Stai in contatto

Arte e artigianato

IDENTITA' SICILIANA / Sono patrimonio dell'umanità, ma i pupari di Palermo rischiano l'estinzione nell'indifferenza generale

Pubblicato

il

pupi palermo

L’UNESCO ha dichiarato l’Opera dei Pupi “Patrimonio immateriale dell’umanità. Ad essere considerato patrimonio non sono i pupi, pur pregiati e straordinari che siano, ma la parte immateriale dell’Opera, ossia quel patrimonio di tecniche e di mestiere che possiede l’operante puparo, l’esperienza artistica che si trasmette da padre in figlio e da maestro ad allievo. Eppure a Palermo, lo racconta Elisa Puleo Cuticchio, Organizzatrice dell’Associazione Figli d’Arte Cuticchio, negli ultimi anni in tanti hanno dovuto chiudere bottega: “Giuseppe Argento, Nino Canino, Nino Cacioppo, Paolo Galluzzo, Rocco Lo Bianco… Succede oggi anche a Nino Cuticchio, costretto a chiudere il Teatro Ippogrifo fondato dal padre nel 1969 e chiuso qualche settimana fa per mancanza di qualsiasi forma di sostegno economico, se non quello degli spettatori”.

“Da semplice operatrice culturale, senza l’aiuto di affermati intellettuali,  faccio un appello alla Regione – spiega la Cuticchio – chiedo al Presidente Crocetta di tutelare gli ultimi operanti rimasti e di destinare le esigue risorse che la Regione dispone per l’Opera dei Pupi a chi opera nel Teatro dei pupi, a chi porta avanti la tradizione, la ricerca, la sperimentazione a chi infonde vita ai pupi attraverso gli spettacoli”.

E’ notizia di questi giorni infatti che il declino per l’interesse nei confronti dell’opera dei pupi, ha costretto il proprietario dell’Ippogrifo Nino Cuticchio, fratello di Mimmo, a chiudere i battenti del suo Ippogrifo nel più totale disinteresse. Nino è un grande costruttore di pupi: tra i tanti, ne realizzò uno, in occasione di un film girato a Palermo, a immagine e somiglianza dell’attore Giancarlo Giannini. Oggi anche lui lancia un appello alle istituzioni ed al Presidente della Regione Crocetta (nonostante nessun politico abbia mai messo piede nel teatro), non per lui, ma per i pupari ancora in attività: “Non li lasci morire. La storia della Sicilia è tutta qui”. Parole alle quale si unisce Elena Puleo Cuticchio: “Diversamente avremo solo pupi inanimati alle pareti di un museo, simulacro di qualcosa che fu, ciò che resta di una tradizione della quale qualcuno vuole decretare frettolosamente la fine”.”.
Gabriella Martini

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.