Stai in contatto

Beni Culturali

IN SALENTO / La storia della statua della Minerva ritrovata. Fu cantata da Virgilio

Pubblicato

il

statua della minerva salento

La Puglia ci stupisce ancora restituendoci incredibili testimonianze del nostro passato, accade a Castro nel Salento, una piccola città in provincia di Lecce.

Su di un altura che domina il blu del mare, qualche giorno fa una equipe di Archeologi ha portato alla luce una statua di grandi dimensioni che potrebbe raffigurare la dea Minerva.

Il manufatto secondo quanto stimato dagli studiosi potrebbe raggiungere, qualora fosse possibile ricostruirla per intero, un altezza di circa 4 metri.

La cosa interessante è che la statua, acefala e mancante di molte parti riporta tracce di colore rosso porpora sulle vesti ed è un’incredibile opera monumentale, sembra di pregevolissima fattura, proveniente con molta probabilità, dalle officine tarantine che tra il II e il IV sec. A.c sono attive in tutto il Salento Messapico.

Le foto finora disponibili mostrano una figura femminile abbigliata con una tunica che possiamo solo immaginare essere il lungo peplo con sopra l’egida che insieme alla lancia identifica la dea Minerva nella iconografia classica, il ritrovamento degli “attributi” della dea o il resto della statua potrebbero darci una identificazione certa della divinità rappresentata; qualora, infatti, il resto della statua dovesse rivelare una tunica corta si tratterebbe della rappresentazione della dea Artemide.

castro (3)_MGTHUMB-INTERNA

La dea Minerva, che derivava dalla greca Atena è per i romani la divinità della guerra “giusta” ovvero della guerra intrapresa per giuste cause o a scopo difensivo. E’ anche la divinità protettrice della matematica, dell’architettura, dell’artigianato e della tessitura … la dea dai mille compiti come ebbe ad appellarla il poeta Ovidio!

La statua giaceva ad una profondità di tre metri sui resti di quella che sembra una struttura difensiva, una rocca che secondo l’equipe dell’università del Salento potrebbe essere il famoso castro dove approdò Enea in fuga da Troia secondo quanto raccontato nell’Eneide Virgiliana.

Se si trattasse davvero di una statua raffigurante Minerva sarebbe, in ogni caso una scoperta molto importante che potrebbe aggiungere un tassello fondamentale sul dislocamento degli edifici di culto e sull’importanza data ad ogni singola divinità in ambito italico.

Aggiungiamo a questo racconto una nota: ogni nuova scoperta archeologica è anche un elemento che si aggiunge alla straordinarietà di un territorio come il Salento ed in generale tutto il Sud la cui vocazione è quella di raccontare il passato di tutti noi ed insieme ad esso aiutarci a riscoprire la nostra identità.

Un territorio dove sviluppare la ricerca scientifica, la cultura e il turismo e non certo un territorio da trivellare, svendere, svilire come invece oggi accade.

Simona Sieno

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.