Stai in contatto

Arte e artigianato

IN DIFESA DI CAPODIMONTE / In piazza per il Caselli ma non solo

Pubblicato

il

 capodimonte dall'alto
Negli ultimi mesi, da queste pagine, ci siamo occupati a più riprese della Collezione Farnese, del Museo e della reggia di Capodimonte e della paventata chiusura dell’istituto Caselli. Ci è parso naturale, pertanto, organizzare una manifestazione in difesa di Capodimonte e del suo avvenire: un patrimonio da difendere, nella sua globalità, a cominciare dalla scuola di ceramica e a finire al suo parco e alle sue preziosissime collezioni.
Con un certo disappunto, però, ci siamo imbattuti in qualche polemica che reputiamo sterile e forviante. Intanto, perché la manifestazione è a sostegno della battaglia per il Castelli ma anche per la collezione Farnese, il Museo, la reggia e tutte le ricchezze di Capodimonte. Poi perché siamo dell’avviso che fare sia sempre meglio che non fare: soprattutto se anche altri, che hanno aderito alla nostra manifestazione, a cominciare da allievi, insegnanti e associazioni di porcellane e ceramiche e all’appello per non chiudere il caselli, sottoscritto da professori universitari, da direttori di poli museali, da intellettuali. Ed in ultima istanza, perché siamo sempre dalla parte di chi scende in piazza per battersi contro le ingiustizie. Infatti, dopo aver ascoltato gli studenti e i docenti del Caselli, che saranno in piazza con noi domenica, ci siamo convinti ancora di più che dare un contributo e non lasciarli soli in questa lotta fosse importante.

Per quanto riguarda la storia del l’accorpamento che “non è chiusura”, propinata da soggetti evidentemente interessati in prima persona allo scioglimento del Caselli, pubblichiamo di seguito un’ANSA del consigliere regionale Angela Cortese, che spiega esattamente in quali ingranaggi è finito il Caselli, e perché il suo accorpamento ad altro istituto è da scongiurare. Intanto, vi diamo appuntamento a domenica 1 febbraio ore 11 fuori porta Piccola, per la nostra manifestazione in difesa di Capodimonte.

(ANSA) – NAPOLI, 21 GEN – “Oggi sono stata all’Istituto per l’industria e l’artigianato Caselli di Napoli, all’interno del Bosco di Capodimonte, dove era convocata un’assemblea del personale docente e non docente per discutere della deliberazione regionale di dimensionamento”” fa sapere Angela Cortese (Pd), consigliere regionale, segretario della Commissione Scuola, aggiungendo che ”iI 13 giugno del 2013, un ordine del giorno votato all’unanimità dal Consiglio dava mandato alla giunta di esperire tutte le pratiche necessarie al riconoscimento dello statuts di indirizzo raro al Caselli, unico istituto per la ceramica in Italia, mettendolo così al riparo dai parametri numerici stabiliti dal dimensionamento, evidentemente inadeguati per percorsi di studio di questo tipo”. Prosegue Cortese: ”Purtroppo, leggendo la deliberazione di dimensionamento, dobbiamo prendere atto del fatto che la giunta ha ignorato quell’indirizzo indicato da tutto il Consiglio regionale. Contro una sciagurata ipotesi di accorpamento, la scuola impugnerà con un ricorso al Tar quella deliberazione provinciale, approvata peraltro il 22 dicembre scorso, quando il decreto Delrio già limitava i poteri delle Province in vista della costituzione delle Città Metropolitane”. ”Intanto, gli studenti si riuniranno in assemblea per studiare forme di mobilitazione. Dal canto mio – annuncia Cortese – con un’interrogazione a risposta scritta chiederò conto al presidente Caldoro e all’assessore competente del mancato adempimento rispetto alle indicazioni ampiamente condivise in Consiglio e ascolterò il sottosegretario Faraone per concordare una visita all’istituto”.
Drusiana Vetrano
Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.