Stai in contatto

Identità

ANNIVERSARI / Oggi nasceva Tina Pica. Ad agosto cadranno i 50 anni dalla scomparsa: Napoli la ricorderà così

Pubblicato

il

Nasceva oggi, a Napoli, il 31 marzo 1884, Concetta Pica, in vico Cappella a Pontenuovo, a due passi dal teatro San Ferdinando, dove debutterà a sette anni e dove trascorrerà gran parte della sua storia di attrice teatrale, al fianco di Eduardo.

Tina, ovviamente, per i napoletani e non solo, è molto di più: quest’anno ad agosto cadranno i cinquant’anni dalla sua morte e Napoli non si farà trovare impreparata.

Tina Pica sarà ricordata grazie alla sensibilità di Ruggero Cappuccio, direttore del Napoli Teatro Festival, che ospiterà una mostra a cura di Giulio Baffi in collaborazione con i nipoti della Pica, Franco e Franco, e dove anche noi di Identità Insorgenti la omaggeremo con un piccolo documentario (“Fratello ricordati di Tina Pica”) che sarà proiettato nell’ambito di questo piccolo grande omaggio alla sua memoria in una location splendida e insolita, di cui poi vi parleremo ampiamente nelle settimane a venire.

Non è la sola iniziativa per la Pica in programma. Come redazione abbiamo infatti proposto lo scorso lunedì alla commissione Toponomastica del Comune di Napoli,  ottenendo parere favorevole, l’apposizione di una targa in via Santa Teresa 118, la strada dove Tina visse per la maggior parte della sua vita, in una casa dove – come racconta Franco nel nostro docu – c’era sempre gente, si cucinava continuamente e si giocava a carte. Perché Tina era anche questo: una giocatrice d’azzardo, come molti attori, seppur religiosissima. Una cuciniera, come molte napoletane, seppur scanzonatissima.

Nella splendida e ormai introvabile biografia della Pica a cura di Gioconda Marinelli edita da Adriano Gallina circa 20 anni fa (anzi sarebbe forse il caso di rieditarla per quest’occasione) nella bella prefazione Valerio Caprara scrive della sua recitazione sentenziosa e della sua mimica grottesca, che “rappresentano la vitalità, l’anarchismo, la prepotente comunicativa che arrivano dalla tradizione scarpettiana e defilippiana, dall’avanspettacolo e dal café chantant e garantiscono al nuovo cinema seriale una fragrante peculiarità spettacolare (…) anticipando così gli esiti di una napoletanità d’attacco e trasgressione”. Una descrizione perfetta di quello che oggi può rappresentare anche per le giovani generazioni Tina Pica.

Stiamo rivedendo in queste settimane tutti i suoi film: non solo b-movie e spaghetti western, ma perle preziose in un tesoro di camei e non solo, anche drammatici che speriamo di poter raccontare al meglio nei prossimi mesi. Tre titoli su tutti, non scontati, che consigliamo di rivedere: “Proibito Rubare” di Comencini, “Marito e Moglie” di De Filippo, “Il segno di Venere” di Dino Risi…   ritroverete un’attrice poliedrica, straordinaria, unica. Una Totò in gonnella come scrissero molti critici dell’epoca. Ma anche una donna a 360 gradi. Da riscoprire. Da non dimenticare.

Lucilla Parlato

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.