Stai in contatto

Arte e artigianato

DIZIONARIO NAPULITANO / 'E ppaparelle: sessanta modi per dire denaro

Pubblicato

il

dizionario napulitano

Cari lettori, oggi che la crisi economica attanaglia un po’ tutti mi pare giusto parlar di danaro e soffermarmi sulle voci partenopee usate per indicarlo: ‘E PPAPARELLE

Nel parlato napoletano, ma pure nei reperti letterari c’ è e ci fu un congruo numero di termini usati per indicare il danaro; qualcuno si è preso la briga di contarli e ne à trovato circa sessanta a cominciare in ordine alfabetico da quel sonante abbrunzo che richiama ovviamente la lega metallica (bronzo) con cui s’usava tempo addietro batter moneta, per passare poi al termine agresta che in primis indica l’uva primaticcia, quasi acerba, quella stessa che era effigiata in una cornucopia sul verso di un’antica moneta spagnola in uso nella seconda metà del 1500; rammento ancora l’ironica acquavite che è bevanda notoriamente tonica ed è fuor di dubbio che il danaro dia tonicità a chi ne possieda; ricorderò ora il termine agniento che di per sé indica l’unguento, il balsamo, e va da sé che il danaro è un balsamo che può lenire parecchi mali, oltre che l’unguento che a mo’ di grasso s’usa per ungere chi di dovere per assicurarsi un beneficio; sempre con riferimento alle capacità curative si pone il termine aruta l’erba aromatica che il popolo ritiene apportatrice di tanti benefici effetti: aruta ogne male stuta al pari del danaro che si ritiene possa risolver ogni problema sia fisico che morale; lasciando da parte ora i riferimenti curativi o lenitivi rammenterò il termine argiamma dal francese argent in riferimento, come il pregresso abbrunzo, al metallo usato per batter moneta. E continuiamo con una rapida elencazione in ordine alfabetico dei termini piú comunemente usati per indicare il danaro: bisante o besante dal bizantino:buzantion (moneta d’oro); boragna dal greco bora (nutrimento) addizionato del suffisso aggettivale lat. anea(m)→agna sí da lasciar pressupporre che in origine il termine fosse un aggettivo di moneta e si aveva moneta boranea = moneta nutrizionale;caduto poi il termine moneta l’aggettivo fu sostantivato e s’ebbe semplicemente boranea donde boragna; chiuove probabilmente per la somiglianza delle monete con le grosse teste dei chiodi; cianfrone dallo spagnolo cànflon moneta argentea che al tempo di Carlo V (1530 ca) valeva 1 ducato e sotto Filippo III (1598 ca) causa l’inflazione solo ½ ducato; ciaraffe dall’arabo giarif (moneta sonante) cicere (ceci) il povero legume usato un tempo come merce di baratto; crespielle dal francese crêpe frittella increspata e dorata richiamante l’oro della moneta e la rugosità del conio; crie monete cosí chiamate perché portavano effigiata la spiga dell’orzo (in greco kri), cuocciole dal greco còclos (conchiglia); un tempo le conchiglie furono usate come moneta negli scambi commerciali; dummineche dal nome di Giandomenico Tramontano abilissimo coniatore di stampi di moneta, attivo presso la zecca napoletana nella seconda metà del 1500; fajenze dal nome della città di Faenza dove erano prodotte le costosissime stoviglie in terracotta pregiata; col nome della città di Faenza sostantivato in fajenza e nel suo plurale fajenze si finí per designare il danaro in generale atteso che ne occorreva impiegare moltissimo per acquistare le terracotte ivi prodotte; filusce o filusse o ancora felusse. Sull’origine del termine si è a lungo discusso chiamando in causa volta a volta, ma fantasiosamente il latino folliculus contenitore dei soldi e per estensione soldi medesimi o ancora piú fantasiosamente il nome dei sovrani spagnoli Filippo I o II o III da cui: Felippo, Felippusse ed infine Filusse. La faccenda è molto piú semplice e seria derivando, a mio avviso, il vocabolo de quo dall’arabo fulus plurale di fals (dal greco phóllis =obolo) nel significato appunto di moneta, danaro; la voce araba invase tutto il bacino mediterraneo al segno che in Calabria, con analogo significato, abbiamo filusu , in Sicilia: filussi, in Toscana: pilosso, in Spagna: felús ed in Portogallo: fuluz; frisole (i fagioli spagnoli) e fasule usati, temporibus illis a mo’ di moneta o merce di scambio al pari dei ciceri summenzionati in precedenza; furmelle il termine originariamente indicò i bottoni fatti con grossi dischetti di legno, di osso o di metallo, dischetti semplici, nudi o ricoperti di stoffa, successivamente con il detto termine si indicarono pure, per la loro somigliante forma, le grosse, sonanti monete coniate dalla zecca partenopea; gigliati in riferimento al giglio d’oro impresso sulle monete d’epoca angioina; gliuommero dal latino: glŏmere principalmente gomitolo e poi anche: rotolo di monete e da esso monete tout court; grano d’ovvia valenza simile all’odierna grana, ma quanto piú espressivamente corretta attesa la sacertà del cereale richiamato; manteca dall’omologo termine spagnolo: saporita crema di panna, burro, latte e zucchero che richiama l’idea del buono ed utile ungere proprio del danaro; maglie dritto per dritto dal francese: maille=moneta, rammentado che chi è sprovvisto di danaro s’usa indicarlo come: sfasulato (con riferimento ai pregressi fasule) o – giustappunto: smagliato; medaglie o cemmeraglie per l’ovvia somiglianza tra le battute monete e le coniate medaglie; miglio sulla falsariga del precedente grano; mignòlo o mognèlo termini di oscura derivazione e significato però fortunatamente ed abbondandemente desueti; tuttavia qualcuno (ed io per completezza riporto) vuol leggere nei due termini un adattamento metatetico locale del termine mancòso/mengòso (moneta d’oro del valore di 30 denari/tarí d’argento) con cambio di suffisso òso→òlo/èlo; la voce mancòso/mengòso è dall’arabo mankus = coniato.

