,
ca dicimmo e ca facimmo?
Tu addeviente n’animale?
Chelle vanno peggio ‘e primma.
Passarrà, tutto fernesce,
mo cuntientete ‘e magna’.
‘A salute ‘a tiene? e ghiesce:
tu quant’anne vuo’ campa’?

Raffaele Viviani (Fatalità)

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.