Stai in contatto

Storia

IL RICORDO / Luigi, De Filippo: l’ultimo di una dinastia

Pubblicato

il

Figlio di Peppino, nipote di Eduardo e di Titina, cugino di Luca. Dici De Filippo a Napoli, e invochi il nome stesso del teatro. E’ morto oggi a Roma, l’ultimo attore della dinastia partenopea del ‘900.

Nato a Napoli nel 1930 e che, appunto tra Roma e Napoli, ha visto svolgersi le vite della grande famiglia del teatro partenopeo: liti, riconciliazioni, drammi personali e lavorativi, ma soprattutto tanti capolavori che tutta la famiglia De Filippo, ha creato partendo da Napoli.

Mentre recitava Napoli milionaria, nel 1972 al teatro San Ferdinando che aveva restaurato a sue spese dopo la guerra, Eduardo si accorse che seduti fra il pubblico c’erano il fratello e il nipote. E fu proprio Luigi a consigliare il padre di andare a vedere lo zio, dopo la furibonda lite al teatro Diana tra i due nel 1944.

Eduardo così, alla fine del primo atto si fermò, e invitò a salire sul palco fratello e nipote e li abbracciò davanti a tutti. Finirono all’osteria quella sera, almeno
momentaneamente, le lunghe lotte trai fratelli dell’arte del teatro di Napoli, come lo stesso Luigi ci ha raccontato nelle interviste.

Luigi De Filippo esordisce nel 1948 grazie a Eduardo (intervista ottobre 2016), e impara a suonare il piano grazie a Titina. Titina che quando si ammala di cuore, diventa una poliedrica pittrice, e la sua prima mostra a Parigi, gliela presenta nientemeno che Jean Cocteau. Luigi nelle interviste che ha rilasciato negli anni, è stata una preziosa memoria: ha raccontato senza prendere mai le parti, ma con grande affetto, le liti dei due fratelli e le loro personali differenze e visioni.

Ha dedicato il Parioli di Roma al papà, nel 2011, che oggi è appunto il Parioli-Peppino De Filippo. Ha recitato fino all’ultimo, e in gennaio ancora in “Natale in Casa Cupiello” dello zio (in alto una delle ultime foto di scena sul palscoscenico, ndr), e proseguito nella scrittura teatrale la lunga avventura della sua dinastia. Ha avuto parole di stima per il cugino Luca, e per tutti. Con lui si chiude il cerchio di una immensa tradizione e rimane vivo invece il patrimonio culturale non solo napoletano, ma della intera cultura italiana che i De Filippo hanno creato.

Nessuno può sapere davvero cosa nasconda una famiglia, specialmente quella che nasce da una pesante eredità di “doppia famiglia” partenopea: Eduardo Scarpetta e i suoi figli naturali e legittimi, le lotte delle moglie, le soluzioni, le eredità, le estati divise e i pranzi allargati…temi su cui esistono fiumi di libri ed articoli. E’ bello invece ricordare oggi, la realtà umanissima dei protagonisti.

Senza i drammi personali, la fame, l’ingegno e la genialità dell’arte, i successi e le sconfitte – mescolati a tutta la gamma possibile di grandezza e miseria umana, non avrebbe alcun senso il teatro.

Così Luigi risposte ad una intervista che gli chiedeva della sua famiglia circa Peppino ed Eduardo: “Mi piacerebbe vederli discutere. Il loro amore per il teatro è stato più forte della rivalità. E poi c’era Titina. Cercò sempre senza riuscirci di mettere pace tra loro”.

Rossana Di Poce

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.