Numerosissimi i vocaboli sotto la lettera P , ricorderò: patane, papagne parpagnole, patacche, picciule; sorvolo su tutti per soffermarmi sul termine paparelle con il quale oggi furbescamente si suole indicare il danaro; è pur vero che con il termine paparelle in napoletano si indicano i piccoli dell’anitra, ma con tale accezione il danaro non c’entra nulla; come significante la moneta, a mio avviso, per detto termine occorre risalire al nome del facoltosissimo e munifico nobiluomo Aurelio Paparo fondatore con un tal Nardo di Palma di un Monte di Pietà in cui profuse parecchio danaro di suo per combattere la piaga della povertà ed usura. Su di un’analoga via di beneficenza si pose Luisa, figlia di Aurelio Paparo, che sovvenzionata dal genitore fondò un tempio o conservatorio di donne povere e neglette chiamate dal popolo: paparelle. Da detto nomignolo prese il nome una strada napoletana, quella dov’era ubicato il tempio.

Ma continuiamo ad elencare: pennacchie dal nome di una vilissima moneta penna dal valore esiguo di 1 carlino, quella stessa moneta che per la facilità con cui veniva spesa diede vita al detto: miéttele nomme penna (chiamala penna) in riferimento ad ogni cosa che si potesse facilmente perdere o cedere senza lasciar tracce di remore o dispiaceri; purchie ed il suo corrotto perucchie ambedue coniati sul termine porchia nel significato di gemma, pollone, richiamante quel rigoglio della vita facilmente assimilabile alla rigogliosità che può dare il danaro; prubbeca che si ritrovò con qualche adattamento morfologico in altre regioni del meridione; in origine con la voce prubbeca (poi passata a designare genericamente il danaro metallico) si indicò una moneta di rame del valore d’un tornese (vedi alibi) o di sei calli (ca(va)lli) fatta coniare da Filippo III di Spagna intorno al 1550; su detta moneta era coniato il motto publica commoditas donde si ricavò popolarmente il termine metatetico prubbeca.

E potrei ancora continuare in un’elencazione, ma correrei il rischio di segnalare termini non piú usati; preferisco perciò indicare solo un ultimo ed attuale, corrente e cioè: sfardelle termine un po’ becero, ma ancora oggi in uso nel parlare popolare anche se di lontanissima provenienza in quanto corruzione della parola ferdinandelle o ferrantelle dal nome di una moneta battuta tra il 1460 ed il 1490 a Napoli sotto Ferdinando o Ferrante d’Aragona, figlio naturale seppure illegittimo e successore di Alfonso il Magnanimo.

A margine di tutte queste voci trovo interessante indicare le principali monete in uso nel reame di napoli tra il 1750 ed 1865;abbiamo: GLIUOMMERO (43650 lire it.) = rotolo di 100 DUCATI; DUCATO/SCUDO popolarmente piezzo janco o pezza (= 436,5 lire it.) = 100 GRANI/GRANA (ogni grana era corrispondente a 4,365 lire italiane);  TARí = 2 CARLINI =20 GRANI = 87,30 lire italiane, CAVALLO O CALLO: Coniata in rame in piú valori (uno, due, tre, quattro, cinque, nove) dal 1472 al 1815 (quando fu sostituito dal tornese), era la dodicesima parte di un grano napoletano.

Dal 1814 passò, invece, a rappresentare la decima parte di un grano napoletano. PREVETINA = 13 GRANI = 56,745 lire italiane; CALLO = 1/12 DI GRANO = 0,363 lire italiane; TRECALLI = 1.09 lira italiana;  CARLINO = 10 GRANI = 43,650 lire italiane; il carlino quando il suo valore passò a 1/2 e poi a 1/20 GRANO cioè a 2,1825 e poi 02,18 lire italiane prese poi popolarmente il nome di penna per indicare il suo scarso valore e per il fatto che su di una faccia di tale moneta (davanti ) v’era raffigurata l’intiera scena dell’annunciazione a Maria Ss. mentre sul rovescio v’era raffigurato il particolare dell’arcangelo con un’ala (penna) dispiegata; TORNESE = 2 GRANI = 8,73 lire italiane

E trovandomi in tema elenco qui di sèguito i principali pesi e misure di ardi e liquidi in uso nel reame di napoli tra il 1750 ed 1865 quantunque esulino dal discorso sulle monete; abbiamo: TOMOLO/TUMOLO (misura per aridi) = litri 55,32 divisi in 24 MISURE – MISURA (misura per aridi o liquidi) = litri 2,31 – BARILE (misura per liquidi) = litri 43,62 diviso in 60 caraffe CARAFFA(misura per liquidi) = litri 0,727 STAIO (misura per olio) = litri 10,081 pari a 96 misurelle MISURELLA o MESURIELLO = litri 0,105 CANTÀRO (misura per aridi ) = kg. 89,1 pari a 100 rotoli ROTOLO /RUOTOLO = 890 grammi (a Napoli e nel napoletano, mentre in Sicilia corrispondeva a 793 grammi) pari a 33,35 once a Napoli e 29,70 once in Sicilia – ONCIA = 26,7 grammi pari a 30 trappesi TRAPPESE = 0,89 grammi.

Di pertinenza di quanto elencato è la voce CAGNACAVALLE.

Con tale parola, a far tempo dalla seconda metà del 1400, a Napoli si intese indicare chi su banchetti di fortuna nell’àmbito dei mercati rionali esercitasse, spesso senza essere autorizzato/a, il mestiere di cambiavalute e non chi esercitasse l’attività di addetto al cambio di posta ( come erroneamente potrebbe far pensare la parola formata dall’agglutinazione della voce verbale cagna (3ª persona ind. pres. del verbo cagnare= cambiare dal tardo lat. *cammjare per * cambiare, di orig. gallica) con il sostantivo cavalle (plur. di cavallo che è dal tardo lat. caballu(m).

La faccenda si spiega con il fatto che la voce cavalle, seconda parte della voce cagna-cavalle non si riferisce al veri e proprî grossi mammiferi erbivori con testa lunga, collo diritto sovrastato da criniera, coda corta con peli lunghissimi, orecchie corte e diritte, arti con un solo dito, usati appunto nelle poste (luoghi situati lungo le vie di comunicazioni ed usati dai viaggiatori per fermarvisi temporaneamente, rifocillarsi e sostituire gli stanchi cavalli usati fino al momento del cambio), ma si riferisce ad una moneta che i napoletani chiamarono cavallo; rammento appunto che nella seconda metà del Quattrocento Napoli era governata da Ferdinando I d’Aragona, il quale nel 1472 fece coniare una moneta sul cui rovescio era effigiato un cavallo galoppante. Il popolo chiamò questa moneta «cavallo»→ca(va)llo e, nei secoli successivi, molti altri sovrani fecero battere monete con la medesima effige e conseguente medesimo nome, sino all’ultima emissione da tre cavalli→tre ca(va)lle del 1804.

A margine rammento un icastica espressione partenopea che recita: Pe ttre ccalle ‘e sale, se perde ‘a menesta. Letteralmente: per pochi soldi di sale si perde la minestra. La locuzione la si usa quando si voglia commentare la sventatezza di qualcuno che per non aver voluto usare una piccola diligenza nel condurre a termine un’operazione, à prodotto danni incalcolabili, tali da nuocere alla stessa conclusione dell’operazione. ‘O treccalle, come ricordato, era la piú piccola moneta divisionale napoletana pari a stento al mezzo tornese ed aveva un limitatissimo potere d’acquisto, per cui era da stupidi rischiare di rovinare un’intera minestra per lesinare sull’impiego di trecalli per acquistare il necessario sale che insaporisse la minestra.

Ed a questo punto penso d’avere esaurito l’argomento, d’aver contentato ed aver interessato qualcuno dei miei ventiquattro lettori e penso poter ben dire Satis est.

Raffaele Bracale Brak

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.